Teorema dei valori intermedi: dimostrazione

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il teorema dei valori intermedi è uno dei più importanti in matematica: esso serve infatti per arrivare, attraverso dei ragionamenti successivi, a definire il famoso e importante teorema di Weierstrass. Con i passaggi che seguono andremo a vedere nello specifico quella che è la dimostrazione del teorema.

26

Occorrente

  • Libro di matematica
36

L'enunciato

Cominciamo subito la dimostrazione partendo dall'enunciato: sia f una funzione continua in ogni punto di un intervallo chiuso [a, b]. Si scelgano due punti arbitrari X1: la prima cosa da considerare è che stiamo parlando di una funzione continua, ovvero una funzione che non ha discontinuità nell'intervallo che stiamo considerando, che in questo caso chiuso, ossia che comprende anche gli estremi nell'insieme. Questo vuol dire che, per Bolzano, essa ammetterà un punto nell'intervallo, in cui la derivata sarà nulla. Allora, prendendo due funzioni interne ad [a, b] e creando un sottointervallo (X1, X2), il teorema va a dimostrare che tutta la funzione è definita nello stesso sottointervallo descritto dalle funzioni che lo delimitano.

46

Dimostrazione

Passiamo ora alla fase si dimostrazione vera e propria di questo teorema. Innanzitutto supponiamo f (X1) < f (X2) e sia k un qualsiasi valore compresa tra f (X1) e f (X2). Sia g la funzione definita su [X1, X2] come segue: g (X) = f (X) - k. Questa g è continua in ogni punto di [X1, X2] e si ha g (X1) = f (X) - k < 0 e g (X2) = f (X2) - k > 0. Purtroppo la risposta è no e i controesempi sono piuttosto confusi. Il controesempio più semplice che si può fare è la funzione, la quale non riesce ad essere continua in x = 0. D'altra parte non è troppo difficile vedere che f (x) è il valore intermedio anche su intervalli chiusi contenenti x = 0.

Continua la lettura
56

Il teorema di Bolzano

Di conseguenza, per | x | abbastanza grande, P (x) e x ed n hanno lo stesso segno. Pertanto, ne consegue che, se n > 0, ci sono numeri reali x 0 < x 1, tale che P (x 0) <0 e P (x 1)> 0. Allo stesso modo, se un n <0, si può ottenere un valore di x 0 < x 1, tale che P (x 0)> 0 e P (x 1) <0. In entrambi i casi, la guida segue direttamente dal valore intermedio. La domanda che a questo punto della spiegazione sorge naturale è se ogni funzione è in grado di soddisfare i valori intermedi del Teorema. Applicando adesso il teorema di Bolzano (che dice che presa una funzione continua in tutti i punti di un intervallo chiuso [a, b], supponendo che f (a) e f (b) abbiano segni opposti, esiste almeno un c nell'intervallo aperto (a, b) tale che f (c)=0) alla g, troviamo che deve essere per forza g (c) = 0 per qualche c compreso tra X1 e X2. Tuttavia questo sta a significare che f (c) = k e allora la dimostrazione è stata effettuata: abbiamo infatti che f assume sull'intervallo (X1, X2) tutti i valori compresi tra f (X1) e f (X2).

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Studiare i fondamenti di analisi prima di affrontare questa dimostrazione.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di Bolzano: dimostrazione

Il "Teorema di Bolzano" (o "teorema degli zeri per le funzioni continue") prende il nome dal matematico e filosofo boemo Bernard Bolzano, vissuto tra il XVIII ed il XIV secolo. Tale teorema (da non confondere con il "teorema di Bolzano-Weierstrass" sulle...
Università e Master

Teorema della media integrale

La matematica è indubbiamente la materia più ostica ed indigesta da tutti coloro che sono chiamati a studiarla: a partire dagli scolari delle elementari fino ad arrivare agli studenti delle superiori e delle università. Questa difficoltà è dovuta...
Superiori

Teorema di Fermat: dimostrazione

Il "Teorema di Fermat" appartiene alla categoria dei teoremi fondamentali del calcolo differenziale. Tale teorema non va confuso con "l'ultimo teorema di Fermat", il "piccolo teorema" o il "teorema sulle somme di due quadrati". Esso fa parte dell'analisi...
Superiori

Teorema di De L'Hopital: dimostrazione

Spesso quando si studiano funzioni, o comunque in tanti altri casi, a seconda delle esigenze di studio occorre sapere come si possono calcolare i limiti. Talvolta tale calcolo risulta difficoltoso e questo nella maggior parte dei casi è dovuto al fatto...
Superiori

Teorema di Rolle: dimostrazione

Il matematico francese href="https://it. Wikiped">Michel Rolle formulò uno dei più rilevanti teoremi della matematica e, per riuscirlo a comprendere bene, sarà necessario supporre anche la conoscenza del Teorema di Weierstrass e del Teorema di Fermat....
Università e Master

Come dimostrare il teorema di Rolle

Il teorema di Rolle afferma che se, in un intervallo chiuso e limitato, una funzione è continua e contemporaneamente derivabile all'interno dello stesso intervallo e se ancora, agli estremi dell'intervallo, la suddetta funzione presenta valori identici,...
Superiori

Teorema di Ascoli-Arzelà: dimostrazione

In questo articolo vogliamo proporvi una guida, mediante la quale essere in grado di comprendere meglio e nel migliore dei modi, il Teorema di Ascoli-Arzelà e nello specifico la sua dimostrazione. Il teorema di Ascoli-Arzelà è un teorema di analisi...
Università e Master

Teorema di Stokes: dimostrazione

Nella geometria differenziale, ossia lo studio di oggetti geometrici come curve e superfici, il Teorema di Stokes è un enunciato riguardante l'integrazione delle forme differenziali. In particolare è volto a generalizzare i teoremi di calcolo vettoriale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.