Teorema ergodico: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Non è facile dare una semplice definizione di teoria ergodica perché utilizza le tecniche e gli esempi da molti campi quali la teoria delle probabilità, statistica meccanica, teoria dei numeri, campi vettoriali su varietà, le azioni del gruppo di spazi omogenei e molti altri. La parola ergodico è una miscela di due parole greche: Ergon (lavoro) e Odos (il percorso). Il termine è stato introdotto da Boltzmann (in meccanica statistica) per quanto riguarda la sua ipotesi: per grandi sistemi di particelle interagenti in equilibrio, la media temporale lungo una traiettoria singola pari alla media dello spazio. Ecco quindi la dimostrazione del teorema ergodico.

24

L'ipotesi come è stato detto era falsa, e l'indagine per le condizioni in base al quale queste due quantità sono uguali portate alla nascita della teoria ergodica, come è noto oggigiorno. Una descrizione moderna di questa teoria ergodica sarebbe: lo studio del comportamento medio lungo il termine dei sistemi in evoluzione nel tempo. La collezione di tutti gli stati del sistema nel formare uno spazio X, e l'evoluzione è rappresentata da entrambe le trasformazioni.
Una trasformazione T: X → X, dove Tx è lo stato del sistema in un tempo t = 1, quando il sistema (cioè, al tempo t = 0) è stato inizialmente nello stato x. (Questo è analogo alla configurazione dei processi stocastici dei tempi discreti).

34

Se l'evoluzione è continua o se le configurazioni hanno una struttura spaziale, tutto questo descrive l'evoluzione, cercandola in un gruppo di trasformazioni G (come Z2, R, R2) Agisce su X, cioè ogni g ∈ G viene identificato con una trasformazione Tg: X → X, e Tgg0 = Tg ◦ Tg0. Quindi una delle introduzione preliminari è che lo spazio X di solito ha una struttura speciale, e preferiamo volere T per preservare la struttura di base su X.

Continua la lettura
44

Ad esempio
-Se X è uno spazio di misura, allora le variabili T devono essere misurabili.-se X è uno spazio topologico, allora la variabile T deve essere continua.-Se X ha una struttura differenziabile, allora T è un diffeomorfismo. In questo corso il nostro spazio è uno spazio di probabilità (X, B, μ), e il nostro tempo è discreto. Così l'evoluzione è descritta da una mappa misurabile T: X → X, in modo che T-1A ∈ B per tutti gli A ∈ B. Per ogni x ∈ X, l'orbita di x è la sequenza x, T x, T2x. Se T è invertibile, allora si parla dei due lati dell'orbita T -1x, x, T x. Vogliamo anche che l'evoluzione è in stato stazionario ossia stazionario. Nel linguaggio della teoria ergodica, vogliamo che sia T ad essere una misura da preservare.
Ecco quindi dimostrato il teorema ergodico.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Teorema di Löwenheim-Skolem: dimostrazione

In questo articolo vorrei illustrarvi la dimostrazione del Teorema di Löwenheim-Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem si chiama così perché prende il suo nome dai suoi matematici ideatori Leopold Löwenheim e Thoralf Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem...
Università e Master

Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello...
Università e Master

Teorema della curva di Jordan: dimostrazione

Teorema ricorrente negli studi di materie universitarie come la geometria, l'analisi e la topologia di spazi euclidei è il Teorema della Curva di Jordan. Sono infatti moltissimi gli enunciati che, a partire da questo teorema, ci restituiscono soluzioni...
Università e Master

Teorema di Krasnoselskii: dimostrazione

Il Teorema di Krasnoselskii è uno dei teoremi di punto fisso che sono uno dei principali strumenti dell'analisi matematica non lineare. Questi teoremi hanno una miriade di applicazioni pratiche. I suoi risultati riguardano un operatore singolo; ma le...
Università e Master

Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione

Questa guida dal titolo "Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione" si prefigge di dimostrare cos'è. Il Teorema di Eulero può essere considerato in alcuni casi la conseguenza del teorema di Lagrange, che spiegherò in modo dettagliato nei...
Università e Master

Teorema di Eulero: dimostrazione

Il Teorema di Eulero (chiamato anche Teorema di Fermat-Eulero) dimostra che se è un intero positivo e un coprimo (interi che non hanno nessun divisore a eccezione di 1 e -1, se il loro massimo comune divisore è 1) rispetto a. In questo modo φ() ≡...
Università e Master

Teorema di Desargues: dimostrazione

Come avrete già potuto comprendere leggendovi il titolo che accompagna la nostra guida, ora ci concentreremo su un tema davvero importante. La materia che tratteremo sarà la geometria analitica, in quanto proveremo, nei prossimi tre passi, a spiegare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.