Teorema di Schwartz: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Il teorema di Schwartz è un importante teorema dell'analisi matematica particolarmente utilizzato nello studio delle variazioni di funzioni a più variabili. È ad esempio usato in meccanica strutturale per dimostrare il significato fisico di materiale simmetrico, ovvero di materiale avente comportamento simmetrico a seconda della direzione dello sforzo che subisce; oppure in qualsiasi altro comportamento fisico o matematico descrivibile sotto forma di matrice simmetrica. Illustriamo ora l'enunciato per passare poi alla dimostrazione del Teorema di Schwartz.

25

L'enunciato

Sia "f" una funzione appartenente ad un insieme aperto "I" ed incluso nel piano "R^2". Se f ammette derivate seconde miste, allora queste coincidono in ogni punto P ovvero d^2f/(dxdy) = d^2f/(dydx). Ciò vuol dire che invertendo l'ordine di derivazione di una doppia derivazione parziale mista, il risultato non cambia. Definiamo però in parole più semplici quali informazioni e quali risultati otteniamo con questo teorema.

35

La dimostrazione

Prendiamo il punto P di coordinate (Xo, Yo) appartenente ad I e due numeri reali W>0 e Q>0 tali che le coordinate (Xo-W; Xo+W) x (Yo-Q; Yo+Q) siano incluse in I (e ciò è possibile grazie all'ipotesi di intervallo aperto) e definiamo le funzioni F: (-W;+W) e G: (-Q;+Q), appartententi all'insieme dei numeri reali, in modo che F (t)= f (Xo+t; Yo+s)-f (Xo+t; Yo) per ogni s compreso tra (-Q, Q) e G (s)= f (Xo+t; Yo+s)-f (Xo; Yo+s) per ogni t compresa tra (-W, W).

Continua la lettura
45

Il teorema

Illustrazione dell'enunciato e del teorema: per prima cosa dobbiamo considerare che stiamo studiando una funzione a due o più variabili e quindi abbiamo appunto due o più variabili che implicano l'esistenza di due derivate prime pure (df/dx e df/dy) e conseguentemente (ammettendo ancora la loro esistenza) due derivate seconde pure (d^2f/dx^2 e d^2f/dy^2) e due miste (d^2f/(dxdy) e d^2f/(dydx)). Nelle funzioni in due variabili si definisce aperto quell'intervallo in cui è possibile spostarsi sufficientemente poco in ogni direzione a partire da ogni punto dell'insieme senza uscire dall'insieme stesso. Su un piano cartesiano la funzione che rispetta tale definizione è quella di una circonferenza, per cui in uno spazio 3D il nostro intorno è una sfera! (delimitata da una propria "frontiera"). Secondo Schwarz allora, se esistono derivate seconde miste di una funzione compresa in un insieme aperto, allora queste sono tra loro identiche e quindi l'ordine di derivazione per queste è indifferente.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consiglio di studiare i fondamenti di analisi 2 prima di affrontare questa dimostrazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Teorema di Fermat: dimostrazione

Il "Teorema di Fermat" appartiene alla categoria dei teoremi fondamentali del calcolo differenziale. Tale teorema non va confuso con "l'ultimo teorema di Fermat", il "piccolo teorema" o il "teorema sulle somme di due quadrati". Esso fa parte dell'analisi...
Università e Master

Teorema della funzione inversa: dimostrazione

In matematica, ed in particolare nel calcolo differenziale, il terorema dela funzione inversa fornisce le condizioni sufficienti per una funzione per essere invertibile in un intorno di un punto del dominio. Il teorema definisce inoltre una formula per...
Università e Master

Teorema di Bendixson-Dulac: dimostrazione

La scienza ha fatto grandi passi avanti grazie alle nuove tecnologie ed alle numerose teorie che si sono affermate fino a questo momento. C'è da ammettere, però, che molti di questi saperi non sono stati dimostrati completamente o sono stati dimostrati...
Università e Master

Teorema di esistenza e unicità per un problema di Cauchy: dimostrazione

La matematica è da sempre la materia più complicata sia ai bambini delle elementari, sia per gli studenti delle superiori e delle facoltà universitarie. Questa difficoltà sta soprattutto nel fatto che i concetti sono strettamente collegati fra di...
Università e Master

Teorema di Fubini: dimostrazione

Nell'ambito della materia matematica si applicano tanti teoremi. Uno dei principali è il cosiddetto Teorema di Fubini che come al solito prende il nome dallo studioso matematico che lo ha inventato. Si tratta di Guido Fubini, il quale riuscì a fare...
Università e Master

Teorema di Lebesgue: dimostrazione

Il Teorema di Lebesgue, conosciuto anche come teorema di Vitali-Lebesgue, nel campo dell'analisi matematica è una proposizione che determina l'equivalenza tra una funzione e la derivata del suo integrale, ovvero un operatore che associa alla funzione...
Superiori

Teorema di Ruffini: dimostrazione

All'interno della guida che andremo a sviluppare ci occuperemo di matematica, in quanto, come abbiamo indicato nel titolo che contraddistingue questa guida, ci concentreremo su un teorema specifico: il teorema di Ruffini. Il nostro obiettivo sarà quello...
Università e Master

Teorema di Lagrange: dimostrazione

Quante volte abbiamo provato la dimostrazione di un teorema ognuno con il proprio modo di dare risultati diversi. Il Teorema di Lagrange nella sua dimostrazione non è così intuitivo per chi non dimostra conoscenze matematiche e geometriche. C'è chi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.