Testo narrativo: le regole di scrittura

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Scrivere un testo narrativo, può inizialmente sembrare molto semplice, ma in realtà impostarlo, non è così facile come sembra. Il testo narrativo per avere una sua logica e per essere scorrevole, deve essere strutturato su una griglia o su una scaletta ben precisa che potrà creare la giusta forma al tutto. In questi passaggi, per darvi una delucidazione su come poter assemblare e formare un testo narrativo, vi elencheremo le principali regole di scrittura da seguire per non avere alcun problema con la scrittura narrativa.

26

Dividere il testo in sequenze

Uno dei primi passaggi per organizzare al meglio una vera e propria struttura narrativa, è quello di creare delle precise sequenze del testo. Ci vorranno infatti in tutto il testo delle sequenze che descriveranno piano piano le scene di azione o gli avvenimenti, delle sequenze per descrivere i personaggi, delle sequenze basate sui dialoghi e per finire le sequenze impostate sul dialogo, le opinioni e i commenti sulla vicenda narrata.

36

Evitare di parlare subito del tempo

Una delle regole da rispettare per scrivere un buon testo narrativo, è quella di parlare subito nell'introduzione del tempo. Parlare delle condizioni climatiche, dell'atmosfera e delle varie temperature, non farà impazzire subito il lettore e non creerà curiosità e voglia di continuare a leggere il testo. Cercate dunque come regola basilare di non iniziare mai un racconto parlando delle condizioni climatiche.

Continua la lettura
46

Descrivere dettagliatamente i personaggi

Una delle cose fondamentali che darà carattere e personalità al vostro testo narrativo, è quella che riguarda la descrizione dei personaggi. Un buon testo narrativo, impone come regola la descrizione dettagliata, precisa e approfondita dei personaggi. Ogni personaggio farà parte del vostro racconto e coinvolgerà il lettore.

56

Evitare i prologhi

Un'ulteriore regola fondamentale per la riuscita di un perfetto testo narrativo, è quella di evitare i prologhi. Il prologo può rivelarsi noioso, inadatto, mal strutturato e spesso può infastidire il lettore e far giudicare male il vostro lavoro. Mettetevi nei panni del lettore e cercate di scrivere un testo narrativo senza annoiare nessuno e senza dilungarvi in banalità.

66

Impostare lo scioglimento

Quando si ha voglia di scrivere un testo narrativo, bisogna sempre pensare alla conclusione o più precisamente allo scioglimento. Lo scioglimento, è il momento in cui si conclude la vostra storia, il momento in cui devono comparire sul testo consigli, conclusioni, opinioni e situazioni. Lo scioglimento, è il momento in cui in un testo narrativo comparirà il lieto fine o la morte di un personaggio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come preparare lo schema di un testo narrativo

Realizzare lo schema di un testo narrativo per produrre un testo, magari semplice ma pur sempre ragionato e coerente, comporta che si eviti di scrivere alla rinfusa ciò che vi viene in mente. Prima di scrivere qualsiasi testo è fondamentale raccogliere...
Superiori

Come fare la sintesi di un testo narrativo

Uno degli esercizi che viene fatto solitamente a scuola, specialmente in letteratura italiana, è la sintesi di un testo narrativo, proposta dall'insegnate per rendersi conto se i propri alunni hanno compreso appieno l'argomento letto o spiegato. Non...
Superiori

Come analizzare un testo narrativo

Quando ci si imbatte in un testo narrativo, la lettura corrisponde ad una prima analisi generale di quello che è il contenuto. Grazie ad essa, si riesce a comprendere il tema che viene trattato all'interno di un racconto. La comprensione di un testo...
Superiori

Come fare l'analisi di un testo narrativo

Il testo narrativo generalmente racconta una storia, una serie di eventi che si svolgono nel tempo e che si riferiscono a uno o più personaggi. Il testo narrativo può essere una favola, una novella, un romanzo. Ogni testo narrativo, a qualunque genere...
Elementari e Medie

Come fare una mappa concettuale di un testo narrativo

Ogni studente, di qualsiasi età e percorso di studi, almeno una volta nella vita avrà schematizzato un testo da imparare. Quando si ha una mole piuttosto consistente di informazioni da studiare, magari per prepararsi ad un esame importante o ad una...
Elementari e Medie

Come riconoscere le sequenze in un testo

Il sequenziamento è una delle tante competenze che contribuiscono alla capacità degli studenti di comprendere ciò che leggono. Le sequenze si riferiscono all'identificazione dei componenti di una storia, come: l'inizio, il contenuto e la fine; inoltre...
Superiori

Come parafrasare un testo epico

Durante i vostri studi di letteratura, vi sarà capitato di dover approfondire determinati testi a causa della loro struttura abbastanza complessa. Specifici testi di letteratura e soprattutto i testi epici, sono infatti strutturati in maniera tale, da...
Elementari e Medie

Come distinguere fabula e intreccio

Scrivere è la passione di moltissime persone, che ogni giorno si affacciano a questo fantastico mondo dove poter dar vita alle proprie idee. Ma per poter scrivere nella maniera corretta e non fare confusione con i vari generi, è necessario partire dalle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.