Voltaire: vita e opere

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

François Marie Arout è il nome registrato all'anagrafe del filosofo simbolo ed esponente delle idee della cosiddetta "Età dei lumi", egli adottò lo pseudonimo largamente diffuso di Voltaire solo in un tempo successivo. Nacque il 21 novembre del 1694 nella città di Parigi ed ebbe fama non soltanto nelle vesti di filosofo bensì anche in quelle di scrittore e poeta. La sua prima educazione fu di tipo giansenista, questa gli venne impartita presso un collegio di Saint-Magloire. Frequentò anche il collegio gesuita di Louis-le-Grand dove approfondì le tematiche ideologiche classiche e quelle filosofiche. Lo spirito di Voltaire si dimostra sin da subito dedito alla satira politica, con tale satira attirò su di sé il malcontento di parte della nobiltà dell'epoca e dell'allora reggente del trono di Francia Luigi Filippo D'Orléans, succeduto a re Luigi XIV; per questa sua pungente critica dell'attività politica del tempo venne ben presto incarcerato, costretto a scontare una pena di reclusione di diversi mesi alla Bastiglia, celeberrimo carcere parigino. La vita e le opere di Voltaire, per la profondità delle riflessioni in esse contenute costituiscono ancora oggi una lettura fondamentale non soltanto per andare a cogliere lo spirito e il cuore dell'Illuminismo, che di fatto trovarono incarnazione nel filosofo parigino.

27

Occorrente

  • libro di antologia classica, epicureismo, il regno di Luigi XIV
37

Biografia

Francois- Marie Arouet nacque in una famiglia facoltosa da Marie Marguerite Daumard e dal ricco notaio Francois Arouet. Voltaire nacque dunque in un contesto familiare borghese caratterizzato da una vita agiata che il padre Francois voleva garantire anche al figlio, indirizzandolo agli studi necessari per poter intraprendere una carriera come magistrato. La famiglia Arouet fu segnata da una serie di lutti, Voltaire infatti ebbe quattro fratelli di cui due morirono poco dopo la nascita e perse la madre all'età di soli dette anni. Nella vita del filosofo incise moltissimo la figura del fratello Armand, il quale era un fanatico uomo di fede che determinò, insieme al pensiero maturato con lo studio filosofico e con la frequentazione degli ambienti intellettuali inglesi, la nascita di un pensiero profondamente critico nei confronti di tutte quelle religioni che, a parere del Voltaire, andavano ad unire eccessivamente l'elemento umano con quello divino. Nella sua sterminata attività letteraria troviamo infatti una costante nella critica di tutti gli atteggiamenti religiosi fanatici, prepotenti e ostili alla tolleranza. Francois Marie Arouet, proprio per il naturale temperamento volto alla critica pungente, disattese le aspettative paterne e finì nel carcere della Bastiglia per la seconda volta poiché venne arrestato successivamente ad una discussione avuta con il cavaliere Guy- Auguste de Rohan-Chabot. Dopo tale incidente si trasferì in Inghilterra trovando un ambiente del tutto differente rispetto a quello che caratterizzava la Parigi dell'epoca; in Inghilterra non si riscontrava quella rigida e medievale distinzione di ceti così com'era in Francia, l'aristocrazia inglese tollerava e conviveva con la borghesia, c'era maggiore libertà di pensiero, cosa diametralmente opposta accadeva in Francia, non per caso fu questo regime di ceti chiusi in antichi pregiudizi e arroccato su privilegi ormai ingiustificabili ad essere il terreno di coltura per la nascita e per lo sviluppo delle idee che furono il motore e il nutrimento della Rivoluzione del 1789. Tutte queste considerazioni confluiscono in una delle opere più incisive del filosofo, ovvero "Le lettere filosofiche", in questa opera veniva esaltata l'Inghilterra negli aspetti che Voltaire apprezzò maggiormente durante il suo alloggio, cioè la tolleranza dei cittadini inglesi, la crescita scientifica e tecnologica che stava vivendo il paese, la filosofia e gli studi di Isacco Newton, Francis Bacon e di john Locke. La critica alla società francese fu così aspra che la questione venne discussa in Parlamento e lo scritto di Voltaire venne messo al bando. Il filosofo si trovò ad affrontare un grosso pericolo per l'indignazione provocata negli ambienti più ricchi e potenti della società francese, fu allora nel 1734 che il filosofo trovò rifugio dall'amica e amante la marchesa Emilie du Chatelet. Nei decenni successivi Voltaire strinse amicizia con quelli che vennero definiti sovrani illuminati ovvero Federico II e Caterina II. Francois- Marie Arouet rientrò a Parigi solo nel 1778, dove morì.

