Vita e opere di Giuseppe Tomasi di Lampedusa

Tramite: O2O 29/05/2017
Difficoltà: media
16
Introduzione

Giuseppe Tomasi di Lampedusa è certamente uno dei maggiori rappresentanti del Neorealismo italiano. Duca di Palma e Montechiaro e principe di Lapedusa, conosceva molto bene la lingua inglese, il francese e il tedesco, da giovane studiò infatti le principali lingue ed in seguito li perfezionò leggendo le opere in testi originali di quasi tutti i grandi scrittori della letteratura europea e con i suoi frequenti viaggi all'estero. In questa breve guida andremo a conoscere in maniera più approfondita la sua vita e le sue opere.

26

La sua vita

Tomasi nacque a Palermo nel 1896 da una ricca ed antica famiglia siciliana e morì a Roma nel 1957. Durante la sua vita partecipò ad entrambi le grandi guerre del '900, sia alla Prima che alla Seconda Guerra Mondiale, tuttavia si mantenne estraneo alla vita politica. Durante un soggiorno a Londra, conobbe la donna che poi nel 1932 sarebbe diventata sua moglie, la principessa Alessandra Wolff-Stomersee. Nel 1954, ad un convegno letterario, conobbe invece Eugenio Montale e Giorgio Bassani, incontro che contribuì a fare una svolta nella pubblicazione della sua opera più importante: "Il Gattopardo". Fu proprio durante quel convegno che egli ebbe finalmente lo stimolo e l'idea concreta di scrivere un'opera che da oltre venti anni aveva in progetto. Purtroppo però non ebbe il tempo e la soddisfazione per vederla pubblicata, in quanto sia la Mondadori che la Einaudi respinsero il romanzo e l'opera fu pubblicata solo un anno dopo la sua morte, nel 1958 dalla Casa Editrice Feltrinelli.

36

Il Gattopardo

"Il Gattopardo", è senza alcun dubbio l'opera di maggiore importanza di Giuseppe Tomasi. L'opera riprende il nome dall'animale che richiamava allo stemma della sua famiglia. Ambientato nella Sicilia del dominio borbonico, racconta delle vicende della famiglia del Principe Fabrizio Salina, studioso di astronomia, della moglie Maria Stella e dei figli Paolo, Carolina, Concetta e Caterina nel periodo storico che portò ad aggregare il Regno di Sicilia al Regno d'Italia.

Continua la lettura
46

Il Gattopardo e la critica

"Il Gattopardo" fu pubblicato alla fine degli Anni '50, quando il Neorealismo era ormai in fase di decadenza, e si andava quindi alla ricerca di nuove forme e nuovi temi; quest'opera assunse quasi l'aspetto di un arretramento, di una ripresa cioè del romanzo ottocentesco. Il giudizio della critica fu contrastante: i critici marxisti italiani la giudicarono un'opera reazionaria; diverso fu invece il giudizio del critico marxista francese Louis Aragon, il quale definì "Il Gattopardo" un libro bellissimo, uno dei più grandi di sempre.

56

Le altre opere

Per Tomasi il ruolo più importante della sua vita lo ricopre l'infanzia, difatti una delle sue opere principali è i "Ricordi d'infanzia", una raccolta di appunti a carattere autobiografico, per la quale stesura Tomasi interruppe quella del Gattopardo. Anche quest'opera fu poi pubblicata postuma alla sua morte nel 1962. Intorno agli anni 80, dopo la morte della moglie, i "Ricordi d'infanzia" furono sensibilmente revisionati a seguito dell'accesso alla copia originale. Difatti, trattandosi di un'opera a larghi tratti autobiografica, che trattava alcuni particolari personali e faceva riferimento a momenti privati della famiglia, la moglie aveva omesso diversi passi del testo, facendone una personale revisione. Altre opere degne di nota di Tomasi furono le "Lezioni su Stendhal" (1977) e "Invito alla Letteratura francese del Cinquecento" (1979).

Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

William Blake: vita e opere

William Blake nacque a Londra nel lontano 1757. Sebbene risulti come uno dei più importanti artisti della sua epoca, egli non venne mai riconosciuto come tale dai suoi contemporanei. Iniziò la sua formazione come incisore e pittore, per poi dedicarsi...
Superiori

Primo Levi: vita e opere

Primo Levi (1919-1987) fu un chimico ed uno scrittore italiano. La sua produzione letteraria è legata alla tragedia della Shoah nella Seconda guerra mondiale. Levi è infatti uno dei sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti. Deportato in quanto ebreo...
Superiori

Dante Alighieri: vita e opere

Dante Alighieri è una delle figure piú importanti del panorama culturale italiano, potremmo addirittura dire la piú importante in assoluto. Vissuto a cavallo tra 1200 e 1300 a Firenze, viene considerato il "Padre Fondatore della lingua italiana". In...
Superiori

Guida alla poetica di Giuseppe Ungaretti

Giuseppe Ungaretti è un poeta italiano dell’inizio del Novecento. Le sue opere sono molto importanti per lo studio della letteratura italiana in quanto è considerato il padre fondatore della corrente dell’ Ermetismo. In questa guida andremo ad approfondire...
Superiori

Vita e opere di Rimbaud

La letteratura contemporanea europea ci ha sempre deliziato con opere di diverso genere, le quali trattano una vasta gamma di tematiche tipiche di ciascuna epoca. In Francia la produzione letteraria ha spaziato dalla prosa al teatro, passando per la poesia....
Superiori

Sallustio: vita e opere

Sallustio il cui nome completo è Gaio Sallustio Crispo, fu uno storico e un politico romano, celebre per le sue opere, in cui racconta le vicende storiche del periodo e la lotta per il potere. È considerato il rinnovatore della storiografia. Il suo...
Superiori

Antonio Canova: vita e opere in breve

Antonio Canova, grande scultore dell'arte Neoclassica, fu il promotore della bellezza ideale femminile. Il nuovo Fidia, trasse ispirazione dalle opere del grande artista, scultore ed architetto ateniese. La sua vita, ricca di enormi successi, si contraddistinse...
Superiori

Cartesio: vita e opere

René Descartes (Cartesio) nacque in Francia da una famiglia nobile, nel 1596. Venne istruito all'interno di un collegio di gesuiti. Terminata la formazione però sente di non avere il metodo giusto per indagare nella realtà. Decide allora di concentrare...