Teorema di König: dimostrazione

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Il teorema di Koning sono due teoremi utilizzati nella parte della fisica chiamata rotazione e nel moto del centro di massa. Questo perché si parte dal presupposto che un corpo non possa essere considerato come un punto materiale come accadeva nella fisica che considera i corpi nei moti bi-dimensionali come rigidi. Questo perché il corpo viene inizialmente definito come somma di infinite particelle (Nella realtà però parliamo di oggetti  come una sbarra o una sfera) e pertanto non è possibile definire in un tempo t la somma di tutti i moti.
Per parlare del teorema è necessario introdurre anche il momento angolare che fisicamente viene definito come il prodotto vettoriale tra il raggio di rotazione e la quantità di moto (Cioè velocità per massa).
Ecco quindi la dimostrazione del teorema di König.

26

Spiegazione generale del teorema

Il teorema di König, che sia il lato del momento angolare che sia per l'energia cinetica, si sviluppa in maniera analoga in ambedue i casi. Si parte infatti dalla separazione iniziale di un prodotto vettoriale tra due elementi e applicando varie considerazioni che è possibile fare sui corpi che possiedono un centro di massa si arriva alla formulazione finale che lega il momento angolare/Energia cinetica in un punto qualsiasi del corpo ai rispettivi centri di massa.
Tutto il teorema di König è anche dimostrabile utilizzando le regole dei corpi rigidi.

36

Primo Teorema di Konig

In questo caso si parte dal momento angolare. Questo viene definito come sommatoria del prodotto tra raggio e quantità di moto.
L=S[r x m*v] (Dove S è la sommatoria e x è il prodotto vettoriale)
Partendo da questa formula si consideri, preso un qualsiasi punto di riferimento, un Ri= Rcm + R e un Vi=Vcm + V.
Sciogliendo il prodotto vettoriale è possibile ottenere 4 membri, di cui due nulli per definizione del centro di massa, e riassemblando il tutto si ottiene la formulazione finale:
Lp = Lcm + Mt*v (Dove Mt è la massa totale).

Continua la lettura
46

Secondo Teorema di Konig

In questo caso si parte dall'energia cinetica. Questa viene definita come sommatoria del prodotto tra la metà del prodotto vettoriale tra massa e velocità al quadrato.
E=S[1/2 m x v^2] (Dove S è la sommatoria e x è il prodotto vettoriale)
Partendo da questa formula si consideri, preso un qualsiasi punto di riferimento, un Vi=Vcm + V.
Sciogliendo il prodotto vettoriale è possibile ottenere 4 membri, di cui due nulli per definizione del centro di massa, e riassemblando il tutto si ottiene la seguente formulazione finale:
Ep = E cm + Mt*V^2 (Dove Mt è la massa totale).

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' consigliato una preparazione basilare sul centro di massa
  • E' consigliato una preparazione basilare sul moto dei corpi del centro di massa
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Teorema fondamentale dell'algebra: dimostrazione

Il teorema fondamentale dell'algebra ha una storia cronologica suddivisa in quattro fasi distinte. Nella prima fase esso venne enunciato, ma rimanendo privo di dimostrazione. Nella seconda e nella terza fase troviamo i primi tentativi di dimostrazione,...
Superiori

Teorema di Abel-Ruffini: dimostrazione

Il teorema di Abel-Ruffini, da non confondere con la "Regola di Ruffini" viene ritenuto utile per la scomposizione dei polinomi. Inoltre viene considerato il contributo più importante dato dal Ruffini alla matematica. Il teorema di Abel-Ruffini vine...
Superiori

Teorema di Fermat: dimostrazione

Il "Teorema di Fermat" appartiene alla categoria dei teoremi fondamentali del calcolo differenziale. Tale teorema non va confuso con "l'ultimo teorema di Fermat", il "piccolo teorema" o il "teorema sulle somme di due quadrati". Esso fa parte dell'analisi...
Superiori

Teorema sugli archi congruenti: dimostrazione

Il teorema sugli archi congruenti è un teorema che afferma che "ad archi congruenti corrispondono corde parallele". Per farne una dimostrazione abbiamo bisogno di un' ipotesi, ossia i dati forniti dallo stesso teorema e una tesi, ossia quello che va...
Superiori

Teorema di Rolle: dimostrazione

Il matematico francese Michel Rolle formulò uno dei più rilevanti teoremi della matematica e, per riuscirlo a comprendere bene, sarà necessario supporre anche la conoscenza del Teorema di Weierstrass e del Teorema di Fermat. Il teorema di solito di...
Superiori

Teorema della corda: dimostrazione

L’applicazione trigonometrica ai triangoli rettangoli ha moltissime conseguenze nella geometria, per tale motivo è molto utile impararne teoremi e dimostrazioni, al fine di avere un chiaro quadro universale nell’ambito di questo aspetto matematico,...
Superiori

Dimostrazione del teorema di Kelvin

Uno dei teoremi più importanti nella meccanica del fluido, oltre che nella trasmissione del calore, è certamente il teorema di Kelvin, anche detto teorema di Kelvin-Stokes o teorema del rotore. Questo enunciato è un caso particolare del teorema di...
Superiori

Teorema degli angoli opposti al vertice: dimostrazione

Per superare un test di matematica occorre studiare bene le regole. Nel caso del teorema degli angoli opposti al vertice spiegheremo la dimostrazione. Dati due angoli opposti al vertice, i lati dell'uno sono i prolungamenti dei lati dell'altro. Da questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.