Tedesco: il discorso indiretto

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Conoscere il tedesco è un valido aiuto nel mondo del lavoro, e non solo per chi è intenzionato a trasferirsi in Germania, ma anche per chi ha a che fare ogni giorno con clienti stranieri che, soprattutto nel mondo della finanza e dell'industria, sono sempre più germanofoni. Per un italiano, il tedesco può sembrare di più difficile comprensione rispetto, ad esempio, allo spagnolo e al francese: ciò è dovuto al fatto che il tedesco è una lingua che di neolatino ha ben poco, avendo mantenuto gran parte della forma germanica. In realtà, una volta entrati nei giusti meccanismi, si scopre che l'apprendimento del tedesco non è poi così difficile come si vuol far credere: in questa guida: ad esempio, tratteremo del discorso indiretto, utile per rielaborare frasi e discorsi, senza dover ricorrere alle virgolette, il cui uso, soprattutto in alcuni tipi di testi, è sconsigliato.

24

Espressioni che introducono il discorso indiretto

Il discorso indiretto in tedesco è introdotto sempre da espressioni come Er sagt (e) (lui dice/ha detto), S ie meint (e) (lei vuole/voleva dire), Er behauptet (e) (lui afferma/ha affermato), Sie gibt/gab an (Lei indica/ ha indicato), Er erklärt (e) (Lui spiega/ ha spiegato), Sie erzählt (e) (Lei racconta/ ha raccontato), Er stellt (e) fest (Lui fa constatare/ ha fatto constatare), Sie fragt (e) (Lei chiede/ ha chiesto).

34

Trasformazione del discorso diretto in discorso indiretto

Per trasformare un discorso diretto in uno indiretto in tedesco, devi tener presente prima di tutto il cambio del pronome. Se necessario, si cambiano anche i complementi di luogo e di tempo, proprio come accade anche in italiano (Ha detto: Lei è stata qui ieri → Ha detto che lei era stata lì il giorno anteriore). In tedesco, il discorso indiretto si può esprimere all’ indicativo o al congiuntivo. Nel parlato si preferisce l’indicativo, nello scritto il congiuntivo. Quando si usa il primo, si deduce che si è d’accordo con chi ha pronunciato la frase; l’uso del secondo, invece, indica che si sta solo ripetendo quanto detto dall’altra persona, indipendentemente se le si crede oppure no, come accade negli articoli di giornale o nelle notizie alla tv e quasi sempre nella lingua scritta.

Continua la lettura
44

Tipi di frasi nel discorso indiretto

Nel discorso indiretto, puoi mettere le frasi dichiarative dopo la frase introduttiva senza congiunzione oppure usando dass. Le frasi interrogative parziali nello stile indiretto sono introdotte dal pronome interrogativo. Invece, nelle frasi interrogative totali, cioè quelle senza il pronome interrogativo, il discorso indiretto suole essere introdotto da ob. In caso di esortazioni, il discorso indiretto in tedesco preferisce il verbo modale sollen, mentre, se vuoi suonare particolarmente educato, scegli mögen. Mentre il primo è usato per esprimere un ordine, per rendere un imperativo o per dare un consiglio, il secondo comprende anche il significato di "bisogna fare". In caso di non essere sicuro, scegli di evitare sollen per scansare equivoci.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come Codificare I Casi Dei Nomi In Tedesco

La lingua tedesca è una lingua molto logica e particolarmente precisa. Ricca di regole, talvolta un po' complicate, ma comunque sempre coerenti. Nella grammatica tedesca un ruolo centrale è rivestito dal tema dei casi che corrispondono sostanzialmente...
Lingue

Spagnolo: discorso indiretto

Il discorso diretto riporta esattamente ciò che è stato detto da qualcun altro mentre il discorso indiretto riproduce in forma appunto indiretta quanto un'altra persona ha detto o pensato. Solitamente la frase subordinata è unita a quella principale...
Lingue

Come utilizzare i pronomi personali in tedesco

Nella lingua tedesca, la maggioranza degli oggetti grammaticali viene ricodificata a seconda del tipo di complemento in cui compare. Non fanno eccezione neppure i pronomi personali, per i quali si devono distinguere principalmente tre casi ben definiti:...
Lingue

Tedesco: frasi affermative e interrogative

Imparare le lingue è un bellissimo modo per passare il tempo ed accrescere la propria cultura. Infatti studiare una lingua significa anche avvicinarsi e comprendere meglio una determinata cultura, conoscere la storia e alcuni aneddoti di una particolare...
Lingue

Inglese: discorso diretto e indiretto

Il discorso diretto e il discorso indiretto sono i due modi in cui può essere riportata una conversazione. Il discorso diretto, usato di solito nelle narrazioni, riporta le parole tra virgolette così come vengono esposte dall'interlocutore. Quello indiretto,...
Lingue

Come fare la forma interrogativa in tedesco

Quando studiamo una lingua straniera, molto spesso incontriamo qualche piccola difficoltà a livello grammaticale. Soprattutto se ci avviciniamo allo studio delle lingue germaniche, troviamo delle regole abbastanza differenti da quelle della nostra lingua,...
Lingue

La forma interrogativa in coreano

Imparare le lingue è utile ed interessante perché tramite esse si conoscono numerose tradizioni del paese. La lingua coreana è una di quelle lingue particolari, leggermente complicata data la diversità, ma con un po' di impegno e costanza possiamo...
Lingue

Inglese: i pronomi relativi

Riuscire ad imparare una lingua straniera, spesso può sembrare un impresa impossibile, ma impegnandosi a comprendere le giuste regole grammaticali ed esercitandosi molto, si può riuscire nell'intento in breve tempo. Sapere parlare correttamente l'inglese,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.