Ugo Foscolo: I Sepolcri

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La letteratura italiana del periodo che va dal Settecento all'Ottocento vede il suo massimo esponente in Ugo Foscolo. Il poeta di Zante scrisse numerose opere, in particolare cermi. La poesia "Dei Sepolcri" è una delle più famose e venne pubblicata nel 1807, quando Foscolo si trovava a Brescia. L'Editto napoleonico di Saint Cloud, redatto nel 1804, ispirò Foscolo per la stesura del suo componimento poetico. Secondo l'editto emanato da Napoleone, le tombe si dovevano collocare al di fuori delle mura cittadine e dovevano avere tutte quante lo stesso aspetto. I motivi di tale decisione sono da rintracciare in una serie di questioni politiche e ideologiche, ma anche in termini di condizioni sanitarie ottimali. Foscolo sosteneva l'ideologia napoleonica e la portò avanti nonostante Bonaparte avesse ceduto all'Austria la Repubblica Indipendente di Venezia nell'anno 1797. Deluso da questa mossa di Napoleone, Foscolo partì per un esilio volontario pur sostenendo fedelmente i francesi. In questa piccola scheda tecnica di letteratura analizzeremo "I Sepolcri" di Ugo Foscolo.

27

Occorrente

  • Versione integrale de "I Sepolcri"
  • Biografia di Ugo Foscolo
  • Manuale di letteratura italiana
  • Conoscenze di base sulla poetica foscoliana
37

La tematica de "I Sepolcri" e la replica a Pindemonte

La tematica che Ugo Foscolo tratta ne "I Sepolcri" non è prettamente foscoliana, anzi fa riferimento ad una "reazione" che molti altri scrittori portarono avanti a seguito dell'editto napoleonico. Molti scrittori inglese dell'epoca pre-romantica avevano già trattato questo tema, seppur in modo totlamente diverso rispetto agli autori italici. Nel nostro paese l'editto di Saint Cloud venne accolto con non poche contestazioni, poiché si trovava agli antipodi rispetto alla tradizione italiana relativa all'organizzazione dei luoghi di sepoltura. Ippolito Pindemonte, ad esempio, scrisse un poemetto nel quale difendeva i valori cristiani del culto dei morti, apertamente in contrasto con quella che era la novità introdotta da Napoleone. Foscolo replicò a Pindemonte utilizzando il proprio componimento. Difatti questo carme appare come un’epistola apertamente indirizzata all'amico Ippolito.

47

La struttura del testo

Il testo de "I Sepolcri" si suddivide in quattro sezioni. All'interno della prima parte si analizza il ruolo delle tombe e il legame affettivo che l'uomo stabilisce con esse. La seconda sezione presenta una descrizione dettagliata di quelli che erano i riti funebri. Qui Foscolo vuole dare maggior risalto ai riti celebrativi classici e tipicamente inglesi. Nella terza parte l'autore assegna alla tomba un ruolo di spicco riconoscendola come eredità e conservazione dei grandi del passato. Qui troviamo diverse descrizioni di quelle che sono le tombe dei personaggi illustri presenti a Santa Croce in Firenze. Infine la quarta sezione va ad esaltare l'alto valore della poesia, dal momento che essa è capace di immortalare situazioni, periodi storici, personalità e affetti al pari di una tomba. Questa convinzione diventerà uno dei motivi per cui Foscolo dedicherà a suo fratello suicida il componimento "In morte del fratello Giovanni".

Continua la lettura
57

La concezione della morte come inevitabile disfacimento totale e la celebrazione della tomba

Ne "I Sepolcri" Ugo Foscolo ha una visione particolare della morte. Egli la considera un inevitabile disfacimento e al contempo la rende portatrice di significato morale e spirituale, nel momento in cui essa viene messa in relazione con la tomba. In questo frangente, il poeta porta avanti una profonda riflessione riguardante le persone care che piangono i propri defunti, celebrando sentimenti e valori attraverso la tomba stessa. A questo punto, notiamo che il concetto materialistico si fonde con un tentativo di respingere l'ineluttabilità della morte stessa. Il sepolcro serve dunque a stabilire un legame affettivo e di continuità. Questi concetti vengono espressi da Foscolo con uno stile lapidario ed energico. L'impiego di un linguaggio conciso da parte dello scrittore neoclassico ha come scopo quello di lasciare impressi tali concetti nella mente del lettore.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggere l'opera intera può rivelarsi utile per farsi un'idea su quelle che erano le concezioni dell'epoca verso la morte e la sepoltura.
  • Per apprezzare appieno l'opera di Foscolo, potrebbe essere utile ascoltare il testo recitato.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

A Zacinto di Ugo Foscolo: commento e analisi

Uno dei sonetti più importanti e celebri dell'età dell'Ottocento è sicuramente "A Zacinto". Scritto da Ugo Foscolo, ha da subito riscontrato un notevole successo divenendo ai giorni nostri, una vera opera di notevole valore e rilevanza della classica...
Superiori

Breve analisi di "Alla Sera" di Foscolo

In questa guida ci occuperemo di uno dei più importanti sonetti di Ugo Foscolo: questo sonetto è formato da due quartine e due terzine. Il sonetto fu pubblicato all'inizio dell'ottocento, nello specifico, nel 1803 e composto pochi mesi prima. Fu scritta...
Superiori

"Le Odi" di Foscolo in breve

Molte volte soprattutto durante il periodo scolastico, ci troviamo a dover studiare i grandi poeti del passato e le loro opere. Spesso può risultare difficile capire il significato delle loro poesie per cui potremo cercare aiuto online, dove troveremo...
Superiori

Le Ultime Lettere di Jacopo Ortis in pillole

Ispirandosi ai romanzi sentimentali del Settecento, il poeta Ugo Foscolo ha dato vita al romanzo epistolare più famoso della letteratura italiana. Jacopo Ortis è un giovane patriota che, dopo Campoformio, decide di sfuggire alle persecuzioni del regime...
Superiori

Analisi del testo "In morte del fratello Giovanni"

Dai “Sonetti” di Ugo Foscolo, un componimento che prende spunto da una vicenda biografica, la morte del fratello, per affrontare alcuni temi molto ricorrenti nell’autore: i motivi dell’esilio, la tomba, gli affetti familiari. Il componimento inoltre...
Superiori

Letteratura del XIX secolo

Letteratura del XIX secolo italiana ed europea ha una tradizione ampia e varia, che rispecchia gli enormi cambiamenti politici e sociali avvenuti in questo secolo. Si passa dal Neoclassicismo alla modernità del Decadentismo, attraverso una miriade di...
Superiori

Antonio Canova: vita e opere in breve

Antonio Canova, grande scultore dell'arte Neoclassica, fu il promotore della bellezza ideale femminile. Il nuovo Fidia, trasse ispirazione dalle opere del grande artista, scultore ed architetto ateniese. La sua vita, ricca di enormi successi, si contraddistinse...
Superiori

Appunti di letteratura italiana: il Neoclassicismo

Il Neoclassicismo è un movimento letterario, artistico e culturale che si sviluppò in Europa tra la seconda metà del Settecento e il primo decennio dell'Ottocento. La nascita di questa corrente è da collegarsi alle importanti scoperte in ambito archeologico,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.