Teorema di Caccioppoli: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il Teorema di Caccioppoli è uno dei teoremi più importanti nell'ambito dei cosiddetti studi metrici. È noto anche come Teorema delle contrazioni o Teorema del punto fisso, anche se è ancora più giusto chiamarlo Teorema di Barnach-Caccioppoli, dai nomi dei due studiosi (Caccioppoli in foto) che lo formularono per la prima volta, tra il 1922 e il 1931. Vediamo, proseguendo nella lettura, di definirlo meglio e di vederne la dimostrazione.

26

Prima di enunciare il Teorema di Caccioppoli bisogna avere ben chiara la definizione di un altro concetto contenuto all'interno del teorema stesso, ovvero quello di "spazio metrico completo". Si definisce come tale (e si indica generalmente con una lettera dell'alfabeto maiuscola) se ciasuna successione di Cauchy in esso converge ad un suo punto.
Il Teorema di Caccioppoli, invece, afferma sostanzialmente che all'interno di uno spazio metrico completo, per ogni contrazione ci sarà sempre uno e un solo punto fisso per il quale si avrà "f (x)=x".
Vediamone la dimostrazione.

36

Iniziamo considerando la scrittura "δ≤ Min {a, 1/L, b/M}", all'interno della quale il valore L rappresenta la cosiddetta costante di Lipschitz, il valore M rappresenta, invece, quel valore massimale che la funzione del tipo |f (x, y)| può arrivare ad assumere all'interno dell'insieme IxI. Se ci soffermiamo a guardare quella che è la definizione di questo insieme, ci accorgiamo quasi subito che si tratta di una tipologia di insieme che possiamo definire sia chiuso che compatto, perché limitato in IRxIR^n.
Mettendo in gioco un altro teorema, ovvero quello di Weierstrass, potremo constatare come la funzione definibile in |f (x, y)| ammette, in realtà, un massimo, che potremo andare a chiamare M in IxJ.

Continua la lettura
46

Adesso che abbiamo terminato di definire questo valore, andiamo a prendere in considerazione il seguente intervallo "Iδ == [x0-δ, x0+δ]", e andiamo, quindi, a considerare quello che è lo spazio che intercorre nelle due funzioni continue del tipo (X, || *|| ∞). Possiamo subito trarre un'affermazione, ovvero che si tratta di uno spazio sul quale vi è la specifica definizione della metrica. Possiamo, quindi, scrivere l'espressione come "|| f ||∞ == Sup{|f (x)|: x ∈ D}" dove la componente nota come D rappresenta il dominio della funzione specificata.
Per proseguire con la nostra dimostrazione, andiamo a considerare il sottoinsieme così identificato, "B== {g∈ X : ||g-y0||≤b}". Esso si compone con tutte quelle funzioni che si dimostrano continue e che, allo stesso tempo, sono vicine alla funzione costante "y0".

56

A questo punto possiamo scrivere "F: B---->B tale che F (y)== y∼ y0+∫f (t, y (t)) dt" dove possiamo affermare con assoluta certezza che il valore "y∼" è ben definito pechè y è continua. Osservando semplicemente il fatto che, ovviamente, "y∼ == y0+∫f (t, y (t)) dt" allora è implicito scrivere anche "y∼ - y0 == ∫f (t, y (t)) dt".
Di conseguenza, riferendoci ai moduli, avremo la seguente espressione "|y∼ - y0| == | ∫f (t, y (t)) dt |≤ | ∫ | f (t, y (t))| dt |" e, al contempo, potremo dimostrare che per ogni "x" che appartiene a "Iδ" questa disuguaglianza (perché di tale operazione si tratta) esiste, proprio grazie alla proprietà dei moduli che trova applicazione sugli integrali. Avremo "| ∫f (x) dx |≤ | ∫ |f (x)| dx |" per ogni f (x) integrabile.
In base al teorema che abbiamo citato all'inizio di questa dimostrazione, si aveva che "| f (t, y (t))|≤M" e, quindi, "|y∼ - y0| == | ∫f (t, y (t)) dt |≤ | ∫ | f (t, y (t))| dt |≤| ∫Mdt |== M| t |"da valutare tra x0 e x.

66

Ma dal momento che "x" risulta essere appartenente a "Iδ", e avremo quindi "|x-x0| ≤δ".
Inoltre otterremo anche "Mδ≤M*b/M == b", visto e considerato il fatto che "δ≤Min{a,1/L, b/M}". In pratica, in questa maniera, si è giunti a dimostrare che la distanza effettiva che intercorre tra "y∼" e "y0" si rivela essere minore o uguale a "b" e di conseguentemente si avrà che "y∼" appartiene allo stesso "B". Ecco, quindi, dimostrato il teorema di Caccioppoli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Teorema di Löwenheim-Skolem: dimostrazione

In questo articolo vorrei illustrarvi la dimostrazione del Teorema di Löwenheim-Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem si chiama così perché prende il suo nome dai suoi matematici ideatori Leopold Löwenheim e Thoralf Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem...
Università e Master

Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello...
Università e Master

Teorema della curva di Jordan: dimostrazione

Teorema ricorrente negli studi di materie universitarie come la geometria, l'analisi e la topologia di spazi euclidei è il Teorema della Curva di Jordan. Sono infatti moltissimi gli enunciati che, a partire da questo teorema, ci restituiscono soluzioni...
Università e Master

Teorema di Krasnoselskii: dimostrazione

Il Teorema di Krasnoselskii è uno dei teoremi di punto fisso che sono uno dei principali strumenti dell'analisi matematica non lineare. Questi teoremi hanno una miriade di applicazioni pratiche. I suoi risultati riguardano un operatore singolo; ma le...
Università e Master

Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione

Questa guida dal titolo "Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione" si prefigge di dimostrare cos'è. Il Teorema di Eulero può essere considerato in alcuni casi la conseguenza del teorema di Lagrange, che spiegherò in modo dettagliato nei...
Università e Master

Teorema di Eulero: dimostrazione

Il Teorema di Eulero (chiamato anche Teorema di Fermat-Eulero) dimostra che se è un intero positivo e un coprimo (interi che non hanno nessun divisore a eccezione di 1 e -1, se il loro massimo comune divisore è 1) rispetto a. In questo modo φ() ≡...
Università e Master

Teorema di Desargues: dimostrazione

Come avrete già potuto comprendere leggendovi il titolo che accompagna la nostra guida, ora ci concentreremo su un tema davvero importante. La materia che tratteremo sarà la geometria analitica, in quanto proveremo, nei prossimi tre passi, a spiegare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.