Teorema di esistenza del limite di successioni monotone: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il teorema dell'esistenza del limite di successioni monotone è un noto teorema dell’analisi matematica, il quale afferma che ogni successione monotona possiede un limite. Nella guida che segue vi sarà spiegato cos'è una successione, quali tipi di successione possiamo avere e qual è la dimostrazione del teorema. Innanzitutto una successione reale è, come possiamo intuire, una sequenza infinita di numeri reali, che è ordinata da numeri naturali: alla prima posizione è associato un numero reale, alla seconda un altro numero reale, non per forza diverso dal primo, e così via.

25

Cosa sono le successione regolari e monotone

Una successione si definisce regolare se ammette un limite finito o meno; è invece irregolare quando non ammette nessun limite e quindi in generale non abbiamo assicurato l'esistenza di un limite. Però esiste una particolare classe di successioni in cui esiste il limite con assoluta certezza, questa è la classe delle successioni monotone. Una successione monotona mostra una precisa regolarità: con l'aumentare del suo indice n, la fine della successione a (n) assume un valore più alto dei valori precedenti. Una successione a (n) si definisce monotona crescente se a (n) è minore o uguale ad a (n+1); si definisce strettamente crescente se è solo minore.

35

In cosa consistono le successioni monotone decrescenti

Una successione a (n) si definisce monotona decrescente se a (n) è maggiore o uguale ad a (n+1); si definisce strettamente decrescente se è solo maggiore. Il teorema sostiene quindi che se a (n) è una successione monotona reale, allora esiste un limite lim a (n). In particolare è possibile affermare che se la successione a (n) è una successione crescente allora si avrà lim a (n) = sup a (n); se invece la successione a (n) è una successione decrescente allora si avrà lim a (n) = sup a (n).

Continua la lettura
45

Quali sono le conseguenze del teorema

Ora proviamo a dimostrare la tesi soltanto nel caso della successione a (n), che è decrescente: se il limite "l" è l'estremo inferiore di una successione a (n) e poniamo il caso nel quale "l" è un limite finito, per la definizione dell’estremo inferiore, possiamo affermare che il limite "l" è ≤ a (n). Una conseguenza di questo teorema è che una successione monotona si dice convergente solamente se è limitata. Infatti, se questa è monotona. Significa che sia l'estremo inferiore che superiore esistono e sono finiti. In base al teorema, il limite coincide con l’estremo superiore se la successione è crescente, mentre coincide con l’estremo inferiore se la successione è decrescente. Di conseguenza in questo caso si dice che la successione converge.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • In base al teorema, il limite coincide con l’estremo superiore se la successione è crescente, mentre coincide con l’estremo inferiore se la successione è decrescente.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Come dimostrare il teorema di unicità del limite

Il teorema di unicità del limite è senza alcuna ombra di dubbio uno dei teoremi fondamentali dell'analisi matematica, perché infatti su di esso si basa tutto il lavori dei calcolo dei limiti, che sono certamente indispensabili per questa tipologia...
Università e Master

Teorema di Bolzano-Weierstrass: dimostrazione

Quando si studia alcuni argomenti molto complessi che riguardano le materie scientifiche come la matematica, la fisica, ecc., potrebbe capitare di non riuscire a comprendere tutto, in questi casi trovare ulteriori informazioni potrebbe sicuramente facilitarci...
Università e Master

Teorema di limitatezza: dimostrazione

La matematica è una delle materie scientifiche più complesse da studiare e se siamo degli appassionati di questa particolare disciplina per riuscire a comprendere in maniera più semplice i vari argomenti trattati, potremmo provare a consultare le moltissime...
Università e Master

Come calcolare il limite di una successione monotona

Il periodo scolastico è stato sempre visto come un obbligo con le dovute incertezze nel sapere le determinate materie come la matematica che si studia sin dalle scuole elementari e che ci ha fatto sempre impazzire. In questa guida cercheremo di comprendere...
Università e Master

Teorema di Lagrange: dimostrazione

Quante volte abbiamo provato la dimostrazione di un teorema ognuno con il proprio modo di dare risultati diversi. Il Teorema di Lagrange nella sua dimostrazione non è così intuitivo per chi non dimostra conoscenze matematiche e geometriche. C'è chi...
Università e Master

Teorema di completezza di Gödel: dimostrazione

Il teorema di completezza di Gödel è un teorema fondamentale nella logica matematica che stabilisce una corrispondenza tra verità semantica e dimostrabilità sintattica nella logica del primo ordine. Definisce inoltre uno stretto legame tra la teoria...
Università e Master

Teorema di Lebesgue: dimostrazione

Il Teorema di Lebesgue, conosciuto anche come teorema di Vitali-Lebesgue, nel campo dell'analisi matematica è una proposizione che determina l'equivalenza tra una funzione e la derivata del suo integrale, ovvero un operatore che associa alla funzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.