Teorema fondamentale dell'aritmetica: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La matematica, e quindi anche l'aritmetica che di essa fa parte, è considerata da molte persone una materia difficile. Altre invece ritengono questa disciplina meravigliosa riuscendo quasi a creare un legame con i numeri. "Ogni numero naturale maggiore di 1 o è un numero primo o si può esprimere come prodotto di numeri primi" è questo il teorema fondamentale dell'aritmetica. Questo principio va memorizzato e tenuto sempre fisso nella memoria perché è da ciò che ha origine tutto. Per dare una dimostrazione più percepibile e più veritiera nei seguenti passi abbiamo approfondito questo teorema facendo anche dei pratici esempi.

24

Spiegazione della regola

Il teorema fondamentale dell'aritmetica è composto da due proposizioni. La prima appunto ci indica che esistono molti numeri naturali cosiddetti primi, mentre la seconda frase afferma che tutti gli altri numeri naturali derivano dalla somma o dal prodotto di due o più numeri primi. Quindi per dare una dimostrazione di quanto affermato è possibile operare secondo la scomposizione del numero in fattori primi.

34

Scomposizione di un numero reale

Innanzitutto dobbiamo ricordare che tutti i numeri primi risultano divisibili soltanto per 1 e per se stessi, quindi se il numero reale da scomporre in fattori primi è un numero naturale qualsiasi avrà almeno un divisore che è tra i cosiddetti numeri primi. Grazie a questa deduzione, possiamo procedere alla dimostrazione: supponendo vero quanto detto per i numeri da 2 ad "n", è possibile dimostrare, per induzione, che questo vale anche per "n+1". Esso può essere un numero primo, oppure è divisibile per un numero "m", con 2 proprietà transitiva, dunque, sarà divisore anche di "n+1". Se ne deduce che se "n+1" non è primo, allora è divisibile per un numero primo. Procedendo ancora per induzione, supponendo vera la fattorizzazione per l'insieme di numeri che va da 2 ad "n", allora procediamo la dimostrazione per "n+1". Se "n+1" è primo, allora è banalmente fattorizzato, mentre se, come precedentemente dimostrato, è divisibile per un numero primo "p", allora a=(n+1)/p sarà comunque minore di "n+1" e, quindi, appartenente all'insieme che va da 2 ad "n".

Continua la lettura
44

Unicità della fattorizzazione

La dimostrazione dell'unicità della fattorizzazione, invece, si ottiene procedendo per assurdo: supponiamo che esistano dei numeri scomponibili in più di un modo, e che tra questi numeri il più piccolo sia "m". Date due fattorizzazioni diverse di "m", i numeri primi di una fattorizzazione sono tutti differenti da quelli dell'altra, come ad esempio m=p1p2p3... Ps ed m=q1q2q3... Qt, dove pi e qj sono primi e diversi tra loro. Sostituendo la prima delle due fattorizzazioni di "m" nell'equazione di cui al passo precedente, avremo che n=p1p2p3... Ps-p1q2q3... Qt, che, mettendo in evidenza p1, diventa n=p1(p2p3... Ps-q2q3... Qt). In qualunque modo, quest'ultima, sia fattorizzabile, avremo ottenuto una fattorizzazione di "n" che contiene p1, contrariamente a quanto appena affermato (p1 non può essere divisore di q1). In questo modo, è dimostrata l'unicità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Eulero: dimostrazione

Il Teorema di Eulero (chiamato anche Teorema di Fermat-Eulero) dimostra che se è un intero positivo e un coprimo (interi che non hanno nessun divisore a eccezione di 1 e -1, se il loro massimo comune divisore è 1) rispetto a. In questo modo φ() ≡...
Università e Master

Teorema di indefinibilità di Tarski: dimostrazione

Il teorema di Tarski sull'indefinibilità della verità dell'aritmetica è strettamente legato ai teoremi di Godel ed ai suoi studi: per questo partiremo dalla sua "matematica" per poi arrivare alle dimostrazioni di Tarski. La dimostrazione del teorema...
Università e Master

Teorema di Löwenheim-Skolem: dimostrazione

In questo articolo vorrei illustrarvi la dimostrazione del Teorema di Löwenheim-Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem si chiama così perché prende il suo nome dai suoi matematici ideatori Leopold Löwenheim e Thoralf Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem...
Università e Master

Come dimostrare l'infinità dei numeri primi

Euclide fu il primo a dimostrare l’infinità dei numeri primi per la prima volta nella storia. Egli, infatti, dimostrò che non esiste il numero più grande di tutti, perché ne esisterà sempre uno più grande di un altro. Successivamente a questa...
Superiori

Teorema di Altman: dimostrazione

In questa guida andremo a spiegare in breve, ma comunque in modo preciso, la dimostrazione del Teorema di Altman. Il Teorema di Altman è un teorema di punto fisso. In analisi matematica, analisi funzionale e analisi topologica, il punto fisso per una...
Università e Master

Teoremi di incompletezza di Gödel: dimostrazione

La matematica è da sempre la materia più complicata e quindi meno apprezzata sia dai bambini delle scuole elementari, sia dagli studenti delle superiori e delle facoltà universitarie. Questa difficoltà è dovuto soprattutto al fatto che i concetti...
Superiori

Teorema di Ruffini: dimostrazione

All'interno della guida che andremo a sviluppare ci occuperemo di matematica, in quanto, come abbiamo indicato nel titolo che contraddistingue questa guida, ci concentreremo su un teorema specifico: il teorema di Ruffini. Il nostro obiettivo sarà quello...
Università e Master

Teorema di Binet: dimostrazione

Come ben saprete, ogni materia rappresenta sempre una componente di ricerca e approfondimento da parte degli studiosi. La costante ricerca occorre per giungere con totale soddisfazione a svolgere l'attività lavorativa con dedizione e professionalità....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.