Teorema di Buckingham: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il Teorema di Buckingham, detto anche teorema pi greco, è uno dei capitoli centrali della fisica. Il problema centrale della questione è trovare una relazione che leghi una grandezza fisica di una determinata equazione di un processo fisico alle altre grandezze coinvolte nella trasformazione. Nel caso di un numero di variabili e di grandezze elevato, è utile ricorrere al Teorema di Buckingham. In questo articolo ne analizzeremo la dimostrazione fisica ed analitica.

25

Partiamo dalla definizione: il Teorema di Buckingham dice che, data una trasformazione fisica descritta da un'equazione di n variabili, se esistono k grandezze associate a tali variabili, allora il sistema si può rappresentare con una funzione di n-k gruppi adimensionali. Un gruppo adimensionale corrisponde ad un valore privo di una qualsiasi unità di misura. Generalmente per ottenere un numero adimensionale si deve fare il prodotto o il rapporto di valori con dimensioni di riferimento, così che il risultato risulti un semplice numero. Nonostante non abbia dimensione, un numero adimensionale può assumere un significato fisico fondamentale. Proprio per questo è importante scegliere le grandezze in gioco in modo ben preciso, anche se futili ai fini dei calcoli. Senza di essere il numero adimensionale assumerebbe solamente un aspetto formale.

35

Ritornando al Teorema di Buckingham, facciamo un semplice esempio. Se un sistema dipende da cinque grandezze che, a loro volta, sono costituite da combinazioni lineari delle tre grandezze fondamentali (massa, temperatura e lunghezza), allora è possibile rappresentare il sistema in esame con una funzione F di due gruppi adimensionali. Inoltre, il primo numero dimensionale equivale alla derivata della funzione rispetto al secondo gruppo. Ciò permette di descrivere il fenomeno con un singolo grafico, in cui abbiamo il numero di Reynolds sulle ascisse e il coefficiente di resistenza aerodinamica nelle ordinate. Il primo riguarda la fluidodinamica ed equivale al rapporto tra forze d'inerzia e viscose, mentre il secondo studia la resistenza di un corpo in movimento immerso in un fluido.

Continua la lettura
45

Per dimostrare il Teorema di Buckingham bisogna pensare ad una grandezza Q definita come funzione delle altre. A questo punto si trovi un polinomio dello stesso grado di Q e si faccia il rapporto. Ciò che si ottiene è proprio un numero adimensionale, che chiameremo Pi Greco. Alla fine si otterrà una funzione che dipenderà non solo dal numero di grandezze indipendenti ma anche dalle M+1 grandezze considerate, per il principio di induzione. L'applicazione del Teorema di Buckingham ottiene molti riscontri nell'idrodinamica, termodinamica ed anche nella fisica generale.

55

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema della funzione inversa: dimostrazione

In matematica, ed in particolare nel calcolo differenziale, il terorema dela funzione inversa fornisce le condizioni sufficienti per una funzione per essere invertibile in un intorno di un punto del dominio. Il teorema definisce inoltre una formula per...
Superiori

Teorema di Abel-Ruffini: dimostrazione

Il teorema di Abel-Ruffini, da non confondere con la "Regola di Ruffini" viene ritenuto utile per la scomposizione dei polinomi. Inoltre viene considerato il contributo più importante dato dal Ruffini alla matematica. Il teorema di Abel-Ruffini vine...
Università e Master

Teorema di Kronecker-Castelnuovo: dimostrazione

La dimostrazione del teorema di Kronecker-Castelnuovo risulta essere prettamente teorica (non numerica) e trova vasto impiego nel trattare con i punti singolari presenti su di una generica superficie. Inizialmente, questo argomento potrebbe sembrarvi...
Università e Master

Teorema di Lebesgue: dimostrazione

Il Teorema di Lebesgue, conosciuto anche come teorema di Vitali-Lebesgue, nel campo dell'analisi matematica è una proposizione che determina l'equivalenza tra una funzione e la derivata del suo integrale, ovvero un operatore che associa alla funzione...
Università e Master

Teorema di Bayes: dimostrazione

Il Teorema di Bayes venne formulato nel 1700 (ma pubblicato nel 1763) e prende il nome del proprio inventore, ovvero il matematico inglese Thomas Bayes. Esso rappresenta oggi uno dei teoremi fondamentale della statistica e l'argomento a cui si riferisce...
Università e Master

Teorema di Schwartz: dimostrazione

Il teorema di Schwartz è un importante teorema dell'analisi matematica particolarmente utilizzato nello studio delle variazioni di funzioni a più variabili. È ad esempio usato in meccanica strutturale per dimostrare il significato fisico di materiale...
Università e Master

Teorema della divergenza: dimostrazione

Nel calcolo vettoriale un importante enunciato è il famoso teorema della divergenza. Conosciuto dagli studiosi delle varie Analisi Matematiche anche come il teorema di Ostrogradskij, è stato erroneamente accostato a Gauss poiché pensato dal grande...
Università e Master

Teorema ergodico: dimostrazione

Non è facile dare una semplice definizione di teoria ergodica perché utilizza le tecniche e gli esempi da molti campi quali la teoria delle probabilità, statistica meccanica, teoria dei numeri, campi vettoriali su varietà, le azioni del gruppo di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.