Tedesco: il discorso indiretto

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Conoscere il tedesco è un valido aiuto nel mondo del lavoro, e non solo per chi è intenzionato a trasferirsi in Germania, ma anche per chi ha a che fare ogni giorno con clienti stranieri che, soprattutto nel mondo della finanza e dell'industria, sono sempre più germanofoni. Per un italiano, il tedesco può sembrare di più difficile comprensione rispetto, ad esempio, allo spagnolo e al francese: ciò è dovuto al fatto che il tedesco è una lingua che di neolatino ha ben poco, avendo mantenuto gran parte della forma germanica. In realtà, una volta entrati nei giusti meccanismi, si scopre che l'apprendimento del tedesco non è poi così difficile come si vuol far credere: in questa guida: ad esempio, tratteremo del discorso indiretto, utile per rielaborare frasi e discorsi, senza dover ricorrere alle virgolette, il cui uso, soprattutto in alcuni tipi di testi, è sconsigliato.

25

Espressioni che introducono il discorso indiretto

Il discorso indiretto in tedesco è introdotto sempre da espressioni come Er sagt (e) (lui dice/ha detto), S ie meint (e) (lei vuole/voleva dire), Er behauptet (e) (lui afferma/ha affermato), Sie gibt/gab an (Lei indica/ ha indicato), Er erklärt (e) (Lui spiega/ ha spiegato), Sie erzählt (e) (Lei racconta/ ha raccontato), Er stellt (e) fest (Lui fa constatare/ ha fatto constatare), Sie fragt (e) (Lei chiede/ ha chiesto).

35

Trasformazione del discorso diretto in discorso indiretto

Per trasformare un discorso diretto in uno indiretto in tedesco, devi tener presente prima di tutto il cambio del pronome. Se necessario, si cambiano anche i complementi di luogo e di tempo, proprio come accade anche in italiano (Ha detto: Lei è stata qui ieri → Ha detto che lei era stata lì il giorno anteriore). In tedesco, il discorso indiretto si può esprimere all’ indicativo o al congiuntivo. Nel parlato si preferisce l’indicativo, nello scritto il congiuntivo. Quando si usa il primo, si deduce che si è d’accordo con chi ha pronunciato la frase; l’uso del secondo, invece, indica che si sta solo ripetendo quanto detto dall’altra persona, indipendentemente se le si crede oppure no, come accade negli articoli di giornale o nelle notizie alla tv e quasi sempre nella lingua scritta.

Continua la lettura
45

Tipi di frasi nel discorso indiretto

Nel discorso indiretto, puoi mettere le frasi dichiarative dopo la frase introduttiva senza congiunzione oppure usando dass. Le frasi interrogative parziali nello stile indiretto sono introdotte dal pronome interrogativo. Invece, nelle frasi interrogative totali, cioè quelle senza il pronome interrogativo, il discorso indiretto suole essere introdotto da ob. In caso di esortazioni, il discorso indiretto in tedesco preferisce il verbo modale sollen, mentre, se vuoi suonare particolarmente educato, scegli mögen. Mentre il primo è usato per esprimere un ordine, per rendere un imperativo o per dare un consiglio, il secondo comprende anche il significato di "bisogna fare". In caso di non essere sicuro, scegli di evitare sollen per scansare equivoci.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Inglese: discorso diretto e indiretto

Il discorso diretto e il discorso indiretto sono i due modi in cui può essere riportata una conversazione. Il discorso diretto, usato di solito nelle narrazioni, riporta le parole tra virgolette così come vengono esposte dall'interlocutore. Quello indiretto,...
Lingue

Appunti di tedesco commerciale

Quando si ha a che fare con una qualsiasi lingua diversa dalla propria, soprattutto nei casi di lingue particolarmente ostiche sia dal punto di vista della grammatica che della sintassi, è bene dotarsi di soluzioni finalizzate a rendere lo studio e l'apprendimento...
Lingue

Trucchi per memorizzare i paradigmi in tedesco

Lo studio delle lingue non è mai semplice, ma attualmente è una scelta obbligata per la commistione di culture che esiste in ogni paese. Generalmente le lingue più studiate nelle scuole sono il francese e l'inglese. Ultimamente si è diffuso anche...
Lingue

Tedesco: dizionario bilingue o monolingue

Acquistare un dizionario potrebbe sembrare la cosa più semplice di questo mondo, ma in realtà non è così. Dalla qualità del dizionario dipende successivamente la conoscenza della lingua straniera che ognuno riesce a farsi. Il dizionario inoltre esiste...
Lingue

Dieci motivi per studiare il tedesco

Una delle lingue più importanti e diffuse in Europa al giorno d'oggi è proprio il tedesco. Forse a un primo impatto sembrerà alle vostre orecchie un po' ostico, poco armonioso e fluente rispetto al bel francese o allo spagnolo eppure anche il tedesco...
Lingue

5 trucchi per imparare a parlare il tedesco

Il tedesco è una lingua affascinante che in molti vorrebbero imparare. Potrebbe essere utile conoscere questa lingua per varie ragioni, per esempio per motivi di lavoro o anche solo per concedersi un bel viaggio in Germania e saper comunicare con la...
Lingue

Tedesco: i verbi reggenti preposizione

Nella lingua tedesca, la grammatica si costituisce di quattro casi: nominativo, genitivo, dativo ed accusativo. Ognuno di essi indica la specifica funzione di un vocabolo all'interno della frase. Per la costituzione dei complementi, il tedesco sfrutta...
Lingue

La pronuncia del tedesco

La pronuncia del tedesco segue delle regole ben precise. Tra la lingua scritta e quella orale non esistono molte differenze. L'alfabeto tedesco è lo stesso di quello inglese. Si aggiungono ad esso però dei simboli in più. In particolare esiste lo scharfes...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.