Teorema fondamentale dell'aritmetica: dimostrazione

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La matematica, e quindi anche l'aritmetica che di essa fa parte, è considerata da molte persone una materia difficile. Altre invece ritengono questa disciplina meravigliosa riuscendo quasi a creare un legame con i numeri. "Ogni numero naturale maggiore di 1 o è un numero primo o si può esprimere come prodotto di numeri primi" è questo il teorema fondamentale dell'aritmetica. Questo principio va memorizzato e tenuto sempre fisso nella memoria perché è da ciò che ha origine tutto. Per dare una dimostrazione più percepibile e più veritiera nei seguenti passi abbiamo approfondito questo teorema facendo anche dei pratici esempi.

25

Spiegazione della regola

Il teorema fondamentale dell'aritmetica è composto da due proposizioni. La prima appunto ci indica che esistono molti numeri naturali cosiddetti primi, mentre la seconda frase afferma che tutti gli altri numeri naturali derivano dalla somma o dal prodotto di due o più numeri primi. Quindi per dare una dimostrazione di quanto affermato è possibile operare secondo la scomposizione del numero in fattori primi.

35

Scomposizione di un numero reale

Innanzitutto dobbiamo ricordare che tutti i numeri primi risultano divisibili soltanto per 1 e per se stessi, quindi se il numero reale da scomporre in fattori primi è un numero naturale qualsiasi avrà almeno un divisore che è tra i cosiddetti numeri primi. Grazie a questa deduzione, possiamo procedere alla dimostrazione: supponendo vero quanto detto per i numeri da 2 ad "n", è possibile dimostrare, per induzione, che questo vale anche per "n+1". Esso può essere un numero primo, oppure è divisibile per un numero "m", con 2 proprietà transitiva, dunque, sarà divisore anche di "n+1". Se ne deduce che se "n+1" non è primo, allora è divisibile per un numero primo. Procedendo ancora per induzione, supponendo vera la fattorizzazione per l'insieme di numeri che va da 2 ad "n", allora procediamo la dimostrazione per "n+1". Se "n+1" è primo, allora è banalmente fattorizzato, mentre se, come precedentemente dimostrato, è divisibile per un numero primo "p", allora a=(n+1)/p sarà comunque minore di "n+1" e, quindi, appartenente all'insieme che va da 2 ad "n".

Continua la lettura
45

Unicità della fattorizzazione

La dimostrazione dell'unicità della fattorizzazione, invece, si ottiene procedendo per assurdo: supponiamo che esistano dei numeri scomponibili in più di un modo, e che tra questi numeri il più piccolo sia "m". Date due fattorizzazioni diverse di "m", i numeri primi di una fattorizzazione sono tutti differenti da quelli dell'altra, come ad esempio m=p1p2p3... Ps ed m=q1q2q3... Qt, dove pi e qj sono primi e diversi tra loro. Sostituendo la prima delle due fattorizzazioni di "m" nell'equazione di cui al passo precedente, avremo che n=p1p2p3... Ps-p1q2q3... Qt, che, mettendo in evidenza p1, diventa n=p1(p2p3... Ps-q2q3... Qt). In qualunque modo, quest'ultima, sia fattorizzabile, avremo ottenuto una fattorizzazione di "n" che contiene p1, contrariamente a quanto appena affermato (p1 non può essere divisore di q1). In questo modo, è dimostrata l'unicità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Teorema di Ruffini: dimostrazione

All'interno della guida che andremo a sviluppare ci occuperemo di matematica, in quanto, come abbiamo indicato nel titolo che contraddistingue questa guida, ci concentreremo su un teorema specifico: il teorema di Ruffini. Il nostro obiettivo sarà quello...
Superiori

Teorema Del Seno e Coseno: dimostrazione

I teoremi del seno e del coseno (o di Carnot) sono due teoremi generalmente utilizzati per la determinazione di tutti gli elementi relativi a triangoli generici. Il teorema dei seni sviluppa un rapporto di proporzionalità tra i seni degli angoli di un...
Superiori

Teorema di Abel-Ruffini: dimostrazione

Il teorema di Abel-Ruffini, da non confondere con la "Regola di Ruffini" viene ritenuto utile per la scomposizione dei polinomi. Inoltre viene considerato il contributo più importante dato dal Ruffini alla matematica. Il teorema di Abel-Ruffini vine...
Superiori

Teorema della corda: dimostrazione

Il teorema della corda è uno tra i teoremi più importanti della trigonometria; solitamente viene spiegato molto dettagliatamente, in quanto è molto utile per diverse applicazioni. È importante ricordare che il teorema della corda è alla base della...
Superiori

Teorema di Fermat: dimostrazione

Il "Teorema di Fermat" appartiene alla categoria dei teoremi fondamentali del calcolo differenziale. Tale teorema non va confuso con "l'ultimo teorema di Fermat", il "piccolo teorema" o il "teorema sulle somme di due quadrati". Esso fa parte dell'analisi...
Superiori

Teorema sugli archi congruenti: dimostrazione

Il teorema sugli archi congruenti è un teorema che afferma che "ad archi congruenti corrispondono corde parallele". Per farne una dimostrazione abbiamo bisogno di un' ipotesi, ossia i dati forniti dallo stesso teorema e una tesi, ossia quello che va...
Superiori

Dimostrazione del teorema di Castigliano

Nel campo della statica delle strutture un teorema fondamentale è quello di Castigliano, alla base del cosiddetto metodo di castigliano, utilissimo negli esercizi di tecniche di costruzioni e resistenza dei materiali. Il teorema si occupa di correlare...
Superiori

Teorema di Rolle: dimostrazione

Il matematico francese href="https://it. Wikiped">Michel Rolle formulò uno dei più rilevanti teoremi della matematica e, per riuscirlo a comprendere bene, sarà necessario supporre anche la conoscenza del Teorema di Weierstrass e del Teorema di Fermat....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.