Teorema del baricentro del triangolo: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La geometria, come la matematica, sono due materia molto difficili da studiare ed in alcuni casi se non si è portati per lo studio di queste discipline, può essere necessario un piccolo aiuto per la comprensione degli argomenti più complessi. Su internet è possibile trovare numerosissime guide che cercano di spiegare nel miglior modo possibile i vari argomenti della geometria, in modo da consentire a tutti una più facile comprensione. In questa guida, in particolare, vedremo il Teorema del Baricentro del Triangolo e la sua dimostrazione. Attraverso pochi e semplici passaggi cercheremo di chiarire i dubbi che possono affliggere gli studenti che si accingono a studiare questa materia. Mettiamoci al lavoro.

27

Definizione del teorema

Andiamo ad analizzare meglio il Teorema del baricentro del triangolo, il cui enunciato è il seguente: "Le mediane di un triangolo si incontrano in uno stesso punto, detto "baricentro". Ciascuna mediana, inoltre, resta divisa in due parti dal baricentro, di cui quella appartenente al vertice è il doppio dell'altra". .

37

Individuare le mediane

Al fine di dimostrare interamente il teorema, è necessario dividere la procedura in due step: prima proveremo che le due mediane che partono daI vertici A e B sono divise in modo che AO=2OK e BO=2OH, poi che anche CP passa per il punto d'intersezione tra AK e BH.

Continua la lettura
47

Definire le mediane del triangolo

Iniziamo ad identificare AK, BH e CP come le tre mediane del triangolo ABC ed il punto G quale intersezione delle prime due mediane, che partono dai vertici A e B. Individuando i due punti in cui le prime due mediane intersecano i rispettivi lati opposti, possiamo tracciare un segmento HK, parallelo alla base del triangolo, AB, e pari alla sua metà, in base ad una conseguenza indiretta del Teorema di Talete.

57

Individuare il secondo segmento

Adesso possiamo individuare un altro segmento, JL, che ha come estremi i punti medi dei segmenti AG e BG, ed anch'esso parallelo ad AB e pari alla sua metà. A questo punto otterremo un parallelogramma HKJL che ha due lati opposti congruenti e paralleli, e, per questo motivo, le cui diagnali, HL e KJ, si dividono reciprocamente a metà. Di conseguenza, AJ=JO=OK e BL=LO=OK, il che dimostra la prima parte del teorema.

67

Seconda parte del teorema

Ripetendo lo stesso ragionamento appena fatto, partendo dalle mediane AK e CP, il loro punto di incontro, assunto per assurdo come diverso da G, che chiameremo G', le dividerà entrambe in due parti, l'una il doppio dell'altra. Ma siccome esiste un solo punto che divide la mediana AK in modo che AO=2OK, allora l'ipotetico punto d'intersezione G' deve coincidere col punto originario G, il che prova la seconda parte del teorema.

77

Reperire gli esercizi

A questo punto, dopo aver letto con attenzione tutte le indicazioni riportate nei passi precedenti di questa guida, sapremo finalmente cos'è il Teorema del Baricentro del Triangolo e come si fa per riuscire a dimostrare correttamente tale teorema. Non ci resta altro da fare che provare a svolgere alcuni esercizi che richiedono l'applicazione di tale teorema, facilmente reperibili online o sui libri scolatici.
Il teorema del baricentro del triangolo non è di difficile dimostrazione, ma va capito prima. Per farlo è necessario impiegare del tempo per praticare degli esercizi e per metabolizzare l'argomento. Con la pratica e magari affidandovi ai consigli di questa guida riuscirete in breve tempo a dimostrare questo teorema in maniera molto più veloce. Vi auguro quindi buon lavoro e buono studio.
Alla prossima.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Lagrange: dimostrazione

Quante volte abbiamo provato la dimostrazione di un teorema ognuno con il proprio modo di dare risultati diversi. Il Teorema di Lagrange nella sua dimostrazione non è così intuitivo per chi non dimostra conoscenze matematiche e geometriche. C'è chi...
Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Teorema di Bolyai-Gerwien: dimostrazione

Il Teorema di Bolyai-Gerwien è un teorema di geometria euclidea dimostrato, indipendentemente l'uno dall'altro, nel 1832 dal matematico ungherese Farkas Bolyai e nel 1833 dall'appassionato di matematica tedesco Paul Gerwin. Il problema che entrambi matematici...
Università e Master

Teorema di Löwenheim-Skolem: dimostrazione

In questo articolo vorrei illustrarvi la dimostrazione del Teorema di Löwenheim-Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem si chiama così perché prende il suo nome dai suoi matematici ideatori Leopold Löwenheim e Thoralf Skolem. Il Teorema di Löwenheim-Skolem...
Università e Master

Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello...
Università e Master

Teorema della curva di Jordan: dimostrazione

Teorema ricorrente negli studi di materie universitarie come la geometria, l'analisi e la topologia di spazi euclidei è il Teorema della Curva di Jordan. Sono infatti moltissimi gli enunciati che, a partire da questo teorema, ci restituiscono soluzioni...
Università e Master

Teorema di Krasnoselskii: dimostrazione

Il Teorema di Krasnoselskii è uno dei teoremi di punto fisso che sono uno dei principali strumenti dell'analisi matematica non lineare. Questi teoremi hanno una miriade di applicazioni pratiche. I suoi risultati riguardano un operatore singolo; ma le...
Università e Master

Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione

Questa guida dal titolo "Teorema di Eulero (aritmetica modulare): dimostrazione" si prefigge di dimostrare cos'è. Il Teorema di Eulero può essere considerato in alcuni casi la conseguenza del teorema di Lagrange, che spiegherò in modo dettagliato nei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.