Teoremi di incompletezza di Gödel: dimostrazione

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La matematica è da sempre la materia più complicata e quindi meno apprezzata sia dai bambini delle scuole elementari, sia dagli studenti delle superiori e delle facoltà universitarie. Questa difficoltà è dovuto soprattutto al fatto che i concetti sono strettamente connessi tra di loro, per cui è necessario comprenderli appieno onde evitare di avere problemi negli studi futuri. Nei passi della seguente guida parleremo dei teoremi di incompletezza di Gödel, in particolare verrà illustrata la loro dimostrazione.

26

Occorrente

  • Testi sul teorema di Godel
36

Particolari importanti

Prima di spiegare i teoremi e le dimostrazioni, è bene soffermarci su alcuni particolari. Le scoperte di Gödel hanno collezionato varie critiche. Spesso la matematica ha visto importanti controversie che hanno portato ad una forte divergenza sulla soluzione finale. Molti matematici hanno mosso importanti critiche proprio non prendendo per vero il concetto di incompletezza. Ma dal momento che per la maggior parte degli studiosi tali dimostrazioni sono reali, è nostro interesse procedere lo stesso.

46

Dimostrazione del primo teorema

Questo si riferisce all'incompletezza del sistema dei numeri naturali. Gödel qui ci mostra come, qualsiasi sistema che sia in grado di poter definire i numeri naturali non può essere altro se non incompleto. Il suo enunciato afferma che in ogni teoria matematica che denomineremo T esiste una formula chiamata F. Ovviamente T è in grado di contenere al suo interno l'aritmetica di Peano. In questo modo, se T risulta essere coerente allora né R ne tanto meno la sua negazione -R sono dimostrabili in T. Quindi, ogni formalizzazione coerente della matematica è possibile costruire una proposizione corretta, che sua volta non si può né dimostrare né affermare. In un certo senso è impossibile anche dimostrare la contraddizione. Considerando che T viene stabilita come coerente già nell'enunciato stesso, allora R e -R non si possono dimostrare. Possiamo quindi affermare che la dimostrazione del primo teorema si trova già all'interno dello stesso enunciato.

Continua la lettura
56

Dimostrazione del secondo teorema

Si parte dall'enunciato che esiste una teoria T che sia in grado di contenere al suo interno l'aritmetica di Peano. In questo caso si considera T completamente coerente. Ciò che non si può fare però è dimostrare la coerenza di questo sistema all'interno di se stesso. Questo teorema di incompletezza dimostra come nessun sistema coerente serve per dimostrare la sua stessa coerenza. Non esistendo nessuna teoria in grado di farlo, non può dimostrarle nessun ramo matematico esistente.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • I teoremi di incompletezza di Gödel meritano, senza ombra di dubbio, molto studio prima di essere assimilati
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Binet: dimostrazione

Come ben saprete, ogni materia rappresenta sempre una componente di ricerca e approfondimento da parte degli studiosi. La costante ricerca occorre per giungere con totale soddisfazione a svolgere l'attività lavorativa con dedizione e professionalità....
Università e Master

Teorema di Caccioppoli: dimostrazione

Il Teorema di Caccioppoli è uno dei teoremi più importanti nell'ambito dei cosiddetti studi metrici. È noto anche come Teorema delle contrazioni o Teorema del punto fisso, anche se è ancora più giusto chiamarlo Teorema di Barnach-Caccioppoli, dai...
Università e Master

Teorema di Darboux: dimostrazione

La matematica è una materia molto complessa e molto spesso può capitare di non riuscire a comprendere perfettamente un argomento. In questi casi potremo o chiedere aiuto a qualcuno in grado di spiegarci i vari passaggio oppure potremo cercare su internet...
Università e Master

Teorema del punto fisso di Brouwer: dimostrazione

Luitzen Brouwer, nato nel 1881, fu un matematico olandese da sempre appassionato dell'algebra e della geometria, tanto da conseguire la cattedra di professore all'università di Amsterdam. Questa grande passione per la matematica e la logica, lo portarono...
Università e Master

Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello...
Università e Master

Teorema di Bolzano-Weierstrass: dimostrazione

Quando si studia alcuni argomenti molto complessi che riguardano le materie scientifiche come la matematica, la fisica, ecc., potrebbe capitare di non riuscire a comprendere tutto, in questi casi trovare ulteriori informazioni potrebbe sicuramente facilitarci...
Università e Master

Teorema di Laplace: dimostrazione

Lo studio è stato parte integrante durante la nostra adolescenza, materie che si intrecciavano tra loro facendoci a volte palpitare, ma nello stesso tempo incuriosire e affascinare, in questa guida cerchiamo di capire Teorema di Laplace: dimostrazione,...
Università e Master

Dimostrazione del teorema di Jackson

L'ingegneria gestionale è quel particolare ramo che si occupa dell'organizzazione e della gestione di alcuni aspetti dell'industria (aspetti tecnici, organizzativi e operativi) dal punto di vista della qualità e della quantità del lavoro e del prodotto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.