Teorema della funzione aperta (analisi funzionale): dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tra tutti i teoremi presenti in analisi funzionale, uno tra i più importanti è senza ombra di dubbio quello della funzione aperta, detto anche teorema dell'applicazione aperta o teorema di Banach - Schauder. Questo teorema è di fondamentale importanza perché, grazie a esso, si possono sviluppare funzioni via via più complesse. In questo articolo vediamo la dimostrazione della funzione aperta in analisi funzionale. Specifichiamo quest'ultimo punto in quanto il teorema della funzione aperta non si trova solamente in analisi funzionale, ma anche in quella complessa.

26

Occorrente

  • ripetere continuamente la formula per poter capire bene il teorema
36

Descrizione

Prima di far vedere il suo enunciato e la sua dimostrazione, puntiamo la nostra attenzione su alcuni aspetti fondamentali, senza i quali i passi successivi risulterebbero poco chiari. Innanzitutto per applicazione aperta intendiamo un'applicazione da uno spazio topologico a un altro che trasforma ogni aperto del dominio in un aperto del condominio. Il teorema afferma che un operatore lineare continuo tra spazi di Banach è una funzione aperta.

46

Funzione

Dobbiamo, prima di tutto, stabilire che per ogni x ∈ X e per ogni N ⊆ X, intorno di x, T (N) è un intorno di Tx. Per linearità è evidente che T (x+A) = Tx + T (A) (x ∈ X, A ⊆ X). Bisogna solamente provare l’affermazione per x = 0. Dal momento in cui un intorno dello zero contiene, obbligatoriamente, una palle Br = B (0, r), basta solamente provare che per ogni r´ > = esiste un r1 > 0 tale che Byr´1 ⊆ T (Brx). Notiamo che Br = rB1 e, di conseguenza, T (Brx) = Rt (B¹x) per ogni r>0. Per la suriettività di T si ha che: Y = U∞ n=1 T (Bn) = U∞n=1 T (Bn). Secondo il teorema di Baire esiste n tale che: T (bn) ha un interno non vuoto quindi, essendo T (Bn) = nT (B¹), di conseguenza T (B1) non ha un interno vuoto.

Continua la lettura
56

Enunciato

Vediamo adesso il suo enunciato: sia T: X --> Y un operatore lineare continuo suriettivo tra spazi di Banach X e Y. Ne consegue che T è una funzione aperta o, per meglio dire, se U è un insieme aperto in X, allora T (U) è aperto in Y. Sottolineano prima di capire alcuni concetti importanti. All'interno dell'analisi funzionale un operatore lineare continuo è una trasformazione lineare continua rispetto alla tipologia presente all'interno dello spazio vettoriale topologico. Ancora, sia W un aperto di Y tale che: W ⊆ T (B¹). Visto che T (B¹) contiene, naturalmente, lo zero, occorre solamente provare che esiste e> 0 tale che Bey ⊆ W. Consideriamo adesso x0 ∈ B¹ e y0 ∈ W. Esiste un intorno V di zero in Y tale che: V ⊆ -y0 + T (B¹). Risulta chiaramente che x ∈ B e, per la continuità di T, abbiamo Tx =y.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • non confondersi con il teorema delle funzioni complesse

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Krasnoselskii: dimostrazione

Il Teorema di Krasnoselskii è uno dei teoremi di punto fisso che sono uno dei principali strumenti dell'analisi matematica non lineare. Questi teoremi hanno una miriade di applicazioni pratiche. I suoi risultati riguardano un operatore singolo; ma le...
Università e Master

Teorema della funzione inversa: dimostrazione

In matematica, ed in particolare nel calcolo differenziale, il terorema dela funzione inversa fornisce le condizioni sufficienti per una funzione per essere invertibile in un intorno di un punto del dominio. Il teorema definisce inoltre una formula per...
Università e Master

Teorema di Binet: dimostrazione

Come ben saprete, ogni materia rappresenta sempre una componente di ricerca e approfondimento da parte degli studiosi. La costante ricerca occorre per giungere con totale soddisfazione a svolgere l'attività lavorativa con dedizione e professionalità....
Università e Master

Teorema di limitatezza: dimostrazione

La matematica è una delle materie scientifiche più complesse da studiare e se siamo degli appassionati di questa particolare disciplina per riuscire a comprendere in maniera più semplice i vari argomenti trattati, potremmo provare a consultare le moltissime...
Università e Master

Teorema di Hamilton-Cayley: dimostrazione

Il Teorema di Hamilton-Cayley si esprime nella seguente modalità: se "T: V --> V" rappresenta un endomorfismo di uno spazio vettoriale su "R", il polinomio caratteristico "p (T)" è nullo. Ciò significa che, qualora si consideri una matrice quadrata...
Università e Master

Teorema della dimensione per spazi vettoriali: dimostrazione

Il teorema della dimensione per spazi vettoriali è un teorema fondamentale della geometria e dell'algebra lineare, utile a trovare la reale dimensione di uno spazio basandosi sulla conoscenza di un'applicazione lineare che, da uno spazio iniziale, raggiunge...
Università e Master

Teorema di diagonalizzabilità: dimostrazione

Il teorema di diagonalizzabilità è un pilastro dell'algebra lineare che ci aiuta a dare spiegazioni di tipo pratico in altri campi dello studio moderno come la meccanica strutturale o semplicemente a chiarirci come un comportamento fisico, descritto...
Università e Master

Teorema di Stokes: dimostrazione

Nella geometria differenziale, ossia lo studio di oggetti geometrici come curve e superfici, il Teorema di Stokes è un enunciato riguardante l'integrazione delle forme differenziali. In particolare è volto a generalizzare i teoremi di calcolo vettoriale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.