Teorema di Thomas: enunciato e spiegazione

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

William Thomas è stato un sociologo statunitense del XX secolo. Nel corso della sua carriera sia da sociologo che da professore universitario, trattò largamente il tema degli immigrati in America, scrivendone addirittura un libro. L'opera più famosa rimane però "Il contadino polacco in Europa e in America", celebre per la definizione che Thomas dà di "situazione". In questa guida tratteremo proprio della "definizione di situazione" data da Thomas, ne riporteremo l'enunciato e tenteremo di darne una spiegazione. Vediamo allora a cosa si riferiva William Thomas nel suo teorema.

26

Occorrente

  • Libri di sociologia
36

Enunciato

Il teorema di Thomas nella sua formulazione originale recita: "Se gli uomini definiscono reali certe situazioni, esse saranno reali nelle loro conseguenze".
Thomas ha trattato ampiamente di questioni sociali. Il tema, infatti, era all'epoca (Thomas pubblicò il suo libro nel 1920, dopo poco anni in America scoppiava la crisi del '29) molto caldo. Tuttavia il teorema fornito da Thomas risulta essere applicabile a diversi ambiti e a diversi periodi storici. Ciò gli ha permesso di conservare la sua validità e importanza. Anche se formalmente non è definibile come "teorema" in quanto non può essere dimostrato con passaggi logici, resta comunque valido questo termine.

46

Il teorema di Thomas a confronto

Tale teorema dimostrava come la percezione della realtà possa influenzare realmente la realtà, rendendola più simile alla percezione di quanto lo fosse realmente.
È, secondo Thomas, l'intervento umano che altera la realtà.
Thomas riprende, anche se in maniera diversa e più attuale, temi già trattati in precedenza, in particolare sulla scia di Immanuel Kant, che aveva a suo tempo distinto tra noumeno e fenomeno, il primo come oggetto a sé, immune alla percezione, il secondo come oggetto percepito.
Esiste tuttavia una sostanziale differenza che riguarda però i campi di applicazioni dei due pensieri. Mentre Kant applicava tale differenza in ambito scientifico, Thomas applica il suo teorema in ambito sociale e, mentre per le scienze classiche tale distinzione è netta, in ambito sociale si fa fatica a percepirla.

Continua la lettura
56

Spiegazione del teorema

Thomas con il suo teorema fa' capire come l'uomo, dinanzi ad una situazione, plasma la situazione tramite la propria percezione. Per Thomas infatti l'uomo non è soggetto solo alla situazione in sé, ma anche alle emozioni che la situazione scaturisce in esso. L'uomo quindi agisce sotto l'impulso di tali emozioni e a seconda del significato che esso attribuisce alla situazione.
Sulla scia di Thomas e del suo teorema, il sociologo statunitense Robert King Merton ha elaborato la sua teoria della "profezia che si autoadempie".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello...
Università e Master

Teorema della bisettrice: dimostrazione

La matematica è una materia ricca di formule, è vero, ma non richiede soltanto un impegno di tipo mnemonico. In questa disciplina è molto importante il ragionamento, che va sfruttato per applicare le formule ai diversi problemi. Lo studio della geometria,...
Università e Master

Teorema di Stokes: dimostrazione

Nella geometria differenziale, ossia lo studio di oggetti geometrici come curve e superfici, il Teorema di Stokes è un enunciato riguardante l'integrazione delle forme differenziali. In particolare è volto a generalizzare i teoremi di calcolo vettoriale...
Università e Master

Teorema di diagonalizzabilità: dimostrazione

Il teorema di diagonalizzabilità è un pilastro dell'algebra lineare che ci aiuta a dare spiegazioni di tipo pratico in altri campi dello studio moderno come la meccanica strutturale o semplicemente a chiarirci come un comportamento fisico, descritto...
Università e Master

Teorema di Schwartz: dimostrazione

Il teorema di Schwartz è un importante teorema dell'analisi matematica particolarmente utilizzato nello studio delle variazioni di funzioni a più variabili. È ad esempio usato in meccanica strutturale per dimostrare il significato fisico di materiale...
Università e Master

Teorema della dimensione per spazi vettoriali: dimostrazione

Il teorema della dimensione per spazi vettoriali è un teorema fondamentale della geometria e dell'algebra lineare, utile a trovare la reale dimensione di uno spazio basandosi sulla conoscenza di un'applicazione lineare che, da uno spazio iniziale, raggiunge...
Università e Master

Come dimostrare il Teorema di Bayes

Il Teorema di Bayes risale al 1700, anche se la comunità scientifica del tempo l'ha accettato ufficialmente a partire dal 1763. Come molte formule e teoremi, prende il nome dal proprio inventore, ovvero lo studioso matematico inglese Thomas Bayes. Esso...
Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.