Teorema di Gauss-Bonnet: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il Teorema di Gauss-Bonnet è un importante teorema di geometria differenziale. Stabilisce un fondamentale asserto sulle superfici, collegando la propria geometria (nel senso di curvatura), alla loro topologia (nel senso della caratteristica di Eulero). Prende il nome da Carl Friedrich Gauss, che aveva ideato una versione del teorema, ma senza mai pubblicarlo, e Pierre Ossian Bonnet, che ne pubblicò un caso speciale nel 1848. Vediamone la definizione e la dimostrazione.

24

La caratteristica di Eulero

Si noti che per le superfici compatte orientate senza bordo, la caratteristica di Eulero uguale a 2-2g, dove g è il tipo di superficie; qualsiasi superficie compatta orientata senza contorno è topologicamente equivalente a una sfera con delle maniglie e g rappresenta il numero di maniglie. Se si piega e si deforma la superficie M, la sua caratteristica di Eulero, essendo un invariante topologico, non cambierà.

34

l'integrale totale

Il teorema afferma che sorprendentemente l'integrale totale di tutte le curvature rimarrà la stesso, non importa la deformazione subita. Si consideri ad esempio un disco unitario aperto, per una superficie di Riemann non compatta senza bordo, con curvatura 0 e con caratteristica diEulero pari ad 1: la formula di Gauss-Bonnet non funziona. Vale però per un disco unitario compatto e chiuso, con anche caratteristica di Eulero pari ad 1, a causa del limite solidale 2π.

Continua la lettura
44

L'integrale totale

È possibile anche costruire un toro identificando lati opposti di un quadrato: nel tal caso la metrica Riemanniana sul toro è piana ed ha curvatura costante nulla, con conseguente curvatura totale pari a 0. Non è possibile specificare una metrica Riemanniana sul toro con curvatura gaussiana positiva o negativa ovunque. Se il toro ha l'ordinaria metrica Riemanniana inclusa in R3, quindi l'interno ha una curvatura gaussiana negativa; l'esterno della curvatura gaussiana è positivo e la curvatura totale è nulla. Supponiamo che M sia una varietà di Riemann compatta a due dimensioni con contorno ∂M. Sia K la curvatura gaussiana di M e sia Kg la curvatura geodetica di ∂M. Allora l'integrale esteso ad M di K dA + integrale esteso a ∂M di Kg ds è uguale a 2πχ(M), dove dA è l'elemento di area della superficie e ds è l'elemento di linea lungo il contorno di M. In questo caso, χ(M) è la caratteristica di Eulero M. Se il contorno ∂M è a tratti regolari, interpretiamo l'integrale esteso a ∂M di Kg ds come la somma dei corrispondenti integrali lungo le parti regolari del bordo, più la somma degli angoli con cui le parti regolari si rivolgono agli angoli del contorno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Green: dimostrazione

Il Teorema di Green fa parte di quel corollario di tematiche inerenti all'analisi matematica. Quando si studia questo teorema, è opportuno conoscere in maniera piuttosto approfondita l'ambiente degli integrali e le varie metodologie relative al calcolo...
Università e Master

Teorema di Lagrange: dimostrazione

Quante volte abbiamo provato la dimostrazione di un teorema ognuno con il proprio modo di dare risultati diversi. Il Teorema di Lagrange nella sua dimostrazione non è così intuitivo per chi non dimostra conoscenze matematiche e geometriche. C'è chi...
Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Teorema di Löwenheim-Skolem: dimostrazione

In questo articolo vorrei illustrarvi la dimostrazione del Teorema di Löwenheim-Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem si chiama così perché prende il suo nome dai suoi matematici ideatori Leopold Löwenheim e Thoralf Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem...
Università e Master

Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello...
Università e Master

Teorema della curva di Jordan: dimostrazione

Teorema ricorrente negli studi di materie universitarie come la geometria, l'analisi e la topologia di spazi euclidei è il Teorema della Curva di Jordan. Sono infatti moltissimi gli enunciati che, a partire da questo teorema, ci restituiscono soluzioni...
Università e Master

Teorema di Krasnoselskii: dimostrazione

Il Teorema di Krasnoselskii è uno dei teoremi di punto fisso che sono uno dei principali strumenti dell'analisi matematica non lineare. Questi teoremi hanno una miriade di applicazioni pratiche. I suoi risultati riguardano un operatore singolo; ma le...
Università e Master

Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione

Questa guida dal titolo "Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione" si prefigge di dimostrare cos'è. Il Teorema di Eulero può essere considerato in alcuni casi la conseguenza del teorema di Lagrange, che spiegherò in modo dettagliato nei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.