Teorema di esistenza del limite di successioni monotone: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il teorema dell'esistenza del limite di successioni monotone è un noto teorema dell’analisi matematica, il quale afferma che ogni successione monotona possiede un limite. Nella guida che segue vi sarà spiegato cos'è una successione, quali tipi di successione possiamo avere e qual è la dimostrazione del teorema. Innanzitutto una successione reale è, come possiamo intuire, una sequenza infinita di numeri reali, che è ordinata da numeri naturali: alla prima posizione è associato un numero reale, alla seconda un altro numero reale, non per forza diverso dal primo, e così via.

25

Cosa sono le successione regolari e monotone

Una successione si definisce regolare se ammette un limite finito o meno; è invece irregolare quando non ammette nessun limite e quindi in generale non abbiamo assicurato l'esistenza di un limite. Però esiste una particolare classe di successioni in cui esiste il limite con assoluta certezza, questa è la classe delle successioni monotone. Una successione monotona mostra una precisa regolarità: con l'aumentare del suo indice n, la fine della successione a (n) assume un valore più alto dei valori precedenti. Una successione a (n) si definisce monotona crescente se a (n) è minore o uguale ad a (n+1); si definisce strettamente crescente se è solo minore.

35

In cosa consistono le successioni monotone decrescenti

Una successione a (n) si definisce monotona decrescente se a (n) è maggiore o uguale ad a (n+1); si definisce strettamente decrescente se è solo maggiore. Il teorema sostiene quindi che se a (n) è una successione monotona reale, allora esiste un limite lim a (n). In particolare è possibile affermare che se la successione a (n) è una successione crescente allora si avrà lim a (n) = sup a (n); se invece la successione a (n) è una successione decrescente allora si avrà lim a (n) = sup a (n).

Continua la lettura
45

Quali sono le conseguenze del teorema

Ora proviamo a dimostrare la tesi soltanto nel caso della successione a (n), che è decrescente: se il limite "l" è l'estremo inferiore di una successione a (n) e poniamo il caso nel quale "l" è un limite finito, per la definizione dell’estremo inferiore, possiamo affermare che il limite "l" è ≤ a (n). Una conseguenza di questo teorema è che una successione monotona si dice convergente solamente se è limitata. Infatti, se questa è monotona. Significa che sia l'estremo inferiore che superiore esistono e sono finiti. In base al teorema, il limite coincide con l’estremo superiore se la successione è crescente, mentre coincide con l’estremo inferiore se la successione è decrescente. Di conseguenza in questo caso si dice che la successione converge.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • In base al teorema, il limite coincide con l’estremo superiore se la successione è crescente, mentre coincide con l’estremo inferiore se la successione è decrescente.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Come calcolare il limite di una successione monotona

Il periodo scolastico è stato sempre visto come un obbligo con le dovute incertezze nel sapere le determinate materie come la matematica che si studia sin dalle scuole elementari e che ci ha fatto sempre impazzire. In questa guida cercheremo di comprendere...
Superiori

Teorema di Ascoli-Arzelà: dimostrazione

In questo articolo vogliamo proporvi una guida, mediante la quale essere in grado di comprendere meglio e nel migliore dei modi, il Teorema di Ascoli-Arzelà e nello specifico la sua dimostrazione. Il teorema di Ascoli-Arzelà è un teorema di analisi...
Superiori

Come dimostrare il teorema di Weierstrass

Discipline scolastiche come la matematica, la fisica o ancora la chimica sono molto interessanti, ma anche complicate. Le argomentazioni spiegano le dinamiche quotidiane. Tuttavia, non per tutti sono di facile comprensione. Alcuni concetti più di altri...
Università e Master

Teorema di limitatezza: dimostrazione

La matematica è una delle materie scientifiche più complesse da studiare e se siamo degli appassionati di questa particolare disciplina per riuscire a comprendere in maniera più semplice i vari argomenti trattati, potremmo provare a consultare le moltissime...
Superiori

Come studiare un limite di successione

In questa guida andremo a vedere come è possibile studiare un limite di successione. Ma prima di tutto è necessario sapere cos'è una successione. Una successione reale non è nient'altro che una sequenza illimitata di numeri, si parte da un numero...
Superiori

Come dimostrare che una successione è limitata

Non tutti possono capire ogni materia che si presenta all'università o a scuola e in molti casi, una delle materie più complesse da studiare sin dalle scuole elementari è sicuramente la matematica. La matematica può mettere spesso in difficoltà a...
Università e Master

Teorema di Heine-Cantor: dimostrazione

La matematica e la fisica non sono tra le materie particolarmente apprezzate dai ragazzi. La difficoltà sta nel fatto che i concetti sono tutti legati tra di essi, per cui è necessario comprenderli appieno per non avere difficoltà negli studi a seguire....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.