Come usare i verbi riflessivi in tedesco

Tramite: O2O 13/05/2018
Difficoltà: media
18

Introduzione

La grammatica tedesca differisce da quella italiana per via delle sue diverse origini. Il ceppo linguistico germanico a cui appartiene il tedesco prevede una serie di regole che nella nostra lingua spesso non esistono o comunque risultano differenti. Prendiamo ad esempio i verbi, nello specifico quelli riflessivi. Sia in tedesco che in italiano questa tipologia di predicato indica un'azione o un sentimento, entrambi appartenenti al soggetto stesso. Il verbo riflessivo, in generale, comporta un'identificazione tra soggetto e oggetto. L'azione che il soggetto svolge riguarda se stesso, infatti influsice esclusivamente sulla sua persona. Il tutto può avvenire in qualunque momento, che sia al passato, al presente o al futuro. In tal senso, pertanto, non ci occorre fare particolari distinzioni in termini di tempi verbali. Dobbiamo soltanto ricordare che i verbi riflessivi seguono una costruzione sintattica ben precisa. La comprensione di questo specifico argomento grammaticale non è molto semplice, soprattutto se appartenente ad una lngua straniera abbastanza complessa e ostica per molti studenti. D'altro canto, possiamo sempre ricorrere ad una pratica guida per chiarire eventuali dubbi. Andiamo dunque ad analizzare in modo attento i verbi riflessivi in tedesco, facendo anche qualche esempio a livello contrastivo con la nostra lingua madre.

28

Occorrente

  • Libro di grammatica tedesca
  • Conoscenze base sui verbi tedeschi
38

Particella riflessiva "sich"

Nella lingua tedesca, a differenza di quella italiana, i verbi riflessivi presentano determinate caratteristiche. Innanzitutto essi si contraddistinguono per la presenza della particella riflessiva "sich" all'infinito. In italiano potremmo tradurla con "si". In tedesco il "sich" viene impiegato unicamente nel caso in cui il verbo riflessivo faccia riferimento ad una terza persona singolare o plurale. Facciamo un esempio per chiarire questa regola. Prendiamo come riferimento il verbo riflessivo tedesco "sich waschen". In italiano il suo corrispondente è "lavarsi". Oltre alla presenza delal particella riflessiva, questi verbi in tedesco sostengono sempre l'ausiliare "haben" nei tempi composti al passato. Nella nostra lingua, invece, ci serviamo dell'ausiliare "essere". Anche in questo caso facciamo un esempio. Per dire in tedesco "Io mi sono lavato", useremo la frase "Ich habe mich gewaschen".

48

Pronome riflessivo al dativo e accusativo

I verbi riflessivi in tedesco presentano altre peculiarità, come quella relativa al pronome riflessivo. Quest'ultimo può essere al caso dativo o all'accusativo. Se in una proposizione troviamo una specificazione dell'azione stessa, si ricorre al pronome al caso dativo. Di conseguenza il complemento oggetto si troverà in accusativo. Qualora non venisse specificato, il pronome si dovrà porre al caso accusativo. Vediamo un paio di esempi relativi a questi due aspetti. Per il caso dativo avremo frasi come "Ich wasche mir die Haare", in italiano "Io mi lavo i capelli". Per avere il caso accusativo, una frase adatta è "Ich wasche mich", in italiano "Io mi lavo". Un'ulteriore regola che dobbiamo tenere a mente è quella secondo cui il pronome riflessivo segue il verbo infinito.

Continua la lettura
58

Riflessivi puri e transitivi che divengono riflessivi

I verbi riflessivi si dividono in tre principali categorie. Possono essere riflessivi puri, transitivi che divengono riflessivi e falsi riflessivi. Analizziamoli uno alla volta con un esempio per ogni tipo. I verbi riflessivi puri prendono questo nome per il semplice fatto che il loro pronome riflessivo non segnala la presenza di un complemento oggetto uguale al soggetto. Avremo dunque frasi come "Ich wasche die Hände" ("Io lavo le mani") con il complemento oggetto all'accusativo e "Ich helfe meinem Vater" ("Io aiuto mio padre") con il complemento oggetto al dativo. I verbi transitivi che divengono riflessivi si impiegano come verbi transitivi. Essi avranno quindi un complemento oggetto. SI trasformano in riflessivi perché sia il soggetto che l'oggetto sono identici. Usiamo due frasi come esempio. La prima è "Ich wasche mich" ("Mi lavo"), in cui si ha un'identità tra soggetto e oggetto, quindi riflessione. Una seconda frase è "Ich helfe mir" ("Mi aiuto"), in cui è comunque presente la riflessione.

