Usi e costumi in Italia nel XIX secolo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Gli usi e i costumi in Italia nel XIX secolo si intersecano alle mode che giungono dagli altri Paesi europei. In questo periodo la divisione tra le classi sociali è decisamente netta e ogni cosa (per esempio il cibo, l'abbigliamento e l'istruzione) risente moltissimo dei modelli stranieri che fungono da ispirazione. Nella seguente guida, in pochi passi, cercheremo di elencare gli usi e costumi presenti in Italia nel diciannovesimo secolo.

25

Il cibo

In Italia, nel XIX, il pranzo base è costituito da un piatto di minestra e carne lessa e viene consumato alle quattro del pomeriggio; in alcune regioni si accostano a questi due piatti la polenta e il riso. Nell'alta borghesia e nell'aristocrazia, fin dalla prima colazione composta da panini e caffè, si segue invece il modello francese. Al contrario il popolo, per necessità legate ai turni di lavoro, mangia molto poco e tre volte al giorno. I contadini consumano zuppe e prodotti suini, mentre il vino è servito solo nei giorni festivi. Il pranzo viene consumato nelle proprie case, ed è decisamente poco comune l'abitudine di andare nei ristoranti, che ai tempi erano delle vere e proprie osterie.

35

L'abbigliamento

Il vestiario da indossare non si ispira più agli sfarzi superflui dell'aristocrazia, ma si indirizza alla semplicità del più comune cittadino. Gli uomini indossano pantaloni lunghi fin sotto il ginocchio, chiusi su calze rigate o stivali e i tacchi delle scarpe si abbassano. I capelli si portano sciolti e si introduce il cappello, ma resta comunque attivo l'utilizzo del frac. Le donne usano gonne lunghe fino ai piedi, con scarpe basse e giacche corte mentre per i bambini le madri non seguono la stessa moda degli adulti, ma preferiscono abiti semplici e poco ingombranti. Le stoffe usate sono prevalentemente il cotone e il velluto italiano.

Continua la lettura
45

Il ruolo degli uomini e delle donne

La donna in questa società vive in ambito familiare. Ogni famiglia con i rispettivi matrimoni si ingrandisce sempre di più, ma tutti continuano a vivere insieme nella stessa casa e a mangiare alla stessa tavola. I padri hanno completo potere decisionale e si riservano il diritto di scegliere il lavoro, lo studio e la professione dei figli. Le donne sono invece le uniche e vere padrone della casa e passano tutto il loro tempo ad accudire la suddetta e i bambini.

55

I trasporti

Il Regno borbonico favorisce lo sviluppo dei cantieri navali ed è al primo posto tra gli Stati Italiani per ciò che riguarda la navigazione; proprio le navi borboniche sono tra le più belle e più veloci tra tutte quelle che solcano il Mar Mediterraneo. Grazie allo sviluppo sia della rete ferroviaria che di quella marittima, aumentano anche gli scambi commerciali tra i vari Stati Italiani. Inoltre, grazie all'introduzione del telegrafo, le notizie vengono diffuse più velocemente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Usi e costumi in Italia nel XVII secolo

Nel XVII l'Italia venne coinvolta nel conflitto tra Francia e Spagna sfociato nella Guerra dei Trent’Anni, mentre dal punto di vista religioso fu un periodo di grande fermento, dovuto principalmente agli ultimi strascichi della Controriforma e al potere...
Superiori

Usi e costumi in Italia nel XVIII secolo

Il 1700 fu un periodo cruciale per la storia dell'Europa e in particolare per quella del nostro bel paese, in quanto si potevano già intravedere i primi sprazzi di moderna ribellione e patriottismo che avrebbero poi portato all'unità d'Italia. Il nostro...
Superiori

Usi e costumi in Italia nel XVI secolo

Nel XVI secolo nasce in Europa il Rinascimento che porterà l'Italia ad essere protagonista mondiale per quanto riguarda la vita artistica, culturale e letteraria di questo periodo. La politica è caratterizzata dalle corti che avranno un ruolo determinante...
Superiori

Letteratura del XIX secolo

Letteratura del XIX secolo italiana ed europea ha una tradizione ampia e varia, che rispecchia gli enormi cambiamenti politici e sociali avvenuti in questo secolo. Si passa dal Neoclassicismo alla modernità del Decadentismo, attraverso una miriade di...
Superiori

Letteratura del XIV secolo

“Umanesimo” è un termine che deriva dal latino “studia humanitatis”. Fin dalla denominazione si vuole indicare un genere di studio, un'educazione di tipo letterario e filosofico volta ad una formazione completa dell'uomo. Nel corso del XIV secolo...
Superiori

Letteratura del XVII secolo

Il 1600 fu l'inizio della nascita del pensiero moderno. Allora infatti, la letteratura si basava sul concetto classico del Medioevo e le composizioni avevano forme ben specifiche, basti pensare ai poemi o alla mitologia. La filosofia invece, passò da...
Superiori

Letteratura del XVIII secolo

La letteratura del 1700 si caratterizza per un approccio moderno ai problemi della scrittura; almeno nella prima metà del secolo i poeti e i romanzieri cercano di liberare la produzione letteraria dal marchio di disciplina non fondata scientificamente...
Superiori

Letteratura del XX secolo

Il Novecento letterario ha confini imprecisi: per qualcuno inizia con la prima guerra mondiale e si chiude con la fine dell'URSS, per altri è un secolo che parte con la fin de siècle e si espande ben oltre la fine del millennio. Così, la Letteratura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.