Virgole: come evitare di sbagliarle

Tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Le virgole rientrano tra i principali segni di interpunzione che vengono utilizzati con maggior frequenza nella lingua italiana. Attualmente si incontra qualche difficioltà nel distribuirle in modo corretto all'interno di un periodo più o meno breve. Sembra un elemento di poca importanza, eppure la virgola è in grado di stravolgere totalmente il senso di una frase. Per questo occorre utilizzarla con estrema attenzione. Possiamo dunque affermare con certezza che questo segno di interpunzione dalla forma oblunga non va inserito a caso per il bene di una leggibilità otttimale di qualunque testo. Dal momento che la grammatica italiana si basa anche su un adeguato impiego della punteggiatura, andiamo a vedere qual è il posizionamento delle virgole e come evitare di sbagliarle. I suggerimenti che troviamo qui di seguito ci torneranno utili per non fare più errori così macroscopici quando scriviamo.

29

Occorrente

  • Libro di grammatica italiana
  • Conoscenze base sul corretto uso della punteggiatura
39

Sapere quando la virgola non si usa

Cominciamo con il prendere in esame tutti quei casi in cui la virgola non si utilizza. Per prima cosa, essa non deve trovarsi tra soggetto e verbo. Il più delle volte sbagliamo a collocarla, soprattutto quando vediamo che verbo e soggetto sono lontani tra loro nella frase. In questo caso, dobbiamo stare particolarmente attenti alle frasi lunghe. Leggiamole accuratamente e valutiamo in che modo va utilizzata la virgola nel contesto in questione. Un altro errore che commettiamo spesso è quello di mettere la virgola prima della congiunzione "e". Anche la virgola, sebbene sia un segno d'interpunzione, è una congiunzione. Come ben sappiamo, non si usano due congiunzioni ravvicinate. Pertanto cerchiamo di non avvicinarle mai. Inoltre, evitiamo di usare la virgola in frasi in cui sono presenti le congiunzioni "né" e "o". In questo caso non occorre affatto aggiungere questo tipo di punteggiatura.

49

Evitare di aggiungere le virgole in un blocco compatto

Una delle prime regole sulle virgole che dobbiamo assolutamente rispettare per evitare di sbagliarle riguarda il blocco compatto. Quando ci troviamo dinanzi una frase di questo tipo, la virgola non va mai aggiunta. Un blocco compatto è semplicemente un gruppo di parole collegate tra loro. Questi termini possono essere un nome e un aggettivo, un nome ed un verbo, o altro. Pendiamo come esempio la frase "La mia scrivania è bianca". Qui possiamo facilmente individuare un unico blocco compatto di termini. Per questo motivo non c'è alcun bisogno di inserire le virgole. Se proviamo ad apportare una piccola modifica alla frase mediante aggiunta di altri aggettivi, otterremo una frase come questa: "La mia scrivania è bianca, nera e grigia". In questo caso il blocco compatto viene meno. A questo punto possiamo usare l'esempio per estrapolare un'ulteriore regola. In sostanza, questa regola ci dice che i termini che creano un elenco vanno sempre separati con le virgole.

Continua la lettura
59

Risaltare specifiche parti di frase con la virgola

Esistono alcuni casi eccezionali in cui possiamo inserire le virgole all'interno di un blocco compatto di parole. Se abbiamo l'esigenza di mettere in risalto una specifica parte della frase, la virgola accorre in nostro aiuto. Essa rende altresì più agevole la lettura del periodo, conferendo il giusto livello d'intonazione. Nella frase "Io, ho lavorato!", ad esempio, vogliamo sottolineare che è un particolare soggetto ad aver compiuto l'azione, ovvero "io" e non altre persone. In situazioni di questo tipo, possiamo usare la virgola con un complemento di limitazione o partizione. In altri contesti possiamo persino isolare alcuni incisi o parti di frasi mediante impiego delle virgole. In questo modo andremmo a separare la proposizione principale da quelle subordinate. Facciamo comunque molta attenzione. Un uso spropositato delle virgole non è mai una buona soluzione per scrivere bene.

