Triangoli degeneri e triangoli ideali

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il triangolo è una figura geometrica piana (bidimensionale). È un poligono formato da tre angoli e da tre lati. La somma dei suoi angoli interni è sempre 180 gradi, in qualsiasi modo si possa variare i suoi spigoli e la sua altezza. Queste prerogative di base valgono per tutti i triangoli, siano essi rettangoli, isosceli,equilateri o scaleni. I triangoli Degeneri ed i triangoli Ideali sono i due casi limite all'interno dei quali si colloca tutta la casistica dei triangoli. Come tutti i casi limite in matematica sono due concetti completamente ipotetici. In quanto non è possibile realizzarli nella realtà. Nel momento stesso nel quale si realizza una delle due condizioni limite, la figura geometrica che ne deriva, sicuramente non è un triangolo. Nella guida che segue vi parlo dei Triangoli degeneri e triangoli ideali.

27

Occorrente

  • Testo di geometria superiore
37

Definizione

Per iniziare cominciamo a cercare la definizione corretta di triangoli degeneri e triangoli ideali. Quindi partiamo immaginando di avere il poligono in figura. Come ogni triangolo viene caratterizzato da tre lati, tre angoli e quindi da una altezza, che indicheremo con h. Immaginiamo di poter muovere verso l'alto o verso il basso il vertice B, aumentando o diminuendo la dimensione di h.

47

Segmento

Se diminuiamo h il vertice B si avvicina sempre di più allo spigolo AC. L' angolo in B, progressivamente, aumenta mentre gli angoli in A e in C diminuiscono. La situazione raggiunge il suo limite quando il vertice B, in seguito alla continua diminuzione di h, si trova a giacere sul segmento AC. In questo caso limite l'angolo in B è arrivato a valere 180 gradi mentre i due angoli in A e in C sono diventati pari a zero. In questo caso ci troviamo di fronte a triangolo di tipo Degenere. Infatti, questo vuol dire che il triangolo è degenerato in un segmento. Come anticipato in questo non si può più parlare di triangolo in quanto è visibile solo il segmento AC.

Continua la lettura
57

Infinito

Mentre se aumentiamo la dimensione di h, pian piano B si allontana dal segmento AC. L'angolo in B diminuisce mentre i due angoli in A ed in C aumentano. In questo caso fino a raggiungere un valore vicino ai 90 gradi. Se noi attribuiamo ai due angoli A e C il valore di un angolo retto, raggiungiamo l'altro stato limite. Questo prende il nome di triangolo Ideale, dove il terzo vertice, quello in B, giace su di una retta posta ad Infinito. Quindi, anche in questo caso di triangolo vero e proprio non si può più parlare. Infatti, in questo modo vedremo solo il segmento AC, dai cui due vertici A e C si dipartono due semirette parallele, che per definizione, si incontrano ad infinito. Infine occorre ricordare che per definizione l' infinito è per l'appunto il luogo geometrico dei punti in cui si incontrano le rette parallele.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di iniziare a risolvere i problemi ripassare le basi essenziali dei triangoli in questione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Classificazione dei triangoli

Nello studio della geometria piana, una delle figure che si incontra per prima è il triangolo. Si tratta di un poligono di tre lati e tre angoli e, tra tutti, è quello che presenta il numero minore di lati, in quanto non è possibile costruire una figura...
Superiori

Come applicare il teorema dei triangoli rettangoli

La matematica è una delle materie più odiate sia dai bambini che dai ragazzi. Il motivo principale di di tale rifiuto generalmente è dato dal fatto che tale materia viene insegnata nella maniera sbagliata, infatti la base della matematica è il ragionamento...
Superiori

Come calcolare i cateti avendo l'ipotenusa

La geometria piana, generalmente si occupa delle figure geometriche nel piano. Partendo da una retta infatti è possibile costruire i segmenti (ovvero delle porzioni finite di retta) e, con questi, i poligoni (unione di più segmenti). Nella guida che...
Superiori

Teorema Del Seno e Coseno: dimostrazione

I teoremi del seno e del coseno (o di Carnot) sono due teoremi generalmente utilizzati per la determinazione di tutti gli elementi relativi a triangoli generici. Il teorema dei seni sviluppa un rapporto di proporzionalità tra i seni degli angoli di un...
Superiori

Come trovare il circocentro di un triangolo ottusangolo

In un triangolo, il circocentro rappresenta la sua intersezione degli assi. Tale punto di intersezione è esattamente interno nei triangoli acutangoli. Al contrario è esterno nei triangoli ottusangoli. Infine, nei triangoli rettangoli il circocentro...
Superiori

Come dimostrare il teorema dell'angolo esterno

La geometria comprende lo studio delle figure geometriche piane e solide e anche delle rette, degli angoli, dei perimetri, dei volumi e delle aree che in questa guida sarà illustrato. Il teorema dell'angolo esterno riveste una notevole importanza nel...
Superiori

Come calcolare le coordinate di un circocentro

In geometria un circocentro è un cerchio che passa per tutti i vertici di un poligono; il centro di questo cerchio è chiamato circumcenter e il suo raggio è chiamato circumradius. Un poligono che ha una circonferenza circoscritta è chiamato poligono...
Superiori

Come dimostrare il secondo teorema di Euclide

I teoremi di Euclide sono una delle basi fondamentali della geometria, utili per capire e svolgere un problema incentrato sui triangoli rettangoli. Solitamente vengono spiegati nelle scuole medie, tuttavia risultano essere importanti anche nelle classi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.