Teorema dell'Impossibilità di Arrow: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Molto spesso, quando ci troviamo a studiare alcune materie, ci capita di non riuscire a comprendere alcuni argomenti che posso risultare abbastanza complessi. In questi casi sarebbe necessario ricercare ulteriori informazioni in grado di farci comprendere in maniera più semplice tutti gli argomenti di nostro interesse. Su internet potremo ricercare delle guide che riguardano la materia che stiamo cercando di studiare e che ci forniranno in maniera molto semplificata tutte le informazioni necessarie per riuscire a studiare con molta facilità ogni argomento. Nei passi successivi, in particolare, vedremo la dimostrazione di un importante teorema dell'economia modera: "Il Teorema dell'Impossibilità di Arrow".

25

Occorrente

  • Leggere con attenzione la guida.
35

Informazioni generali

Arrow formulò questa teoria con lo scopo di trovare una procedura di scelta collettiva che portasse ad una decisione finale non arbitraria e nasce in risposta, tra gli altri, al conteggio di Borda, che risulta essere un ottimo sistema di valutazione ma non in grado di soddisfare un requisito fondamentale per la non arbitrarietà. La conclusione di tale teorema, però, è che non è possibile trovare una soluzione totalmente equa e valida universalmente.

45

Enunciato del teorema

Ipotizziamo che V sia l'insieme dei voti ed A e B siano le scelte. Per semplificare, ipotizziamo che non ci siano schede bianche o nulle e che il numero di votanti sia dispari, in modo da non avere situazioni di ex-equo. Ora se VA è l'insieme dei voti per A, è già determinato VB = V - VA. Precisiamo che ogni insieme che permetta la vittoria di una scelta sull'altra è detto "insieme decisivo". Se chiamiamo "alfa" l'insieme degli insiemi decisivi per A e detto X un insieme decisivo per l'opzione A, allora varranno le seguenti proprietà: se X è contenuto in X, allora X è contenuto in alfa; ogni voto sta in X od in un suo complementare; o X od il suo complementare sono decisivi.

Continua la lettura
55

Dimostrazione del teorema

Per la dimostrazione, introduciamo un altro insieme Y ed un altra opzione C, allora noteremo che se l'intersezione tra X e Y non decisiva, allora per la terza proprietà del passo precedente, lo sarà il suo complementare c (XY). Ipotizzando, quindi, che X faccia vincere A su B e B su C, avremo: a) per ogni elettore di XY, avremo l'ordine A > B > C; b) per ogni elettore di Y - X, ossia Y cX, si avrà B > C > A; c) per ogni elettore di X - Y, ossia X cY, otterremo C > A > B; d) per ogni elettore di c (XY), infine, vale a dire cX U cY, si otterrà che C > B > A. La decisività di X comporta che A > B > C, ma dato che anche c (XY) è un insieme decisivo, allora C > A, il che ci porta al Paradosso di Condorcet, secondo cui le preferenze collettive possono essere cicliche, e quindi non transitive. A questo punto potremo studiare in maniera molto semplice il Teorema dell'Impossibilità di Arrow e per farlo dovremo leggere con molta attenzione tutti i passaggi precedenti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Bolzano-Weierstrass: dimostrazione

Quando si studia alcuni argomenti molto complessi che riguardano le materie scientifiche come la matematica, la fisica, ecc., potrebbe capitare di non riuscire a comprendere tutto, in questi casi trovare ulteriori informazioni potrebbe sicuramente facilitarci...
Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Superiori

Teorema di Fermat: dimostrazione

Il "Teorema di Fermat" appartiene alla categoria dei teoremi fondamentali del calcolo differenziale. Tale teorema non va confuso con "l'ultimo teorema di Fermat", il "piccolo teorema" o il "teorema sulle somme di due quadrati". Esso fa parte dell'analisi...
Università e Master

Teorema di Lagrange: dimostrazione

Quante volte abbiamo provato la dimostrazione di un teorema ognuno con il proprio modo di dare risultati diversi. Il Teorema di Lagrange nella sua dimostrazione non è così intuitivo per chi non dimostra conoscenze matematiche e geometriche. C'è chi...
Superiori

Teorema di Ruffini: dimostrazione

All'interno della guida che andremo a sviluppare ci occuperemo di matematica, in quanto, come abbiamo indicato nel titolo che contraddistingue questa guida, ci concentreremo su un teorema specifico: il teorema di Ruffini. Il nostro obiettivo sarà quello...
Università e Master

Teorema di Löwenheim-Skolem: dimostrazione

In questo articolo vorrei illustrarvi la dimostrazione del Teorema di Löwenheim-Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem si chiama così perché prende il suo nome dai suoi matematici ideatori Leopold Löwenheim e Thoralf Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem...
Università e Master

Teorema di Binet: dimostrazione

Come ben saprete, ogni materia rappresenta sempre una componente di ricerca e approfondimento da parte degli studiosi. La costante ricerca occorre per giungere con totale soddisfazione a svolgere l'attività lavorativa con dedizione e professionalità....
Università e Master

Teorema di Krasnoselskii: dimostrazione

Il Teorema di Krasnoselskii è uno dei teoremi di punto fisso che sono uno dei principali strumenti dell'analisi matematica non lineare. Questi teoremi hanno una miriade di applicazioni pratiche. I suoi risultati riguardano un operatore singolo; ma le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.