69

Collocare la virgola prima dei connettivi testuali

Tenere conto delle virgole ed evitare di sbagliarle non è poi così difficoltoso. CI basterà ricordare, ad esempio, che le virgole devono necessariamente trovarsi prima di ogni connettivo testuale. A questa categoria appartengono termini come "infatti" oppure "inoltre" o ancora "talvolta". Quando c'è un "ma", questo deve sempre avere un virgola davanti, come nella frase "Giocavo al PC, ma ho dovuto staccare per scrivere un articolo su O2O". Oltretutto, le virgole vanno sempre messe prima del "perché". Nella frase "Questo mese sono diventato ricco, perché O2O mi ha pagato bene l'articolo che ho scritto" troviamo un esempio valido di questa regola. Se abbiamo dubbi sull'uso della virgola, leggiamo tanto. I libri ci aiutano a scrivere meglio e spesso rispondono a molte nostre domande a livello grammaticale.

79

Porre la virgola prima del verbo al gerundio e per scandire gli aggiunti

Una regola importante per non commettere sbagli è che le virgole vanno messe sempre prima del verbo al gerundio. Ad esempio la frase risulta corretta se la riportiamo in questo modo: "Ho scritto un articolo sulle balene al cioccolato, mettendo in risalto la scrivania in mogano". Non va assolutamente dimenticato che la virgola si deve collocare anche prima di "però" e "che" soltanto qualche volta. Infine dobbiamo assolutamente sapere che la virgola scandisce meglio gli aggiunti dalla parte restante di una frase. Per "aggiunto" si intende una locuzione che viene rimossa dalla subordinata basilare e non altera il significato di quest'ultima. Ecco quindi spiegate bene le regole delle virgole, in modo da evitare di sbagliarle. Ogni volta che abbiamo un dubbio, possiamo tornare su questa pratica guida.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Controllare sempre nella frase dove si trovano soggetto e verbo.
  • Leggere molto per fissare nella mente un corretto impiego delle virgole.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come spiegare le moltiplicazioni con le virgole

I primi problemi con la matematica nascono alle elementari quando si introducono i numeri decimali. I numeri decimali sono molto simili ai numeri interi, ma la presenza delle virgole crea non pochi problemi ai bambini. Ecco che quindi è compito dei genitori,...
Elementari e Medie

Analisi logica: il periodo

La grammatica italiana è molto complessa. È ricca di regole ed eccezioni, pertanto non rientra tra le materie più apprezzate dagli studenti. L'analisi grammaticale e del periodo richiedono un'ottima conoscenza della lingua e molto studio. In realtà,...
Elementari e Medie

Come usare i segni di punteggiatura

Per scrivere un ottimo testo, un articolo o un saggio, una delle caratteristiche fondamentali, da tenere in considerazione, è l'utilizzo della punteggiatura. A volte basta un errore nella posizione di un punto, oppure, l'utilizzo di un segno di punteggiatura...
Elementari e Medie

Come semplificare le frazioni con i decimali

La matematica è una materia amata da pochi in quanto non sempre si riescono a capire formule o meccanismi che questa sconosciuta comporta; in realtà spesso il problema è la scarsa attenzione durante la spiegazione del professore o uno studio piuttosto...
Elementari e Medie

Grammatica: la costruzione di un periodo

Il periodo serve per comporre un discorso di senso compiuto: si articola con delle frasi, al termine del quale troviamo un segno di punteggiatura. Il periodo ha le seguenti caratteristiche: è formato da tante frasi quanti sono i predicati verbali o nominali...
Elementari e Medie

Come verificare la divisione con la prova del nove

La prova del nove viene utilizzata in matematica per controllare l'esattezza del risultato della moltiplicazione e della divisione. Nel caso di divisione con il resto, il procedimento presenta qualche piccola variante. Questa semplicissima e pratica guida...
Elementari e Medie

Come fare la prova della divisione con la virgola

In questa guida andrete a vedere come fare la prova della divisione con la virgola. Quando la gente scopre un'importante formula di matematica sembra sempre aspettarsi qualcosa. Ciò significa che si può fare la matematica con incredibile facilità ed...
Elementari e Medie

Come usare la punteggiatura nel discorso diretto

Una delle tecniche narrative più frequentate si sostanzia sulla celebre espressione di matrice angolosassone "show, don't tell" (mostra, non raccontare). È attraverso il dialogo che lo scrittore può mostrare vividamente l'azione. In particolare, adoperando...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.