Teorema di De L'Hopital: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Spesso quando si studiano funzioni, o comunque in tanti altri casi, a seconda delle esigenze di studio occorre sapere come si possono calcolare i limiti. Talvolta tale calcolo risulta difficoltoso e questo nella maggior parte dei casi è dovuto al fatto che non si ha ben chiaro il procedimento o non si possiedono le nozioni di base delle funzioni. A questo proposito, attraverso i passaggi che seguono andremo a vedere quella che è la dimostrazione del Teorema di De L'Hopital. Scoprirete così che si tratta di un ottimo aiuto nella risoluzione di alcune forme indeterminate attraverso l'uso delle derivate.

25

L'enunciato del teorema

Cominciamo subito col dire che il teorema afferma che, prese due funzioni f e g definite da R in R ampliati (inclusi i valori + e - infinito), continue e derivabili in un intervallo (a; b) con a e b valori qualunque, sia finiti che infiniti, si può supporre che g'(x) non sia nulla in tale intervallo, che il limite per x che tende ad a da destra del rapporto fra le derivate di f e g esista in R ampliato. Se il limite di f/g per x che tende ad a da destra si presenta nella forma zero su zero o infinito su infinito, allora si può affermare che tale limite esiste ed equivale al limite per x che tende ad a da destra del rapporto tra le derivate di f e g. Ovviamente tutto questo vale anche se x tende a b da sinistra.

35

Il teorema di Cauchy

Nel caso in cui x appartenesse all'intorno destro di c è possibile applicare Cauchy o il teorema del valore medio sull'intervallo da c ad x. Per il secondo teorema in tale intervallo g (x) non deve essere presente lo zero. Il teorema di Cauchy invece permette di affermare che esiste un punto t in (c; x) tale che f (x)/g (x) = f'(t)/g'(t). Nel caso in cui però x tendesse a c, allora anche t tenderebbe a c e quindi il limite per x che tenderebbe a c di f (x)/g (x) = limite di f'(t)/g'(t) = limite di f'(x)/g'(x), come volevasi dimostrare. In questa sede si preferisce omettere la dimostrazione del caso della forma infinito su infinito, in quanto risulta essere parecchio complessa da trattare in pochi passi; si consiglia comunque di studiare e approfondire l'argomento da un libro di matematica.

Continua la lettura
45

La dimostrazione del teorema

Come avrete capito, l'enunciato del teorema è piuttosto chiaro e fornisce un valido strumento di calcolo per tutti i limiti complessi, ovviamente solo se si sa come usarlo nel modo migliore: infatti nel caso in cui ricorrendo ai limiti notevoli, ai trucchi algebrici e a tutti gli altri metodi possibili non si semplificasse il calcolo, allora basterà semplicemente calcolare le due derivate e valutare il limite del loro rapporto, dopo aver opportunamente verificato che le ipotesi del teorema siano rispettate. La dimostrazione, nel caso della forma zero su zero, consiste nel partire da due funzioni f e g, che per x che tende ad un valore c, vanno a zero. Dato che esiste il limite per x che tende a c del rapporto f'/g', esisterà anche un intervallo di centro c tale che per ogni x in tale intervallo f'(x) e g'(x) esistono e g' non è nulla.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Approfondire tramite un libro di matematica

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come risolvere i limiti con de l'Hopital

La regola di de l'Hopital, matematico francese del XVII secolo, se applicato nel modo giusto, ci permetterà di calcolare il limite del quoziente di funzioni reali. In questo modo potremo risolvere i limiti con relativa facilità, saltando i passaggi...
Superiori

Teorema Del Seno e Coseno: dimostrazione

I teoremi del seno e del coseno (o di Carnot) sono due teoremi generalmente utilizzati per la determinazione di tutti gli elementi relativi a triangoli generici. Il teorema dei seni sviluppa un rapporto di proporzionalità tra i seni degli angoli di un...
Superiori

Teorema fondamentale dell'algebra: dimostrazione

Il teorema fondamentale dell'algebra ha una storia cronologica suddivisa in quattro fasi distinte. Nella prima fase esso venne enunciato, ma rimanendo privo di dimostrazione. Nella seconda e nella terza fase troviamo i primi tentativi di dimostrazione,...
Superiori

Teorema di Abel-Ruffini: dimostrazione

Il teorema di Abel-Ruffini, da non confondere con la "Regola di Ruffini" viene ritenuto utile per la scomposizione dei polinomi. Inoltre viene considerato il contributo più importante dato dal Ruffini alla matematica. Il teorema di Abel-Ruffini vine...
Superiori

Teorema di Ruffini: dimostrazione

All'interno della guida che andremo a sviluppare ci occuperemo di matematica, in quanto, come abbiamo indicato nel titolo che contraddistingue questa guida, ci concentreremo su un teorema specifico: il teorema di Ruffini. Il nostro obiettivo sarà quello...
Superiori

Teorema della corda: dimostrazione

Il teorema della corda è uno tra i teoremi più importanti della trigonometria; solitamente viene spiegato molto dettagliatamente, in quanto è molto utile per diverse applicazioni. È importante ricordare che il teorema della corda è alla base della...
Superiori

Teorema di Altman: dimostrazione

In questa guida andremo a spiegare in breve, ma comunque in modo preciso, la dimostrazione del Teorema di Altman. Il Teorema di Altman è un teorema di punto fisso. In analisi matematica, analisi funzionale e analisi topologica, il punto fisso per una...
Superiori

Teorema di Fermat: dimostrazione

Il "Teorema di Fermat" appartiene alla categoria dei teoremi fondamentali del calcolo differenziale. Tale teorema non va confuso con "l'ultimo teorema di Fermat", il "piccolo teorema" o il "teorema sulle somme di due quadrati". Esso fa parte dell'analisi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.