Teorema di Altman: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questa guida andremo a spiegare in breve, ma comunque in modo preciso, la dimostrazione del Teorema di Altman. Il Teorema di Altman è un teorema di punto fisso. In analisi matematica, analisi funzionale e analisi topologica, il punto fisso per una funzione definita in un insieme quindi, è identificato come un elemento coincidente con la sua immagine, ciò significa che esso è un punto che la funzione mappa in sé stessa. Andiamo quindi a vedere, passo dopo passo, la dimostrazione di questo teorema.

26

Occorrente

  • Libro di matematica
36

Applicare il teorema

Cominciamo subito col dire che in analisi matematica si parla del metodo di J. M. Bland e D. G. Altman, altrimenti detto metodo Bland-Altman, e ha come scopo quello di verificare se due tecniche di misura sono comparabili. In sostanza, il metodo Bland-Altman è volto a studiare e mettere a confronto due misure della stessa natura; esso viene rappresentato come un diagramma di dispersione nel quale sulle ordinate viene riportata la differenza delle due misure e sulle ascisse è situata la misura di riferimento, ottenuta tramite il calcolo della media aritmetica delle due misure.

46

Verificare le metodiche

La media delle differenze, che viene rappresentata tramite le linee orizzontali, permette di verificare se le due metodiche riflettano effettivamente il valore veritiero dell'indice o se esso sia sovrastimato o sottostimato rispetto all'altra, mentre le altre due righe costituiscono l’intervallo di confidenza. Costruito il grafico in base ai calcoli effettuati, si localizzano i punti: se i punti del grafico sono situati negli intervalli tra le due linee, si considera che le due metodiche prese in esame forniscano risultati corretti e assimilabili; mentre i punti localizzati al di fuori delle due linee stesse, rappresentano quei casi in cui i due metodi non sono congruenti e sovrapponibili tra loro.

Continua la lettura
56

Valutare le differenze

Prendendo in considerazione in questo ambito anche la curva di Gauss, si può verificare che, se la distribuzione delle differenze risulta gaussiana, quasi la totalità dei dati ricade dell'area indicata. Tuttavia nel metodo di Bland-Altman l'interesse non è riscontrabile totalmente nei calcoli statistici, ma consiste essenzialmente nel confronto tra i due limiti. In conclusione, è da tenere in conto che questo metodo risulta appropriato solo e soltanto nel momento in cui le differenze restano costanti, ma in diversi casi esse non lo sono, quindi l'alternativa è quella di prendere in considerazione degli altri teoremi del punto fisso.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercitatevi ad applicare il teorema
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Dirichlet: dimostrazione

Johann Peter Gustav Lejeune Dirichlet fu un matematico tedesco. Nacque a Duren, dove il padre lavorava come direttore all'Ufficio Postale. Il giovane Dirichlet studiò in Germania e in Francia, dove ebbe modo di conoscere molti dei più celebri matematici...
Università e Master

Teorema di Buckingham: dimostrazione

Il Teorema di Buckingham, detto anche teorema pi greco, è uno dei capitoli centrali della fisica. Il problema centrale della questione è trovare una relazione che leghi una grandezza fisica di una determinata equazione di un processo fisico alle altre...
Università e Master

Teorema di Lebesgue: dimostrazione

Il Teorema di Lebesgue, conosciuto anche come teorema di Vitali-Lebesgue, nel campo dell'analisi matematica è una proposizione che determina l'equivalenza tra una funzione e la derivata del suo integrale, ovvero un operatore che associa alla funzione...
Università e Master

Teorema di Laplace: dimostrazione

Lo studio è stato parte integrante durante la nostra adolescenza, materie che si intrecciavano tra loro facendoci a volte palpitare, ma nello stesso tempo incuriosire e affascinare, in questa guida cerchiamo di capire Teorema di Laplace: dimostrazione,...
Università e Master

Teorema di Stokes: dimostrazione

Nella geometria differenziale, ossia lo studio di oggetti geometrici come curve e superfici, il Teorema di Stokes è un enunciato riguardante l'integrazione delle forme differenziali. In particolare è volto a generalizzare i teoremi di calcolo vettoriale...
Università e Master

Teorema di Modigliani-Miller: dimostrazione

Il Teorema di Modigliani-Miller è ormai considerato, nell'ambito della finanza aziendale, uno dei cardini fondamentali. Non tanto per la sua applicabilità al mondo reale (vi sono infatti forti vincoli imposti dalle ipotesi di base che vedremo successivamente)...
Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Teorema di Kleene: dimostrazione

Il Teorema di Kleene, prende il nome dal suo inventore e logico matematico Stephen Cole Kleene. Il teorema, è basato su una formula che mette a confronto le classi dei linguaggi di terzo tipo, degli stati finiti e dei linguaggi regolari,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.