47

Opere

Tra le maggiori e più rappresentative opere del Voltaire troviamo:
Edipo (1718), questa tragedia mette in risalto la condizione pietosa dell’uomo tormentato dalla divinità; Enriade del 1723, in questa tragedia Voltaire espone tutto il suo disprezzo contro le stragi del fanatismo di stampo religioso, con riferimento particolare ai sanguinosi contrasti nati a seguito dell'inasprirsi delle guerre di religione tra cattolici e protestanti; le lettere filosofiche o Lettere sugli inglesi (1734), nelle quali il filosofo elogia ed esalta la società e la cultura dell’Inghilterra dell’epoca a tutto detrimento della propria patria che aveva un regime eccessivamente dispotico e intollerante.

Continua la lettura
57

Contributo alla cultura occidentale

Il contributo di Voltaire alla progressione e alla lotta al fanatismo religioso che ha caratterizzato l'epoca successiva al 1517, anno in cui il teologo tedesco Martin Lutero pubblica le sue 95 tesi che costituiscono una forte critica alla corruzione della Chiesa Cattolica, fu decisivo e incessante. Dopo la pubblicazione delle tesi di Lutero e la sua condanna alla Chiesa, ne fu così fortemente minata l'unità che nacque la riforma protestante e si avviò l'epoca delle guerre di religione tra protestanti e cattolici, caratterizzata da scontri cruenti e sanguinosi. Il filosofo illuminista contrastò l'intolleranza e il fanatismo per tutta la vita, facendo di questa battaglia la base della sua filosofia, tesa a separare l'umano e il terreno, come dispute, guerre e stragi, dall'elemento divino e dal suo giudizio finale, che in nessun modo dev'essere anticipato dai mortali.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Acquistate un libro di antologia per comprendere i versi delle sue opere più famose
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Vita e opere di Dante

La guida che vi proporremo si occuperà di uno dei personaggi più importanti della letteratura non solo italiana, ma mondiale: Dante Alighieri. L'obiettivo che ci porremo sarà quello di trattare in maniera molto chiara la sua vita, attraverso una piccola...
Superiori

Ungaretti: vita e opere

La poesia diviene uno scavo interiore in cui si esprime l'essenziale e tramite un meccanismo ascensionale l'inconscio diviene conscio. Oggi vogliamo approfondire l'argomento ed anche la vita e le opere, di un noto poeta, il caro Ungaretti. Essendo appartenuto...
Superiori

William Blake: vita e opere

William Blake nacque a Londra nel lontano 1757. Sebbene risulti come uno dei più importanti artisti della sua epoca, egli non venne mai riconosciuto come tale dai suoi contemporanei. Iniziò la sua formazione come incisore e pittore, per poi dedicarsi...
Superiori

Schopenhauer: vita e opere

Arthur Schopenhauer fu uno dei più grandi pensatori del diciannovesimo secolo. La vita di questo grande studioso e la sua filosofia vennero segnati per sempre da grandi mancanze nei confronti della madre e dalla perdita del padre. In vita Schopenhauer...
Superiori

Letteratura: vita e opere di Italo Calvino

Tra i più grandi protagonisti della letteratura italiana del Novecento, Italo Calvino è un perfetto esponente del movimento artistico chiamato Neorealismo, sviluppatosi in Italia negli anni immediatamente successivi alla Seconda Guerra Mondiale. In...
Superiori

Vita e opere di Pier Paolo Pasolini

Uno dei maggiori personaggi del Novecento italiano in ambito culturale, artistico e anche letterario è senza alcun dubbio Pier Paolo Pasolini. Ecco di seguito la vita e le opere di Pier Paolo Pasolini. La sua produzione artistica è davvero molto vasta....
Superiori

Primo Levi: vita e opere

Primo Levi (1919-1987) fu un chimico ed uno scrittore italiano. La sua produzione letteraria è legata alla tragedia della Shoah nella Seconda guerra mondiale. Levi è infatti uno dei sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti. Deportato in quanto ebreo...
Superiori

Ludovico Ariosto: vita e opere

Ludovico Ariosto nacque a Reggio nell'Emilia nell'anno 1474 e morì a Ferrara nel 1533. Ludovico Ariosto fu un poeta e commediografo, e viene considerato uno tra i più grandi e celebri autori del suo tempo. La più importante tra le sue opere è senza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.