Tedesco: il Konjunktiv 2

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Nella lingua tedesca, il Konjunktiv II, trova la sua corrispondenza in italiano nei seguenti modi verbali: congiuntivo e condizionale. Ecco spiegato perché, molto spesso, capiti ad un tedesco madrelingua che si cimenta con la lingua italiana, di fare confusione tra "fossi" e "sarei". Poiché in tedesco sono invece del tutto equivalenti, egli fatica a comprendere la differenza. Due sono le forme del Konjunktiv II: quella al presente, in italiano traducibile con il congiuntivo imperfetto e il condizionale presente e quella al passato, che si esprime nella nostra lingua con il congiuntivo trapassato e il condizionale passato. Vogliamo scoprirle insieme?

27

Occorrente

  • Grammatica tedesca
37

Anzitutto, bisogna effettuare una distinzione tra verbi forti e verbi deboli. Per costruire la forma al presente per i verbi forti, dovrete provvedere ad aggiungere al tema del Präteritum le desinenze -e, -est, -e, -en, -et ed -en. Ricordate, poi, che necessitano l'Umlaut quei verbi che al Präteritum hanno come vocale tematica a, o, oppure u. Se considerate il verbo gehen, questo sarà da coniugarsi nel seguente modo: ich ginge, du gingest, er/sie/es ginge, wir gingen, ihr ginget, Sie/sie gingen. Ma che cosa succede con kommen? Esso, che ha come vocale tematica la a, prenderà di conseguenza la dieresi in tutte le forme: ich käme, du kämest, er/sie/es käme, wir kämen, ihr kämet, Sie/sie kämen.

47

Il Konjunktiv II per i verbi deboli, corrisponde semplicemente alla forma del Präteritum. Il verbo fragen si coniugherà quindi come segue: ich fragte, du fragtest, er/sie/es fragte, wir fragten, ihr fragtet, Sie/sie fragten. In tal caso, è soliti ricorrere ad una "versione alternativa" che consente di ottenere il Konjunktiv II evitando incomprensioni: si unisce il Konjunktiv II del verbo werden all'infinito del verbo, da collocarsi a fine frase. Tuttavia, quali sono le eccezioni alla regola appena formulata? Come ben saprete, esistono spesso delle particolarità che vanno a completare le regole grammaticali schematiche.

Continua la lettura
57

Sinteticamente, nella forma presente del Konjunktiv II aggiungono l'Umlaut non solo i verbi forti già esaminati, ma anche altri verbi, quali quelli modali, ossia können, dürfen, müssen e mögen e misti come denken e bringen. La forma al passato, può essere ottenuta unendo il Konjunktiv II presente di haben o sein con il participio passato del verbo. L'unica particolarità sta nella formazione del Konjunktiv II dei verbi modali: infatti, va costruita con il cosiddetto doppio infinito. Ad esempio, "er hätte nicht kommen können", traducibile in italiano con "non sarebbe potuto venire".

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Tedesco: dizionario bilingue o monolingue

Acquistare un dizionario potrebbe sembrare la cosa più semplice di questo mondo, ma in realtà non è così. Dalla qualità del dizionario dipende successivamente la conoscenza della lingua straniera che ognuno riesce a farsi. Il dizionario inoltre esiste...
Lingue

Dieci motivi per studiare il tedesco

Una delle lingue più importanti e diffuse in Europa al giorno d'oggi è proprio il tedesco. Forse a un primo impatto sembrerà alle vostre orecchie un po' ostico, poco armonioso e fluente rispetto al bel francese o allo spagnolo eppure anche il tedesco...
Lingue

10 motivi per imparare il tedesco

Il tedesco è una lingua molto importante e spesso difficoltosa. L'accento particolare e le diverse nozioni in lingua tedesca da imparare, sono davvero molteplici e complesse, ma con un pochino di pazienza e tecnica, è possibile studiare al meglio questa...
Lingue

5 trucchi per imparare a parlare il tedesco

Il tedesco è una lingua affascinante che in molti vorrebbero imparare. Potrebbe essere utile conoscere questa lingua per varie ragioni, per esempio per motivi di lavoro o anche solo per concedersi un bel viaggio in Germania e saper comunicare con la...
Lingue

Tedesco: il discorso indiretto

Conoscere il tedesco è un valido aiuto nel mondo del lavoro, e non solo per chi è intenzionato a trasferirsi in Germania, ma anche per chi ha a che fare ogni giorno con clienti stranieri che, soprattutto nel mondo della finanza e dell'industria, sono...
Lingue

La pronuncia del tedesco

La pronuncia del tedesco segue delle regole ben precise. Tra la lingua scritta e quella orale non esistono molte differenze. L'alfabeto tedesco è lo stesso di quello inglese. Si aggiungono ad esso però dei simboli in più. In particolare esiste lo scharfes...
Lingue

Tedesco: la costruzione participiale

Con questa utile guida, affronteremo un argomento peculiare della lingua tedesca. Si tratta sostanzialmente di un tipo di costruzione del tedesco. In particolare di quello scritto: la costruzione participiale. Detta anche "attributiva" ed in tedesco "die...
Lingue

Come scegliere un dizionario di tedesco

Il tedesco è una lingua ormai molto importante poiché la Germania offre allettanti opportunità di lavoro e di studio. Infatti, sono sempre di più le persone che lo studiano, sia seguendo dei corsi che da autodidatta. In entrambi i casi, per imparare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.