Tedesco: verbi regolari

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nella lingua tedesca, non esistono i verbi regolari e i verbi irregolari, ma si hanno verbi deboli, verbi forti e verbi misti. Nella lingua italiana, inoltre, le desinenze dei verbi si suddividono in -are (prima desinenza), -ere (seconda desinenza) e -ire (terza desinenza), mentre in tedesco la desinenza è una soltanto: tutti i verbi finiscono in fatti in -en. Ogni verbo è dunque composto da una radice (der Stamm) e dalla desinenza -en (die Endung). Continuate nella lettura della guida a seguire per capire in cosa consistono i verbi regolari.

26

Occorrente

  • paradigmi
  • tanto studio
  • tanta pratica
36

Il comportamento dei verbi deboli

Prima di scoprire il funzionamento dei verbi deboli, è importante sottolineare l'importanza del paradigma: imparare il paradigma significa imparare a riconoscere immediatamente un verbo debole o un verbo forte. La buona notizia è che i verbi deboli sono la maggioranza nella lingua tedesca. I verbi deboli si comportano sempre alla stessa maniera, in quanto non presentano radici differenti come i verbi forti. Per riuscire e imparare a coniugarli nella maniera corretta, basta semplicemente conoscere le desinenze dei vari tempi verbali.

46

L'uso delle desinenze

Verbi deboli al presente: le coniugazioni, sempre uguali, sono -e, -(e) st, -t, -en, -(e) t, -en. I verbi deboli in tedesco si comportano tutti allo stesso modo, mantenendo la radice e aggiungendovi le varie desinenze. Attenzione però! Quando la radice finisce con una -t o una -d, è necessario aggiungere una -e eufonica alla desinenza della seconda e terza persona singolare, e della seconda persona plurale. Esempio: arbeiten (lavorare). La radice è arbeit, dunque avrete: ich arbeit e du arbeit est er/es/sie arb eitet wi r arbeiten ihr arbeit et sie/Sie arb eiten.

Continua la lettura
56

Le eccezioni

Anche nel caso in cui la radice terminasse con una -m o con una -n, sarà necessario aggiungere la -e eufonica alla seconda e terza persona singolare e alla seconda persona plurale. öffnen (aprire): radice: öffn. Dunque avrete ich öffne, du öffnest, ecc. Un'eccezione può però essere il verbo ahnen (dubitare), dove nonostante la radice termini in -n, non richiederà assolutamente la -e eufonica. È consigliabile inoltre di farsi seguire da un professore, o di utilizzare un buon manuale. Eseguendo numerosi esercizi imparerete facilmente tutte le regole principali. Riguardo alla pronuncia è consigliabile di visionare ottimi film magari con sottotitoli per iniziare. Quando trovate, leggendo, un “nuovo” verbo tedesco, oltre ad andare a capire quello che significa, si consiglia di imparare le sue coniugazioni.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Riguardo alla pronuncia è consigliabile di visionare ottimi film magari con sottotitoli per iniziare.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Tedesco: i verbi irregolari

In questa guida cercheremo di mettere bene a fuoco le caratteristiche principali dei verbi irregolari in tedesco, tenendo presenti alcuni consigli che ci permettano di impararli, individuarli e infine riconoscerli all'interno di un dato testo. Chiaramente...
Lingue

Tedesco: la coniugazione dei verbi deboli

La coniugazione dei verbi deboli e i tempi verbali in generale sono tuttavia uno degli argomenti più semplici da affrontare quando si decide di studiare la lingua tedesca. Il tedesco non è una lingua semplicissima da studiare. Eppure, studiando bene...
Lingue

Trucchi per memorizzare i paradigmi in tedesco

Lo studio delle lingue non è mai semplice, ma attualmente è una scelta obbligata per la commistione di culture che esiste in ogni paese. Il tedesco è una lingua abbastanza diffusa in Europa per la centralità che la Germania ha nella Comunità Europea,...
Lingue

Tedesco: la costruzione di zu e l'infinito

Il tedesco è la lingua ufficiale della Germania ed è diffuso in diverse aree dell'Europa centrale. Molti studenti italiani percepiscono il tedesco come lingua ostica, principalmente perché presenta molti fonemi estranei alla lingua italiana. Anche...
Elementari e Medie

Come formare l'indicativo presente dei verbi in ER in francese

La formazione dell'indicativo dei verbi del primo gruppo (con desinenza in -ER) è molto semplice, vanno però analizzate delle piccole eccezioni. In francese le coniugazioni dei verbi sono 4 e si distinguono in base alle proprie desinenze: - 1° gruppo...
Lingue

Tedesco: verbi con prefisso separabile

Nel tedesco, sono molti i verbi con il prefisso separabile. Una peculiarità di questa lingua, infatti, consiste nel fatto che il prefisso di un verbo cambia totalmente il suo significato originale. Per questo è importante saperli distinguere ed utilizzare...
Lingue

Tedesco: il Konjunktiv 2

Nella lingua tedesca, il Konjunktiv II, trova la sua corrispondenza in italiano nei seguenti modi verbali: congiuntivo e condizionale. Ecco spiegato perché, molto spesso, capiti ad un tedesco madrelingua che si cimenta con la lingua italiana, di fare...
Lingue

I verbi ausiliari in tedesco

La lingua tedesca presenta tre verbi ausiliari, a differenza dell'italiano che ha la forma essere ed avere: sein (essere), haben (avere) e werden (diventare). Imparare quali sono i verbi ausiliari del tedesco, è fondamentale per iniziare a comprendere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.