Teorema di completezza di Gödel: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il teorema di completezza di Gödel è un teorema fondamentale nella logica matematica che stabilisce una corrispondenza tra verità semantica e dimostrabilità sintattica nella logica del primo ordine. Definisce inoltre uno stretto legame tra la teoria dei modelli che si occupano di ciò che è vero, chiamata teoria della dimostrabilità.

La sua dimostrazione è dovuta href="https://it. Wikipedia. Org/wiki/Kurt_G%C3%B6del">Kurt Gödel nel 1929. Fu poi semplificato nel 1947 da Leon Henkin, che affermò che la parte più difficile della dimostrabilità può essere inglobata. Inglobata come teorema di esistenza del modello (pubblicato nel 1949). Ulteriori modifiche vennero poi apportate da Gisbert Hasenjaeger nel 1953.

27

Occorrente

  • Internet
37

I sistemi di deduzione

Ci sono numerosi sistemi deduttivi per la logica del primo ordine, compresi i sistemi di deduzione naturale e i sistemi di tipo Hilbert. È comune, a tutti tali sistemi, la nozione di una deduzione formale. Questa è una sequenza (o, in alcuni casi, un albero finito) di formule con una conclusione appositamente definita. La definizione di una deduzione è tale che è possibile verificarla algoritmicamente (da un computer, per esempio, o a mano).
Una formula del primo ordine viene definita logicamente valida se è vera per tutta la struttura della formula. Per affermare e dimostrare il teorema di completezza, è necessario definire anche un sistema deduttivo.

47

La formulazione di Godel

Il teorema di completezza dice che se una formula è logicamente valida allora c'è una deduzione finita (una prova formale) della formula.
Gödel afferma che un sistema deduttivo di primo ordine è "completo", nel senso che nessuna regola d'inferenza aggiuntiva è necessaria per dimostrare la validità della formulazione logica. Abbiamo detto che l'opposto della completezza è la solidità, ovvero che solo le formule logicamente valide sono dimostrabili nel sistema deduttivo. Insieme alla solidità (la cui verifica è piuttosto facile), questo teorema implica che una formula è logicamente valida se e solo se essa rappresenta la conclusione di una deduzione formale.

Continua la lettura
57

Teorema di esistenza del modello

La versione più semplice di questo teorema, sufficiente in pratica per la maggior parte delle applicazioni e che ha collegamenti con il teorema Löwenheim-Skolem. Afferma che ogni teoria del primo ordine numerabile è un modello che viene definito risolto.
Mentre una versione più generale dell'assioma può essere espressa come ogni teoria del primo ordine con un linguaggio ordinato è un modello. Possiamo trovare argomenti sulla dimostrazione di Godel nei vari siti dedicati.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consultate i vari siti dedicati a Godel per approfondire l'argomento
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Teorema di Bolzano-Weierstrass: dimostrazione

Quando si studia alcuni argomenti molto complessi che riguardano le materie scientifiche come la matematica, la fisica, ecc., potrebbe capitare di non riuscire a comprendere tutto, in questi casi trovare ulteriori informazioni potrebbe sicuramente facilitarci...
Università e Master

Teorema di Hartogs (teoria degli insiemi): dimostrazione

La matematica è una materia tanto affascinante quanto complessa. Una volta capita e compresi i suoi meccanismi studiarla risulterà molto più semplice, e in alcuni casi anche divertente. In questa guida parlerò di teoria degli insiemi, in particolare...
Superiori

Teorema fondamentale dell'aritmetica: dimostrazione

La matematica, e quindi anche l'aritmetica che di essa fa parte, è considerata da molte persone una materia difficile. Altre invece ritengono questa disciplina meravigliosa riuscendo quasi a creare un legame con i numeri. "Ogni numero naturale maggiore...
Università e Master

Teorema di Löwenheim-Skolem: dimostrazione

In questo articolo vorrei illustrarvi la dimostrazione del Teorema di Löwenheim-Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem si chiama così perché prende il suo nome dai suoi matematici ideatori Leopold Löwenheim e Thoralf Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem...
Università e Master

Teorema del punto fisso di Brouwer: dimostrazione

Luitzen Brouwer, nato nel 1881, fu un matematico olandese da sempre appassionato dell'algebra e della geometria, tanto da conseguire la cattedra di professore all'università di Amsterdam. Questa grande passione per la matematica e la logica, lo portarono...
Università e Master

Teorema di Kleene: dimostrazione

Il Teorema di Kleene, prende il nome dal suo inventore e logico matematico Stephen Cole Kleene. Il teorema, è basato su una formula che mette a confronto le classi dei linguaggi di terzo tipo, degli stati finiti e dei linguaggi regolari,...
Università e Master

Teorema di Desargues: dimostrazione

Come avrete già potuto comprendere leggendovi il titolo che accompagna la nostra guida, ora ci concentreremo su un tema davvero importante. La materia che tratteremo sarà la geometria analitica, in quanto proveremo, nei prossimi tre passi, a spiegare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.