Teorema di Stokes: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

Nella geometria differenziale, ossia lo studio di oggetti geometrici come curve e superfici, il Teorema di Stokes è un enunciato riguardante l'integrazione delle forme differenziali. In particolare è volto a generalizzare i teoremi di calcolo vettoriale come il “Teorema della divergenza” e il “Teorema del rotore". Infatti il teorema di Stokes è detto anche Teorema circuitazionale. Questo teorema si applica in molte materie come analisi 2, geometria, Meccanica scienze delle costruzioni e cosi via. Ecco la dimostrazione del teorema di Stokes.

24

Calcolo integrale

Prima di analizzare il teorema di Stokes occorre considerare il teorema fondamentale del calcolo integrale che ci permette in modo abbastanza semplice di calcolare gli integrali definiti. Questo stabilisce che se "f" è una funzione reale che ammette primitiva su un intervallo [a, b], l'integrale di "f" su tale intervallo può essere calcolato tramite una sua primitiva (IMG1).

34

Enunciato del Teorema di Stokes

La circuitazione di un campo vettoriale "A" lungo una arbitraria linea chiusa "y" appartenente al dominio "D" di definizione del campo è pari al flusso del rotazionale del campo medesimo attraverso una qualunque superficie "S" avente per contorno la linea "y". Pertanto considerando che "S" sia una superficie orientata di dimensione "m" in Rn, e "dS" sia la sua frontiera con orientazione indotta, ossia una superficie (m- 1) - dimensionale orientata, e "w" sia una (m-1) - forma differenziale definita in un intorno di "S", considerando il suo differenziale "dw" come m - forma differenziale (derivata esterna), vale allora la formula di Stokes (IMG2). Ovvero, l'integrale di ogni forma differenziale a supporto compatto "w" sulla frontiera di una varietà orientata "S" è pari all'integrale della sua derivata esterna "dw" valutato su tutta "S".
Elemento fondamentale e determinante per il teorema è che "S" deve essere a connessione lineare semplice. Il teorema di Stokes è un teorema che analizza anche il flusso del rotore, più in particolare riguarda le forme differenziali in generale.

Continua la lettura
44

Versione in "R3" del Teorema di Green

Si può inoltre affermare che il Teorema di Stokes è la versione in "R3" del Teorema di Green: se la superficie "S" giace nel "piano xy" e il campo "F" è della forma F (x, y) = F1(x, y) i + F2(x, y) j, allora IMG4 - a non è altro che IMG4 - b.
Per comprendere al meglio il calcolo del teorema di stokes è sempre bene effettuare delle raffigurazione grafiche che riportano i calcoli o le dimostrazioni matematiche.
Si ricorda infine, che la superficie S può effettivamente essere qualsiasi superficie finché la sua curva di delimitazione sia data da C. Questo è qualcosa che può essere usato a proprio vantaggio per semplificare la superficie integrale in occasione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Lagrange: dimostrazione

Quante volte abbiamo provato la dimostrazione di un teorema ognuno con il proprio modo di dare risultati diversi. Il Teorema di Lagrange nella sua dimostrazione non è così intuitivo per chi non dimostra conoscenze matematiche e geometriche. C'è chi...
Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Teorema di Löwenheim-Skolem: dimostrazione

In questo articolo vorrei illustrarvi la dimostrazione del Teorema di Löwenheim-Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem si chiama così perché prende il suo nome dai suoi matematici ideatori Leopold Löwenheim e Thoralf Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem...
Università e Master

Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello...
Università e Master

Teorema della curva di Jordan: dimostrazione

Teorema ricorrente negli studi di materie universitarie come la geometria, l'analisi e la topologia di spazi euclidei è il Teorema della Curva di Jordan. Sono infatti moltissimi gli enunciati che, a partire da questo teorema, ci restituiscono soluzioni...
Università e Master

Teorema della divergenza: dimostrazione

Nel calcolo vettoriale un importante enunciato è il famoso teorema della divergenza. Conosciuto dagli studiosi delle varie Analisi Matematiche anche come il teorema di Ostrogradskij, è stato erroneamente accostato a Gauss poiché pensato dal grande...
Università e Master

Teorema di Krasnoselskii: dimostrazione

Il Teorema di Krasnoselskii è uno dei teoremi di punto fisso che sono uno dei principali strumenti dell'analisi matematica non lineare. Questi teoremi hanno una miriade di applicazioni pratiche. I suoi risultati riguardano un operatore singolo; ma le...
Università e Master

Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione

Questa guida dal titolo "Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione" si prefigge di dimostrare cos'è. Il Teorema di Eulero può essere considerato in alcuni casi la conseguenza del teorema di Lagrange, che spiegherò in modo dettagliato nei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.