Teorema di Kleene: dimostrazione

Tramite: O2O 06/06/2017
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il Teorema di Kleene, prende il nome dal suo inventore e logico matematico Stephen Cole Kleene. Il teorema, è basato su una formula che mette a confronto le classi dei linguaggi di terzo tipo, degli stati finiti e dei linguaggi regolari, di conseguenza verranno considerati in base alla loro uguaglianza. Oltre alla spiegazione dei temi contenuti e la dimostrazione dello stesso teorema, fornirò all'interno del tutorial alcune informazioni biografiche su Kleene, inventore del teorema.
La matematica e la logica vi appassiona? Per saperne di più basta leggere attentamente il contenuto della guida qui riportata.

25

STORIA DI KLEENE

Stephen Cole Kleene nasce il 05 gennaio del 1909 a Hatford, negli USA.
Laureato in matematica, insegnante presso le più prestigiose università, tra le più note la Wisconsin Madison. A Kleene, sono dovuti molti riconoscimenti.
I suoi principali teoremi sono stati: il punto fisso, la teoria della ricorsione, la stella di Kleene e il merito a lui dovuto, per aver dato input alle basi dell'informatica teorica.
A tale proposito, si fa riferimento all'analisi algoritmica del quale il teorema di Kleene, può essere adottato.
Da tale espressione, nacque un proverbio: "Kleeneliness is next to Guidelines" ovvero "Kleene è vicino alla grazia di Dio", come si può vedere, è anche un gioco di parole.

35

ILLUSTRAZIONI DEL TEOREMA

La dimostrazione del teorema di Kleene, si presenta nei seguenti termini: L3=Lsfl=Lreg.
Ciò dimostra non solo l'uguaglianza tra le parti, ma anche che i linguaggi di terzo tipo, sono inclusi nei linguaggi a stati finiti (L3 incluso in Lsfl). Dove a sua volta i linguaggi a stati finiti sono inclusi nei linguaggi regolari (Lsfl incluso in Lreg), che i linguaggi regolari sono inclusi nei linguaggi di terzo tipo (Lreg incluso in L3).
Illustreremo anche l'applicazione delle quine nel teorema. Sotto troverete il link con maggiori dettagli e spiegazioni.

Continua la lettura
45

OBBIETTIVI E SPIEGAZIONI

Più nel dettaglio, il teorema di Kleene, si pone come obiettivo con la relazione tra i linguaggi. Questi sono i linguaggi di terzo tipo, ovvero la grammatica formale, i linguaggi a stati finiti sia deterministico che non deterministico e i semplici linguaggi regolari. Mentre nel primo caso si parla di un sistema di regole che può generare o ridurre una certa stringa di tipo linguistico, la seconda ipotesi riguarda i cosiddetti riconoscitori di linguaggi e i traduttori. Per quanto riguarda la terza categoria, le espressioni regolari si riferiscono a funzioni come gli indirizzi e-mail i quali sono formati a partire da una sintassi precisa e definita.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Potete controllare il link sotto riportato, dove ci sono dimostrazioni ed esempi pratici.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Löwenheim-Skolem: dimostrazione

In questo articolo vorrei illustrarvi la dimostrazione del Teorema di Löwenheim-Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem si chiama così perché prende il suo nome dai suoi matematici ideatori Leopold Löwenheim e Thoralf Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem...
Università e Master

Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello...
Università e Master

Teorema della curva di Jordan: dimostrazione

Teorema ricorrente negli studi di materie universitarie come la geometria, l'analisi e la topologia di spazi euclidei è il Teorema della Curva di Jordan. Sono infatti moltissimi gli enunciati che, a partire da questo teorema, ci restituiscono soluzioni...
Università e Master

Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione

Questa guida dal titolo "Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione" si prefigge di dimostrare cos'è. Il Teorema di Eulero può essere considerato in alcuni casi la conseguenza del teorema di Lagrange, che spiegherò in modo dettagliato nei...
Università e Master

Teorema della bisettrice: dimostrazione

La matematica è una materia ricca di formule, è vero, ma non richiede soltanto un impegno di tipo mnemonico. In questa disciplina è molto importante il ragionamento, che va sfruttato per applicare le formule ai diversi problemi. Lo studio della geometria,...
Università e Master

Teorema di Eulero: dimostrazione

Il Teorema di Eulero (chiamato anche Teorema di Fermat-Eulero) dimostra che se è un intero positivo e un coprimo (interi che non hanno nessun divisore a eccezione di 1 e -1, se il loro massimo comune divisore è 1) rispetto a. In questo modo φ() ≡...
Università e Master

Teorema della funzione inversa: dimostrazione

In matematica, ed in particolare nel calcolo differenziale, il terorema dela funzione inversa fornisce le condizioni sufficienti per una funzione per essere invertibile in un intorno di un punto del dominio. Il teorema definisce inoltre una formula per...
Università e Master

Teorema di Binet: dimostrazione

Come ben saprete, ogni materia rappresenta sempre una componente di ricerca e approfondimento da parte degli studiosi. La costante ricerca occorre per giungere con totale soddisfazione a svolgere l'attività lavorativa con dedizione e professionalità....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.