Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Questa guida dal titolo "Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione" si prefigge di dimostrare cos'è. Il Teorema di Eulero può essere considerato in alcuni casi la conseguenza del teorema di Lagrange, che spiegherò in modo dettagliato nei vari passi. Possono essere usati anche i gruppi abeliani finiti con una formula leggermente più complessa e che ho inserito nella guida.

26

Occorrente

  • allenarsi, studiando
36

Teorema di Eulero spiegazione

Il Teorema di Eulero (denominato anche Fermat- Eulero) ha la funzione di calcolare l'inverso di un numero in un'aritmetica finita. Nel 1736 nasce grazie alla generalizzazione, da parte di Eulero, del piccolo Teorema di Fermet (affermava che se z è un numero primo, allora per ogni intero a avremo: az = a (mod z). Tutto ciò significava che se si prendeva un qualunque numero a, lo si moltiplicava per se stesso z volte e si sottraeva a, il risultato risultava divisibile per z. Utilizzando la forma equivalente si aveva: se z è primo e a è un intero coprimo con z allora az-1=1 (mod z)) ed è per questo che viene denominato anche Teorema di Fermat-Eulero. Questo teorema afferma che se a è coprimo rispetto ad n ed n è un intero positivo, allora avremo: aΦ(n)=1 modn.. Dove il simbolo = indica la relazione di congruenza e Φ(n) ci indica la funzione di phi di Eulero. Altro esempio se m è coprimo di N ed N è un intero positivo allora avremo: mΦ(N)=1 modN.

46

Dimostrazione che il teorema di Eulero può essere considerato una conseguenza del teorema di Lagrange

Come anticipavo nell'introduzione, il teorema di Eulero può esser considerato una conseguenza del teorema di Lagrange. Da qui avremo la dimostrazione, infatti, che se a è primo con n allora appartiene al gruppo moltiplicativo Zn che ha ordine Φ(n). Per il teorema di Lagrange l'ordine di a è un divisore di Φ(n) e quindi avremo: a ord(a)=1 modn e soprattutto aΦ(n)= 1 modn. Oppure se vogliamo cambiare le lettere possiamo affermare che se m è primo con N allora appartiene al gruppo moltiplicativo di ZN che ha ordine Φ(N). L'ordine di m è un divisore di Φ(N) e quindi avremo m ord (m)=1 modN e soprattutto mΦ(N)=1 modN. Con questo secondo esempio col cambio lettere può essere ancor più chiaro.

Continua la lettura
56

Teorema applicato ai gruppi abeliani finiti

Adesso vi mostrerò il teorema applicato ai gruppi abeliani finiti. Una dimostrazione meno diretta si ha con la teoria dei gruppi in cui, l'insieme S1 delle classi di resto modulo n è un gruppo abelico sotto la moltiplicazione ed ha ordine Φ(n). Avremo am= 1 modn e se Φ(n) =mr allora avremo aΦ(n)=(am) r = 1r modn01modn. Questo teorema può essere anche applicato a tutti i gruppi abeliani finiti senza utilizzare il teorema di Lagrange.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Formula di Eulero: dimostrazione

Leonhard Paul Euler può essere considerato il più grande matematico svizzero, vissuto nel periodo illuminista. Fu accostato dai suoi contemporanei ai più grandi matematici della storia, da Euclide a Pitagora fino a Newton. Dedicò i suoi studi a tutte...
Università e Master

Teorema di indefinibilità di Tarski: dimostrazione

Il teorema di Tarski sull'indefinibilità della verità dell'aritmetica è strettamente legato ai teoremi di Godel ed ai suoi studi: per questo partiremo dalla sua "matematica" per poi arrivare alle dimostrazioni di Tarski. La dimostrazione del teorema...
Università e Master

Teorema di Gauss-Bonnet: dimostrazione

Il Teorema di Gauss-Bonnet è un importante teorema di geometria differenziale. Stabilisce un fondamentale asserto sulle superfici, collegando la propria geometria (nel senso di curvatura), alla loro topologia (nel senso della caratteristica di Eulero)....
Università e Master

Teorema di Dirichlet: dimostrazione

Johann Peter Gustav Lejeune Dirichlet fu un matematico tedesco. Nacque a Duren, dove il padre lavorava come direttore all'Ufficio Postale. Il giovane Dirichlet studiò in Germania e in Francia, dove ebbe modo di conoscere molti dei più celebri matematici...
Università e Master

Teorema di Löwenheim-Skolem: dimostrazione

In questo articolo vorrei illustrarvi la dimostrazione del Teorema di Löwenheim-Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem si chiama così perché prende il suo nome dai suoi matematici ideatori Leopold Löwenheim e Thoralf Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem...
Università e Master

Teorema di Lagrange: dimostrazione

Quante volte abbiamo provato la dimostrazione di un teorema ognuno con il proprio modo di dare risultati diversi. Il Teorema di Lagrange nella sua dimostrazione non è così intuitivo per chi non dimostra conoscenze matematiche e geometriche. C'è chi...
Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.