Teorema di Bloch (analisi complessa): dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

La matematica è da sempre la materia più ostica e complessa, sia per i bambini delle scuole elementari, sia degli studenti delle superiori e delle facoltà universitarie. Questa difficoltà è dovuto al fatto che i concetti matematici sono strettamente collegati tra essi, per cui è necessario comprenderli appieno per poter andare avanti negli studi senza difficoltà. Nella seguente guida parleremo del teorema di Bloch, che è molto utile per dimostrare le funzioni d'onda. Ecco allora la dimostrazione del Teorema di Bloch, in particolare dell'analisi complessa.

25

I corrispondenti autovalori dell'energia

I corrispondenti autovalori dell'energia sono ε n (k) = ε n (K + K). Un periodico con periodicità K di un reticolo con reciproco vettore. Le energie associate con l'indice “n” variano continuamente con il vettore d'onda k e formano una banda di energia identificata dalla banda di indice “n”. Gli autovalori di dati “n” sono periodici in k e tutti i valori distinti di ε n (k) si verificano grazie ai valori K all'interno della prima zona di Brillouin del reticolo in questione.

35

La simmetria traslazionale

La proprietà che definisce un cristallo è la simmetria traslazionale. Il che significa che se il cristallo viene spostato di una quantità appropriata, si finisce posizionando tutti i suoi atomi. Un cristallo tridimensionale ha tre vettori reticolari primitivi. Se il cristallo è spostato in uno qualsiasi di questi tre vettori, formerà la seguente combinazione dove "n" sono tre numeri interi, quindi gli atomi finiscono nella stessa serie di luoghi presenti al principio.

Continua la lettura
45

I vettori di reticolo reciproco

Un altro ingrediente utile per questa prova sono i vettori di reticolo reciproco. Si tratta di tre vettori.
Ogni onda Bloch è realizza un autostato della hamiltoniana e anche un autostato di tutti gli operatori di traduzione. Questo dimostra che le onde di Bloch vengono così formulate: dove è una funzione periodica. Sia ψ (r) sia un'onda Bloch sono per costruzione, un autostato di tutti gli operatori traduzione.

55

L'onda di Bloch

L'onda di Bloch presenta sempre dei passaggi a ripetizione nella quale non è difficile affrontarne lo studio. Anche se vi può essere un salto che inizialmente non viene compreso è chiaro che riprendendo la sequenza logica della struttura numerica si può ricapitolare quale sia il teorema. Ciò che viene appreso è strettamente legato alle sue conseguenze pregresse nella quale bisogna attestare il senso logico del discorso numerico per comprendere quale sia il passaggio e vedrete che sarà difficile riscontrare errori.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di de Branges: dimostrazione

L'analisi matematica è una materia piuttosto contorna. Prende in considerazione delle regole della matematica classica e le applica a concetti più astratti per ottenere elementi ancor più complessi. Per chi studia ingegneria avrà sicuramente molta...
Università e Master

Teorema di Green: dimostrazione

Il Teorema di Green fa parte di quel corollario di tematiche inerenti all'analisi matematica. Quando si studia questo teorema, è opportuno conoscere in maniera piuttosto approfondita l'ambiente degli integrali e le varie metodologie relative al calcolo...
Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello...
Università e Master

Teorema della curva di Jordan: dimostrazione

Teorema ricorrente negli studi di materie universitarie come la geometria, l'analisi e la topologia di spazi euclidei è il Teorema della Curva di Jordan. Sono infatti moltissimi gli enunciati che, a partire da questo teorema, ci restituiscono soluzioni...
Università e Master

Teorema di Krasnoselskii: dimostrazione

Il Teorema di Krasnoselskii è uno dei teoremi di punto fisso che sono uno dei principali strumenti dell'analisi matematica non lineare. Questi teoremi hanno una miriade di applicazioni pratiche. I suoi risultati riguardano un operatore singolo; ma le...
Università e Master

Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione

Questa guida dal titolo "Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione" si prefigge di dimostrare cos'è. Il Teorema di Eulero può essere considerato in alcuni casi la conseguenza del teorema di Lagrange, che spiegherò in modo dettagliato nei...
Università e Master

Teorema di Lagrange: dimostrazione

Quante volte abbiamo provato la dimostrazione di un teorema ognuno con il proprio modo di dare risultati diversi. Il Teorema di Lagrange nella sua dimostrazione non è così intuitivo per chi non dimostra conoscenze matematiche e geometriche. C'è chi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.