Usi e costumi in Italia nel XIX secolo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Gli usi e i costumi in Italia nel XIX secolo si intersecano alle mode che giungono dagli altri Paesi europei. In questo periodo la divisione tra le classi sociali è decisamente netta e ogni cosa (per esempio il cibo, l'abbigliamento e l'istruzione) risente moltissimo dei modelli stranieri che fungono da ispirazione. Nella seguente guida, in pochi passi, cercheremo di elencare gli usi e costumi presenti in Italia nel diciannovesimo secolo.

25

Il cibo

In Italia, nel XIX, il pranzo base è costituito da un piatto di minestra e carne lessa e viene consumato alle quattro del pomeriggio; in alcune regioni si accostano a questi due piatti la polenta e il riso. Nell'alta borghesia e nell'aristocrazia, fin dalla prima colazione composta da panini e caffè, si segue invece il modello francese. Al contrario il popolo, per necessità legate ai turni di lavoro, mangia molto poco e tre volte al giorno. I contadini consumano zuppe e prodotti suini, mentre il vino è servito solo nei giorni festivi. Il pranzo viene consumato nelle proprie case, ed è decisamente poco comune l'abitudine di andare nei ristoranti, che ai tempi erano delle vere e proprie osterie.

35

L'abbigliamento

Il vestiario da indossare non si ispira più agli sfarzi superflui dell'aristocrazia, ma si indirizza alla semplicità del più comune cittadino. Gli uomini indossano pantaloni lunghi fin sotto il ginocchio, chiusi su calze rigate o stivali e i tacchi delle scarpe si abbassano. I capelli si portano sciolti e si introduce il cappello, ma resta comunque attivo l'utilizzo del frac. Le donne usano gonne lunghe fino ai piedi, con scarpe basse e giacche corte mentre per i bambini le madri non seguono la stessa moda degli adulti, ma preferiscono abiti semplici e poco ingombranti. Le stoffe usate sono prevalentemente il cotone e il velluto italiano.

Continua la lettura
45

Il ruolo degli uomini e delle donne

La donna in questa società vive in ambito familiare. Ogni famiglia con i rispettivi matrimoni si ingrandisce sempre di più, ma tutti continuano a vivere insieme nella stessa casa e a mangiare alla stessa tavola. I padri hanno completo potere decisionale e si riservano il diritto di scegliere il lavoro, lo studio e la professione dei figli. Le donne sono invece le uniche e vere padrone della casa e passano tutto il loro tempo ad accudire la suddetta e i bambini.

55

I trasporti

Il Regno borbonico favorisce lo sviluppo dei cantieri navali ed è al primo posto tra gli Stati Italiani per ciò che riguarda la navigazione; proprio le navi borboniche sono tra le più belle e più veloci tra tutte quelle che solcano il Mar Mediterraneo. Grazie allo sviluppo sia della rete ferroviaria che di quella marittima, aumentano anche gli scambi commerciali tra i vari Stati Italiani. Inoltre, grazie all'introduzione del telegrafo, le notizie vengono diffuse più velocemente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Usi e costumi in Italia nel XVIII secolo

Il 1700 fu un periodo cruciale per la storia dell'Europa e in particolare per quella del nostro bel paese, in quanto si potevano già intravedere i primi sprazzi di moderna ribellione e patriottismo che avrebbero poi portato all'unità d'Italia. Il nostro...
Superiori

Usi e costumi in Italia nel XVII secolo

Nel XVII l'Italia venne coinvolta nel conflitto tra Francia e Spagna sfociato nella Guerra dei Trent’Anni, mentre dal punto di vista religioso fu un periodo di grande fermento, dovuto principalmente agli ultimi strascichi della Controriforma e al potere...
Superiori

Usi e costumi in Italia nel XVI secolo

Nel XVI secolo nasce in Europa il Rinascimento che porterà l'Italia ad essere protagonista mondiale per quanto riguarda la vita artistica, culturale e letteraria di questo periodo. La politica è caratterizzata dalle corti che avranno un ruolo determinante...
Elementari e Medie

Giuseppe Parini: vita e opere

Giuseppe Parini è nato in provincia di Lecco nel maggio del 1729, da una famiglia modesta che lo vuole vedere chierico. Infatti non diventa sacerdote perché lo desidera. Abituato fin da piccolo ad osservare le abitudini dei parenti, si avvicina al...
Elementari e Medie

Come organizzare una recita scolastica

La recita scolastica è uno dei momenti più emozionanti per la vita di un genitore, che attende con ansia il momento in cui il proprio figlio pronuncia le battute provate e studiate. Riuscire a preparare e organizzare una recita scolastica, però, non...
Superiori

Filosofia: la morale kantiana

Kant espone la sua concezione morale nello scritto "Critica della ragion pratica" e nelle altre due opere "Fondazione della metafisica dei costumi" e la "Metafisica dei costumi". La filosofia kantiana riguarda una morale formale, infatti viene illustrata...
Elementari e Medie

Come organizzare una recita per le scuole elementari

Se siete delle maestre delle scuole elementari e per fine anno vorrete organizzare una recita per i vostri ragazzi, siete nel posto giusto. In questa semplice guida, troverete dei consigli utili su come preparare una bella recita da fare piacere, oltre...
Superiori

Breve analisi di "De Bello Gallico" di Giulio Cesare

Fra il 58 ed il 50 a. C. Giulio Cesare compose una delle sue opere più importanti: i "Commentarii De Bello Gallico". Sette libri, nei quali vengono narrati, secondo lo stile tipico dei "Commentari", gli eventi salienti di ogni battaglia durante la conquista...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.