Teorema di Lindemann-Weierstrass: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

Il Teorema di Lindemann-Weierstrass (e la relativa dimostrazione) è molto utile per stabilire la trascendenza dei numeri. Esso afferma che, se α1, ..., αn sono numeri algebrici, linearmente indipendenti su Q, ed e^α1, ..., e^αn sono algebricamente indipendenti su Q, il campo di estensione Q (e^α1, .. ., e^αn) ha trascendenza grado n su Q. Una formulazione equivalente data da Baker afferma che: se α1, ..., αn sono numeri algebrici distinti, gli esponenziali e^α1, ..., e^αn sono linearmente indipendenti. Il teorema, insieme a quello di Gelfond-Schneider, è prorogato per il teorema di Baker, e tutti questi sono ulteriormente generalizzata congettura di Schanuel.

24

Formulazione del teorema

Supponiamo che α è un numero algebrico diverso da zero, allora α è un insieme linearmente indipendente dei numeri razionali, e quindi dalla prima formulazione del teorema {e^α} è un insieme algebricamente indipendente od, in altre parole, e^α è trascendentale. In particolare, e1 = e è trascendentale. In alternativa, dalla seconda formulazione del teorema, se α è un numero algebrico diverso da zero, allora {0, α} è un insieme di numeri algebrici distinti, e così l'insieme {e0, eα} = {1, eα} è linearmente indipendente sui numeri algebrici e in particolare e^α non può essere algebrico e dunque è trascendentale.

34

L'asserzione trascendente

L'asserzione che π è trascendente è dimostrata per assurdo. Se π fosse algebrico, πi sarebbe algebrico, e quindi, per il teorema di Lindemann-Weierstrass, e^πi = -1 sarebbe trascendentale, un assurdo appunto.
Una variante della stessa dimostrazione evince che se α è un numero algebrico diverso da zero allora sin (α), cos (α), tan (α) e le loro controparti iperboliche sono anch'esse trascendentali.

Continua la lettura
44

Asserto A

Asserto A. Se K e C sono numeri interi non nulli, e β1, ..., βm sono le radici di un polinomio a coefficienti interi T (x) = VxM + ... + U e v, u ≠ 0, allora. 1). Dimostrazione di A.
Sia p un numero primo e definire la seguente funzione: 2) e l'integrale: 3) Si può dimostrare con l'integrazione per parti che 4) dove n = mp + p - 1 è il grado di f, ed f^(j) è la derivata di f jesima. Consideriamo la seguente somma: 5) Si evince che il termine a sinistra tende a zero, come p → ∞, mentre gli ultimi due termini si sommano fino ad un intero non nullo per un p abbastanza grande. Si può inoltre dimostrare che: 6)
osservando che: 7) che per un dato s ha la forma 1/k C1 C2^k con c1, c2 costanti e k = p - 1. Questo tende a zero per k → ∞. Risulta dalla definizione di f che: 8) Così: 9) D'altra parte, dalla definizione di f e di β1, ..., βn 10) Così per ogni 1 ≤ i ≤ n, e per ogni j è un polinomio simmetrico a coefficienti interi di grado minore di mp in β1... βn. Questi ultimi sono uguali per i coefficienti di T (x) / v, che sono interi divisi per v Pertanto per ogni j, 10) è un polinomio a coefficienti interi, di grado massimo mp, di numeri interi divisi per v; quindi è un intero diviso vpm. Ciò significa che 11) è un numero intero divisibile per p, e così anche 12) Per concludere, 13) Per p> K, u, v, sarà diverso da zero. Dalla scomparsa di 14) l'asserto è dimostrato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello...
Università e Master

Teorema di Caccioppoli: dimostrazione

Il Teorema di Caccioppoli è uno dei teoremi più importanti nell'ambito dei cosiddetti studi metrici. È noto anche come Teorema delle contrazioni o Teorema del punto fisso, anche se è ancora più giusto chiamarlo Teorema di Barnach-Caccioppoli, dai...
Università e Master

Teorema di Lagrange: dimostrazione

Quante volte abbiamo provato la dimostrazione di un teorema ognuno con il proprio modo di dare risultati diversi. Il Teorema di Lagrange nella sua dimostrazione non è così intuitivo per chi non dimostra conoscenze matematiche e geometriche. C'è chi...
Università e Master

Teorema di Heine-Borel: dimostrazione

Il Teorema di Heine-Borel afferma che un sottospazio di R^n (con la solita topologia) è compatto se e solo se è chiuso e limitato. Tale teorema può essere dimostrato mediante quello di Bolzano-Weierstrass. Inoltre, in chiave moderna è certamente possibile...
Università e Master

Teorema di Löwenheim-Skolem: dimostrazione

In questo articolo vorrei illustrarvi la dimostrazione del Teorema di Löwenheim-Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem si chiama così perché prende il suo nome dai suoi matematici ideatori Leopold Löwenheim e Thoralf Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem...
Università e Master

Teorema della curva di Jordan: dimostrazione

Teorema ricorrente negli studi di materie universitarie come la geometria, l'analisi e la topologia di spazi euclidei è il Teorema della Curva di Jordan. Sono infatti moltissimi gli enunciati che, a partire da questo teorema, ci restituiscono soluzioni...
Università e Master

Teorema di Krasnoselskii: dimostrazione

Il Teorema di Krasnoselskii è uno dei teoremi di punto fisso che sono uno dei principali strumenti dell'analisi matematica non lineare. Questi teoremi hanno una miriade di applicazioni pratiche. I suoi risultati riguardano un operatore singolo; ma le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.