Usi e costumi in Italia nel XVII secolo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Nel XVII l'Italia venne coinvolta nel conflitto tra Francia e Spagna sfociato nella Guerra dei Trent’Anni, mentre dal punto di vista religioso fu un periodo di grande fermento, dovuto principalmente agli ultimi strascichi della Controriforma e al potere dell’Inquisizione nella lotta alle eresie e nella Caccia alle Streghe. Dal punto di vista letterario fu però un secolo molto stimolante, in quanto nell’arte si diffuse lo stile Barocco (nato a Roma verso il 1630) e cominciò ad affermarsi il moderno metodo scientifico, soprattutto grazie alle scoperte di Galilei, al pensiero del filosofo Cartesio e alle scoperte di Newton. Si sviluppa quella che nel secolo successivo passerà alla storia come età dei lumi. Vediamo quindi gli usi e costumi in Italia nel XVII Secolo.

24

Il culto dei santi e delle reliquie

Nonostante l'affacciarsi dei lumi le frequenti guerre e l'epidemia (soprattutto la peste descritta da Manzoni nel suo romanzo 'I Promessi Sposi') riavvicinarono gli italiani alla chiesa e alla superstizione, tutte cose che la riforma protestante, anche se lievemente nel nostro Paese, aveva provveduto a spazzare via. Ritornò la corsa alle reliquie nonché il culto dei santi. San Bastiano e San Gennaro raggiunsero in questo periodo il proprio l'apice del proprio successo come protettori degli appestati. Gli italiani si accaparrano in questo periodo la fama di essere superstiziosi e antiquati.

34

Usi e consumi spagnoli

L'Italia diventa sempre più succube della Spagna, che invece di far progredire il Paese che dominava lo relegò allo status di colonia, facendo progredire gli imprenditori locali, sia a Milano che nel Meridione, trasformando le attività agricole della Penisola a mezzo di sostentamento per la madrepatria Spagna. I soldi e le merci servivano per finanziarie il Governo di Madrid nelle sue campagne militare, e l'Italia non ebbe un trattamento diverso dei domini spagnoli americani. Gli abiti e le acconciature dei nobili erano simili a quelli ispanici, questo perché i nobili italiani cercavano di accaparrarsi le simpatie dei dominatori e puntavano non al benessere del proprio Paese ma della Spagna, che poteva portare ai singoli soldi e prestigio.

Continua la lettura
44

Decadenza sociale nel Meridione

Il Meridione, più che Milano, subisce lo sfruttamento degli spagnoli tanto che la popolazione inizia a ribellarsi. Gli squilibri sociali diventano infatti gravissimi tanto che si raggiungerà l'apice con la rivoluzione di Masaniello a Napoli (1647), esperienza breve di dittatura di un popolano che fu ben presto sedata anche a causa di mancanza di coesione nel popolo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Usi e costumi in Italia nel XIX secolo

Gli usi e i costumi in Italia nel XIX secolo si intersecano alle mode che giungono dagli altri Paesi europei. In questo periodo la divisione tra le classi sociali è decisamente netta e ogni cosa (per esempio il cibo, l'abbigliamento e l'istruzione) risente...
Superiori

Usi e costumi in Italia nel XVIII secolo

Il 1700 fu un periodo cruciale per la storia dell'Europa e in particolare per quella del nostro bel paese, in quanto si potevano già intravedere i primi sprazzi di moderna ribellione e patriottismo che avrebbero poi portato all'unità d'Italia. Il nostro...
Superiori

Usi e costumi in Italia nel XVI secolo

Nel XVI secolo nasce in Europa il Rinascimento che porterà l'Italia ad essere protagonista mondiale per quanto riguarda la vita artistica, culturale e letteraria di questo periodo. La politica è caratterizzata dalle corti che avranno un ruolo determinante...
Superiori

Letteratura del XVII secolo

Il 1600 fu l'inizio della nascita del pensiero moderno. Allora infatti, la letteratura si basava sul concetto classico del Medioevo e le composizioni avevano forme ben specifiche, basti pensare ai poemi o alla mitologia. La filosofia invece, passò da...
Superiori

Letteratura del XIV secolo

“Umanesimo” è un termine che deriva dal latino “studia humanitatis”. Fin dalla denominazione si vuole indicare un genere di studio, un'educazione di tipo letterario e filosofico volta ad una formazione completa dell'uomo. Nel corso del XIV secolo...
Superiori

Letteratura del XIX secolo

Letteratura del XIX secolo italiana ed europea ha una tradizione ampia e varia, che rispecchia gli enormi cambiamenti politici e sociali avvenuti in questo secolo. Si passa dal Neoclassicismo alla modernità del Decadentismo, attraverso una miriade di...
Superiori

Letteratura del XVIII secolo

La letteratura del 1700 si caratterizza per un approccio moderno ai problemi della scrittura; almeno nella prima metà del secolo i poeti e i romanzieri cercano di liberare la produzione letteraria dal marchio di disciplina non fondata scientificamente...
Superiori

Letteratura del XX secolo

Il Novecento letterario ha confini imprecisi: per qualcuno inizia con la prima guerra mondiale e si chiude con la fine dell'URSS, per altri è un secolo che parte con la fin de siècle e si espande ben oltre la fine del millennio. Così, la Letteratura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.