Teorema di diagonalizzabilità: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il teorema di diagonalizzabilità è un pilastro dell'algebra lineare che ci aiuta a dare spiegazioni di tipo pratico in altri campi dello studio moderno come la meccanica strutturale o semplicemente a chiarirci come un comportamento fisico, descritto sotto forma di matrice, possa darci come risultati valori appartenenti al campo di applicazione che stiamo studiando, e quindi che il comportamento non è valido in altri spazi vettoriali. Illustriamo la dimostrazione.

24

Enunciato

Enunciato:

Preso un endomorfismo lineare T appartenente allo spazio vettoriale V e con risultati sempre in V, con base B in V e una matrice A associata all'endomorfismo T rispetto a B, il polinomio caratteristico della matrice Pt (d), è pari al determinante della matrice meno il prodotto scalare tra matrice identità In, e lo scalare d: Pt (d) = det (A-dIn). Se tutti gli autovalori sono nel campo e sono distinti (ovvero diversi tra loro), oppure se non sono distinti ma per ogni autovalore molteplicità algebrica e molteplicità geometrica coincidono, allora la matrice è diagonalizzabile.

34

Spiegazione dell'enunciato e della dimostrazione

Spiegazione dell'enunciato e della dimostrazione:

È importante prima di tutto capire cos'è un endomorfismo, un'applicazione lineare che ha lo stesso spazio di appartenenza sia per il dominio che per il codominio. Questo vuol dire che se T parte dallo spazio V, tornerà col codominio in V. Vi è poi da comprendere il significato di polinomio caratteristico di una matrice: un polinomio costituito dalle potenze dello scalare d, risultato del determinante della matrice, a cui fa riferimento, meno d volte il valore della matrice identità (Pt (d)=det (a-dIn)). Questo polinomio, se posto pari a zero, ci consente di trovare i possibili valori di d, detti autovalori della matrice, utili a fornire gli autovettori dello spazio della matrice. Se gli autovalori sono tutti diversi, per il teorema, la matrice sarà diagonalizzabile mentre se non sarà cosi avremo bisogno di conoscere due nuovi concetti, le molteplicità algebriche e geometriche.

Continua la lettura
44

Dimostrazione 1 - Valori distinti

Dimostrazione 1 - Valori distinti:

Se prendo l'insieme degli autovalori {d (1),..., d (n)}, chiamato spettro di T (SpecT), so che l'insieme dei diversi vettori v (i) negli spazi V (i) che non contengono il vettore nullo 0 (quindi i valori: v (1) appartenente a V (1)/0,..., v (n) appartenente a V (n)/0) sono autovettori e, dato che gli autovettori sono tra loro linearmente indipendenti, non possono che essere il "numero giusto" di vettori generatori della base di V. Questo ci porta a dire che T ha colonne linearmente indipendenti tra loro e quindi T è completamente diagonalizzabile.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Elementi di algebra lineare

L'algebra lineare è una branca della matematica che studia principalmente gli spazi vettoriali, i vettori, le trasformazioni lineari e i sistemi lineari. Vedremo, in questa guida, quindi, gli elementi base di ognuno di questi argomenti dell'algebra lineare...
Università e Master

Teorema di Laplace: dimostrazione

Lo studio è stato parte integrante durante la nostra adolescenza, materie che si intrecciavano tra loro facendoci a volte palpitare, ma nello stesso tempo incuriosire e affascinare, in questa guida cerchiamo di capire Teorema di Laplace: dimostrazione,...
Università e Master

Teoremi di Gerschgorin: dimostrazione

Tra i vari teoremi studiati nella scuola odierna, bisogna sicuramente tener conto dei "Teoremi di Gerschgorin". Inizalmente, la dimostrazione di questo specifico teorema potrebbe sembrarvi piuttosto complessa, ma con un po' di attenzione ed impegno potrete...
Università e Master

Teorema di Gauss-Markov: dimostrazione

La matematica è sempre stata la materia più complicata e quindi meno apprezzata sia dai bambini delle scuole elementari, sia dagli studenti delle superiori e delle facoltà universitarie. Questa difficoltà sta soprattutto nel fatto che i concetti sono...
Università e Master

Teorema di Binet: dimostrazione

Come ben saprete, ogni materia rappresenta sempre una componente di ricerca e approfondimento da parte degli studiosi. La costante ricerca occorre per giungere con totale soddisfazione a svolgere l'attività lavorativa con dedizione e professionalità....
Università e Master

Come dimostrare il metodo delle potenze

Per metodo delle potenze intendiamo un complesso di operazioni matematiche atte a calcolare, in una matrice, l'autovalore dominante. Per autovalore intendiamo, in matematica, e precisamente in algebra lineare, un vettore, che moltiplicato per uno scalare,...
Università e Master

Teorema della funzione inversa: dimostrazione

In matematica, ed in particolare nel calcolo differenziale, il terorema dela funzione inversa fornisce le condizioni sufficienti per una funzione per essere invertibile in un intorno di un punto del dominio. Il teorema definisce inoltre una formula per...
Università e Master

Endomorfismo di Frobenius: dimostrazione

La guida che svilupperemo attraverso i tre passi che completeranno questa guida, ora andremo a occuparci di scienza. Nello specifico, come indicato già nel titolo della nostra guida, ora andremo a spiegarvi Endomorfismo di Frobenius, attraverso una dimostrazione....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.