Tedesco: l'imperativo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Studiare le lingue è una delle cose più belle che si possano fare. Ciò permette sia di comunicare meglio con persone di altri paesi, sia di studiarne la cultura. Studiare lingue è un mondo vasto ed affascinante, dove si possono conoscere molte persone per eventuali scambi di lingua, specialmente in alcuni siti. Quando si impara una lingua, la prima cosa da fare è capirne le regole grammaticali, come vengono strutturate le frasi, i tempi, i verbi e molto altro ancora. Questo vale soprattutto per il tedesco, una delle lingue più difficili da imparare, soprattutto per il suo accento. La grammatica tedesca, pur seguendo regole ben precise, risulta ai piú davvero ostica, ma perlomeno nella coniugazione dei verbi la forma dell’imperativo non è affatto complicata. Se nutrite comunque dei dubbi in merito all'imperativo in tedesco e desiderate chiarirvi le idee leggete le indicazioni che seguono: attraverso pochi passaggi spiegheremo questa forma cercando di essere il più chiari possibile.

26

Utilizzo

L’imperativo si utilizza per impartire degli ordini ed è un tempo che non ha tutte le persone dell'indicativo bensí, proprio come in italiano, solo tre forme: la seconda persona singolare (du), la seconda persona plurale (ihr), la terza persona singolare e plurale come forma di cortesia per rivolgerci alle persone cui diamo del Lei. La regola di base prevede che la seconda persona singolare coincide con la radice del verbo; la seconda persona plurale si forma aggiungendo la -t alla radice; per le altre persone (forme di cortesia) si usa semplicemente il tempo presente indicativo, con l’aggiunta del pronome personale Sie ed invertendo verbo e soggetto. Alla seconda persona singolare e plurale non si mette mai il soggetto. Eccovi alcuni esempi: verbo Kommen (venire), radice komm-, imperativo seconda persona singolare Komm! (vieni), imperativo seconda persona plurale Kommt! (venite) imperativo di cortesia singolare e plurale Kommen Sie (venga-vengano).

36

Avverbi

Per dare una connotazione piú gentile al comando si puó aggiungere l’avverbio bitte: Komm bitte (vieni per favore). Per quanto riguarda poi i verbi irregolari la regola prevede che: - i verbi che al presente cambiano la vocale tematica della radice la cambino anche nella seconda persona singolare imperativa. Esempio: lesen=lies!: nehmen=nimm! - ai verbi che terminano con –t o –d occorre aggiungere la desinenza –e alla seconda persona: esempio warten= warte!; - nel caso di un verbo composto con prefisso separabile, quest’ultimo deve sempre andare in fondo alla frase - nel caso di verbi riflessivi con prefisso separabile occorre usare il pronome riflessivo. Esempio: anziehen= zieh dich an!.

Continua la lettura
46

Verbi con prefissi non separabili

Un esempio invece di verbo con prefisso non separabile: Einsteigen! Salire!. Inoltre fa eccezione il verbo essere che si coniuga come segue: seien Sie!=sia!; Sei!=sii!, mentre Seid!=siate! (solo la seconda persona plurale non muta). Se volete esercitarvi e verificare inmediatamente la coniugazione corretta cliccate sul link: La coniugazione dei verbi tedeschi, inserendo un verbo ne otterrete automaticamente le coniugazioni.
La pratica e l'esercizio costante vi aiuteranno molto nell'apprendere velocemente la lingua, saperla leggere e anche pronunciare. Non mi resta quindi che augurarvi buono studio.
Alla prossima.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Lingua spagnola: i verbi

Approcciarsi ad una lingua differente dalla propria non è mai semplice. Ci sono regole da imparare, termini da memorizzare, nuovi suoni da pronunciare e, inizialmente, tutto ciò potrebbe scoraggiare chi si accinge a studiare per la prima volta una nuova...
Lingue

Tedesco: verbi con cambi di vocale

Il tedesco è una lingua difficile da imparare per noi italiani, per via non solo della sua pronuncia o della sua sintassi, così diversa dall'italiano perché mette il verbo principale della frase alla fine; ma anche per alcune eccezioni e difficoltà...
Superiori

Come riconoscere i verbi difettivi

I verbi, nella grammatica italiana, sono molto numerosi. Coniugazioni, tempi e modi complicano non poco lo studio di questi importanti elementi delle frasi e dei discorsi della nostra lingua. Molto numerose sono anche le tipologie in cui i verbi vengono...
Lingue

Tedesco: la coniugazione dei verbi deboli

La coniugazione dei verbi deboli e i tempi verbali in generale sono tuttavia uno degli argomenti più semplici da affrontare quando si decide di studiare la lingua tedesca. Il tedesco non è una lingua semplicissima da studiare. Eppure, studiando bene...
Elementari e Medie

Come fare l'analisi grammaticale di un verbo

La grammatica italiana è abbastanza complessa rispetto alle altre lingue come l'inglese; infatti, sono presenti varie particelle che devono essere analizzate singolarmente, come ad esempio: i nomi, i verbi, gli aggettivi, gli avverbi o le preposizioni....
Superiori

Appunti di grammatica di greco antico

Il greco è una delle lingue più antiche e conosciute al mondo, insieme alla lingua latina. Tutt'oggi viene ancora studiata al liceo classico e alla Facoltà di Lettere classiche. Essa, infatti, rappresenta le basi tecniche per la conoscenza di molte...
Lingue

Inglese: discorso diretto e indiretto

Il discorso diretto e il discorso indiretto sono i due modi in cui può essere riportata una conversazione. Il discorso diretto, usato di solito nelle narrazioni, riporta le parole tra virgolette così come vengono esposte dall'interlocutore. Quello indiretto,...
Lingue

Tedesco: verbi regolari

Nella lingua tedesca, non esistono i verbi regolari e i verbi irregolari, ma si hanno verbi deboli, verbi forti e verbi misti. Nella lingua italiana, inoltre, le desinenze dei verbi si suddividono in -are (prima desinenza), -ere (seconda desinenza) e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.