Teorema della farfalla: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Secondo Coxeter e Greitzer, una delle soluzioni per il teorema della farfalla è stato presentato nel 1815 da WG Horner. Più di recente, una dimostrazione risalente al 1805 di William Wallace è stata scoperta negli archivi della famiglia di Wallace.
Tale teorema, appartenente alla geometria euclidea, asserisce che: Sia M il punto medio di una corda PQ di un cerchio e siano AB e CD altre due corde passanti per M che intersechino PQ rispettivamente in X e in Y. Allora M sarà il punto medio di XY. Vediamone alcune dimostrazioni.

24

Teorema Wallace

Teorema O [Wallace]
Attraverso L traccio PQ parallela alla GE, che incontra KF in P e KH in Q.

A causa delle parallele, l'angolo HQP è uguale ad HGE, ma HGE è uguale HFE, o HFP, perché sono nello stesso segmento, pertanto gli angoli HQP, HFP sono uguali, e quindi i punti H, Q, F, P sono nella circonferenza di un cerchio, pertanto PL × LQ = FL × LH.

i triangoli KEG, KPQ sono simili e loro lati EG, PQ sono sezionati dai segmenti KM, KL, come da EM a PL, e come da MG a LQ, pertanto
KM ²: EM × MG :: KL ²: PL × LQ, o FL × LH;
e dalla composizione, & c. KM ²: KM ² + CM × MD :: KL ²: KL ² + CL × LD.

Ma KM ² + CM × MD = CK ² e KL ² + CL × LD = KD ².

Pertanto KM ²: CK ² :: KL ²: KD ², e KM: CK :: KL: KD.

Ma CD è perpendicolare al diametro, KC è uguale a KD, pertanto KM deve anche essere uguale a KL come era di fatto da dimostrare.

34

Dimostrazione Coxeter e Greitzer

Dimostrazione 1 [Coxeter e Greitzer]
Tracciamo le perpendicolari x1 e x2 da X e y1 e y2 da Y su AB e CD. Aggiugiamo anche A = MP = MQ e x = y = XM e YM. Si osservano dunque diverse coppie di triangoli simili, il che implica le seguenti proporzioni:

MX1 e My1 x / y = X1/Y1
Mx2 e MY2 x / y = X2/Y2
Ax1 e Cy2 X1/Y2 = AX / CY
DX2 e BY1 x2/y1 = XD / YB

da cui

x ² / y ² = X1/Y2 · x2/y1 = X1/Y1 · X2/Y2 = AX · XD / CY · YB = PX · XQ / PY · YQ.

affinché

x ² / y ² = (a - x) (a + x) / (a - y) (a + y) = (a ² - x ²) / (a ² - y ²) = a ² / a ² = 1.

E infine x = y.

Continua la lettura
44

Dimostrazione Shklyarsky

Dimostrazione 2 [Shklyarsky]

Sia O il centro del cerchio dato. Dato OM ⊥ XY, al fine di dimostrare che XM = MY, dobbiamo dimostrare che ∠ XOM = ∠ YOM.
Tracciamo le perpendicolari OK e ON da O rispettivamente su AD e BC. Ovviamente, K è il punto medio di AD ed N è il punto medio di BC. Ulteriormente,

∠ DAB = ∠ DCB e ∠ ADC = ∠ ABC,

come angoli che sottendono archi uguali. I triangoli ADM e CBM sono quindi simili, e AD / AM = BC / CC, o AK / AM = CN / CM. In altre parole, nei triangoli AKM e CNM, due coppie di lati sono proporzionali. Inoltre, gli angoli tra i lati corrispondenti sono uguali. Ne deduciamo che i triangoli AKM e CNM sono simili. Quindi, ∠ AKM = ∠ CNM.

Ora, dando un'occhiata ai quadrilateri OKXM e ONYM, entrambi hanno una coppia di angoli retti opposti, il che implica che entrambi sono inscrivibili in un cerchio. In OKXM, ∠ AKM = ∠ XOM. In ONYOM, ∠ CNM = ∠ YOM. Da cui otteniamo quello che stavamo cercando: ∠ XOM = ∠ YOM.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Teorema di Pitagora: dimostrazione e funzioni

Fin dalle elementare, con il primo approccio alla geometria, ci viene illustrato il Teorema di Pitagora, uno dei più antichi teoremi che tutt'oggi conosciamo. Riproposto in ogni scuola dopo le primarie, sia alle medie che alle superiori, rappresenta...
Università e Master

Teorema di Bolyai-Gerwien: dimostrazione

Il Teorema di Bolyai-Gerwien è un teorema di geometria euclidea dimostrato, indipendentemente l'uno dall'altro, nel 1832 dal matematico ungherese Farkas Bolyai e nel 1833 dall'appassionato di matematica tedesco Paul Gerwin. Il problema che entrambi matematici...
Superiori

Teorema Del Seno e Coseno: dimostrazione

I teoremi del seno e del coseno (o di Carnot) sono due teoremi generalmente utilizzati per la determinazione di tutti gli elementi relativi a triangoli generici. Il teorema dei seni sviluppa un rapporto di proporzionalità tra i seni degli angoli di un...
Superiori

Teorema di Talete: dimostrazione

Il Teorema di Talete è comunemente attribuito al filosofo e matematico greco Talete di Mileto (640 circa a. C. – 547 circa a. C.). Questo teorema è relativo alla proporzionalità che si viene a creare in un fascio di rette parallele (rette equidistanti...
Superiori

Teorema sugli archi congruenti: dimostrazione

Il teorema sugli archi congruenti è un teorema che afferma che "ad archi congruenti corrispondono corde parallele". Per farne una dimostrazione abbiamo bisogno di un' ipotesi, ossia i dati forniti dallo stesso teorema e una tesi, ossia quello che va...
Superiori

Come dimostrare il teorema dei seni

Il teorema dei seni (conosciuto anche come Teorema di Eulero) consente la risoluzione dei triangoli qualunque. Per riuscire a dimostrarlo in maniera efficace bisogna però possedere i "giusti" requisiti ossia le corrette nozioni di base. In questo senso...
Elementari e Medie

Come dimostrare il teorema di Pitagora

Quando si studia a scuola ci si può trovare in difficoltà. Alcune materie infatti possono presentare delle problematiche veramente insormontabili se non viene adottato il giusto metodo di studio. Ad ogni modo in questa guida approfondiremo un argomento...
Università e Master

Teorema di Binet: dimostrazione

Come ben saprete, ogni materia rappresenta sempre una componente di ricerca e approfondimento da parte degli studiosi. La costante ricerca occorre per giungere con totale soddisfazione a svolgere l'attività lavorativa con dedizione e professionalità....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.