Triangoli degeneri e triangoli ideali

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Con questa guida vengono presentati due concetti particolari di triangolo: triangoli degeneri e triangoli ideali. Innanzitutto partiamo dalle basi, chiarendo cosa è un triangolo. Il triangolo è una figura geometrica piana costituita da tre angoli e da tre lati; la somma dei suoi angoli interni è 180 gradi. Esso è la figura con il minor numero di lati, dato che tre è il numero minimo di lati necessari per delimitare una superficie chiusa, non esistendo infatti poligoni con uno o due lati. Altra prepogativa fondamentale di un triangolo è che all'interno di esso non è possibile tracciare diagonali. Queste caratteristiche di base valgono per tutti i triangoli, sia se si tratti di triangoli rettangoli, isosceli, equilateri o scaleni. I triangoli degeneri ed i triangoli ideali rappresentano due casi estremi in cui si colloca tutta la casistica dei triangoli. Quando si realizza una delle due condizioni limite, non siamo più in presenza di una figura geometrica, ma di un concetto astratto. Sebbene inizialmente possa sembrare complicato, nella guida che segue cercheremo di chiarire il concetto dei triangoli degeneri e triangoli ideali, spiegando un passo alla volta cosa fare. Iniziamo.

27

Occorrente

  • Manuale di geometria piana delle scuole superiore
  • Conoscenza delle regole di geometria di base
  • Quaderno e penna per appunti
37

Spiegazione del triangolo degenere

Iniziamo spiegando passo dopo passo, cercando di essere più semplici possibili, cosa si intende per triangolo degenere. Sia dato un triangolo equilatero (ossia un triangolo con tutti gli angoli e tutti i lati uguali), avente i due vertici alla base denominati rispettivamente A e C, mentre il vertice in alto sia B; chiameremo "h" l'altezza di tale triangolo. Supponiamo di prendere il vertice B e avvicinarlo sempre più al segmento di base AC, cosicché l'altezza h diventi sempre più piccola: in questo modo gli angoli alla base avranno un'ampiezza sempre più minore, viceversa l'angolo al vertice B subirà un aumento di ampiezza. La situazione raggiunge il suo limite quando il vertice B, in seguito alla continua diminuzione di h, si trova a giacere sul segmento AC. In questo caso l'angolo in B è arrivato a valere 180 gradi mentre i due angoli in A e in C sono pari a zero. Questo è un triangolo degenere, vale a dire che il triangolo è degenerato in un segmento.

47

Spiegazione del triangolo ideale

Quest'altro punto è dedicato alla spiegazione del triangolo ideale, il quale altro non è che il concetto inverso del triangolo degenere. Cominciamo la spiegazione prendendo sempre in considerazione un triangolo rettangolo, con le analoghe caratteristiche al quello del punto precedente (vertici alla base denominati rispettivamente A e C, vertice in alto denominato B, altezza denominata "h"). Ebbene, prendiamo sempre il vertice B, ma questa volta lo spostiamo verticalmente verso l'alto, lungo la retta perpendicolare al segmento di base AC e passante per quest'ultimo e il vertice B. Facendo ciò, man mano che il vertice B si allontana dal segmento di base AC, gli angoli alla base aumenteranno la loro ampiezza, tendendo verso l'ampiezza limite di 90 gradi; per lo stesso motivo, i due lati AB e CB tenderanno ad essere paralleli, senza mai esserlo effettivamente. In tale caso limite, in cui il vertice B è posto all'infinito, si parla di triangolo ideale.

Continua la lettura
57

Natura dei triangoli degeneri e ideali

Triangoli degeneri e triangoli ideali non sono veri e propri triangoli. Se usciamo per un attimo dalla concezione di figura geometrica piana in senso stretto - ossia di una figura ferma, con contorni e posizione ben definita - e ci immergiamo in una concezione più dinamica, forse riusciamo a capire a fondo il significato di questi "triangoli". Ad esempio bisogna immaginare il triangolo degenere come il tendere sempre più a far avvicinare il vertice in alto B al segmento di base AC, senza mai farli coincidere del tutto; allo stesso modo il triangolo ideale è il tendere sempre più all'infinito il vertice in alto B, senza mai rendere veramente paralleli i segmenti AB e AC. In questo modo si può capire che il concetto di triangolo degenere o ideale non ha una vera e propria forma, piuttosto è una concezione astratta della geometria, attraverso cui poter spiegare altri teoremi o postulati. In sostanza? I triangoli degeneri e triangoli ideali sono solo concetti, non vere e proprie figure.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Classificazione dei triangoli

Nello studio della geometria piana, una delle figure che si incontra per prima è il triangolo. Si tratta di un poligono di tre lati e tre angoli e, tra tutti, è quello che presenta il numero minore di lati, in quanto non è possibile costruire una figura...
Superiori

Come applicare il teorema dei triangoli rettangoli

La matematica è una delle materie più odiate sia dai bambini che dai ragazzi. Il motivo principale di di tale rifiuto generalmente è dato dal fatto che tale materia viene insegnata nella maniera sbagliata, infatti la base della matematica è il ragionamento...
Superiori

Come dimostrare che un triangolo è isoscele

La geometria è un ramo della matematica che si occupa dello studio delle rette, delle semirette, dei segmenti, degli angoli, delle figure geometriche piane, delle figure geometriche solide e delle figure geometriche tridimensionali. Delle figure piane...
Superiori

Come calcolare la mediana di un triangolo rettangolo

I triangoli sono statti studiati approfonditamente per millenni dai matematici, che hanno definito alcune loro proprietà interessanti,come per esempio le altezze, le bisettrici, l'asse e le mediane, e si tratta quasi sempre di relazioni che intercorrono...
Superiori

Come calcolare i cateti avendo l'ipotenusa

La geometria piana, generalmente si occupa delle figure geometriche nel piano. Partendo da una retta infatti è possibile costruire i segmenti (ovvero delle porzioni finite di retta) e, con questi, i poligoni (unione di più segmenti). Nella guida che...
Superiori

Geometria razionale: l'equivalenza fra figure piane

L’equivalenza tra figure piane viene stabilita attraverso determinati principi della geometria razionale. Le figure geometriche sono costituite da un insieme di punti, e vengono distinte in figure piane e figure solide. Mentre in quelle piane i punti...
Superiori

Come calcolare area totale e volume di un tetraedro regolare

Lo studio delle figure geometriche, piane e solide avviene in geometria. La geometria fa parte della matica e consente il calcolo diel perimetro, dell'area e del volume dei poligoni. Una piramide su base triangolare è chiamata tetraedro. In altre parole,...
Superiori

Teorema Del Seno e Coseno: dimostrazione

I teoremi del seno e del coseno (o di Carnot) sono due teoremi generalmente utilizzati per la determinazione di tutti gli elementi relativi a triangoli generici. Il teorema dei seni sviluppa un rapporto di proporzionalità tra i seni degli angoli di un...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.