Teorema di Holmström: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Teorema di Holmström: dimostrazione
Il teorema di Holmström, attribuito all'economista finlandese Bengt R. Holmström, in economia è la dimostrazione che non esiste un incentivo ad un gruppo di operanti che soddisfi allo stesso tempo le richieste di pareggio tra entrate e uscite, che il sistema abbia un equilibrio di Nash e che il sistema sia paretiano.

26

Sistema paretiano

Quindi in un sistema paretiano dove il bilancio è in pareggio non esiste nessun punto all'interno del quale un elemento può cambiare la propria condizione, migliorandola, ma cambiando anche il proprio livello di sforzo diverso da quello degli altri elementi che rimangono uguali; ciò significa che gli elementi non possono creare una strategia "ferma" e stabile.
Un sistema del genere non esiste anche perché se il sistema fosse in un equilibrio di Nash, ovvero non distribuisce tutte le entrate e non spende più di quello che possiede allora non è possibile massimizzare il profitto di tutti gli elementi.

36

Concorrenza

Il secondo problema è il fatto che un mercato perfettamente basato sulla concorrenza è possibile che non si raggiunga mai per diversi motivi. Il teorema di Holmström appunto mostra le diverse difficoltà che si notano nell'organizzare una teoria sociale paretiana.

Continua la lettura
46

Divisione

Il risultato che otteniamo è dato da un problema di divisione. Un elemento del gruppo ha incentivi efficienti quando riceve tutti i profitti marginali di un'unità addizionale delle sue entrate. Ma in un sistema con bilancio in pareggio, gli elementi del gruppo non possono essere incentivati in questa maniera; questo problema viene aggirato se le uscite venissero suddivise in n parti invece che in una soltanto, ma questo significa che ogni elemento del gruppo debba pagare una "rata" fissa ad un anti-sharer. Però se uno degli elementi del gruppo prende il posto di anti-sharer, questo non riceve incentivi per impiegare i suoi sforzi. Ciò comporta una condizione di base nella quale l'anti-sharing interna porta agli elementi del gruppo a impiegare più sforzo di un contratto con condivisione avente il bilancio in pareggio.

56

Ottimo paretiano

L'ottimo paretiano è il concetto applicato in economia, attribuito all'economista italiano Vilfredo Pareto, e si realizza quando il numero delle risorse non permette miglioramenti paretiani al sistema preso in considerazione, ovvero non è possibile migliorare la situazione di un elemento senza andare a danneggiare la situazione di un altro elemento. Quindi il primo problema che si crea è in un mercato così organizzato, in quanto la suddivisione delle risorse e del reddito non ci è dato sapere in che modo venga effettuata, quindi un elemento potrebbe avere tutto ed un altro potrebbe avere nulla.

66

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Löwenheim-Skolem: dimostrazione

In questo articolo vorrei illustrarvi la dimostrazione del Teorema di Löwenheim-Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem si chiama così perché prende il suo nome dai suoi matematici ideatori Leopold Löwenheim e Thoralf Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem...
Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Teorema di Krasnoselskii: dimostrazione

Il Teorema di Krasnoselskii è uno dei teoremi di punto fisso che sono uno dei principali strumenti dell'analisi matematica non lineare. Questi teoremi hanno una miriade di applicazioni pratiche. I suoi risultati riguardano un operatore singolo; ma le...
Università e Master

Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione

Questa guida dal titolo "Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione" si prefigge di dimostrare cos'è. Il Teorema di Eulero può essere considerato in alcuni casi la conseguenza del teorema di Lagrange, che spiegherò in modo dettagliato nei...
Università e Master

Teorema di Lagrange: dimostrazione

Quante volte abbiamo provato la dimostrazione di un teorema ognuno con il proprio modo di dare risultati diversi. Il Teorema di Lagrange nella sua dimostrazione non è così intuitivo per chi non dimostra conoscenze matematiche e geometriche. C'è chi...
Università e Master

Teorema di Caccioppoli: dimostrazione

Il Teorema di Caccioppoli è uno dei teoremi più importanti nell'ambito dei cosiddetti studi metrici. È noto anche come Teorema delle contrazioni o Teorema del punto fisso, anche se è ancora più giusto chiamarlo Teorema di Barnach-Caccioppoli, dai...
Università e Master

Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello...
Università e Master

Teorema di Feuerbach: dimostrazione

Nel Teorema di Feuerbach il cerchio a 9 punti caratteristici è tangente internamente a quello inscritto in un triangolo ed esternamente ai suoi cerchi escritti. La dimostrazione prevede alcuni concetti geometrici. Il cerchio inscritto in un triangolo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.