68

Falsi riflessivi

Analizziamo infine i falsi riflessivi. Questi verbi si servono del pronome riflessivo soltanto per ragioni semantiche, e non per segnalare l'identità tra soggetto e oggetto. In "Ich wasche mir die Hände" ("Mi lavo le mani") avremo complemento oggetto e verbo falso riflessivo al dativo. In "Ich ziehe mir den Mantel an" ("Ho messo il cappotto") troviamo la stessa caratteristica. Inoltre bisogna fare molta attenzione al fatto che il "falso riflessivo" non ha nulla a che fare con la vera e propria "riflessività". Quest'ultima altro non è che l'identità tra soggetto e complemento oggetto. Cerchiamo dunque di non confondere mai i verbi transitivi utilizzati in modo riflessivo con l'uso del "falso riflessivo". Questo errore potrebbe portarci grosse difficoltà al momento di formulare le frasi. Se non riusciamo a individuare la differenza, proviamo a consultare il libro di grammatica. In alternativa potremmo ricorrere a qualche utile risorsa online. Gli esercizi, infine, sono molto importanti per acquisire maggior confidenza con i verbi riflessivi in tedesco.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercitarsi con vari esempi di frasi in cui si utilizzano i verbi riflessivi tedeschi.
  • Fare dei confronti con l'italiano per capire meglio il ruolo dei verbi riflessivi nelle frasi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Tedesco: verbi regolari

Nella lingua tedesca, non esistono i verbi regolari e i verbi irregolari, ma si hanno verbi deboli, verbi forti e verbi misti. Nella lingua italiana, inoltre, le desinenze dei verbi si suddividono in -are (prima desinenza), -ere (seconda desinenza) e...
Lingue

I verbi modali in tedesco

La presente guida sulle lingue fornirà alcuni consigli per comprendere esattamente i verbi modali in tedesco. Generalmente questa lingua viene considerata abbastanza difficile e complessa, per colpa delle numerose differenze con l'italiano. Bisogna anche...
Lingue

Tedesco: la coniugazione dei verbi deboli

La coniugazione dei verbi deboli e i tempi verbali in generale sono tuttavia uno degli argomenti più semplici da affrontare quando si decide di studiare la lingua tedesca. Il tedesco non è una lingua semplicissima da studiare. Eppure, studiando bene...
Lingue

Tedesco: i verbi irregolari

In questa guida cercheremo di mettere bene a fuoco le caratteristiche principali dei verbi irregolari in tedesco, tenendo presenti alcuni consigli che ci permettano di impararli, individuarli e infine riconoscerli all'interno di un dato testo. Chiaramente...
Lingue

Tedesco: i verbi di posizione

Il Tedesco è la lingua più parlata dopo quella inglese. La grammatica tedesca è semplice, piuttosto precisa e si incontrano meno difficoltà rispetto alla lingua inglese, al francese e allo spagnolo. Questa guida ha l'obiettivo di fornire, con una...
Lingue

Tedesco: verbi con cambi di vocale

Il tedesco è una lingua difficile da imparare per noi italiani, per via non solo della sua pronuncia o della sua sintassi, così diversa dall'italiano perché mette il verbo principale della frase alla fine; ma anche per alcune eccezioni e difficoltà...
Lingue

Tedesco: verbi con prefisso separabile

La lingua tedesca, diversamente dalla nostra, presenta delle regole un po' più complesse. Questo è il caso dei verbi muniti di prefisso separabile. Il prefisso è una componente che modifica il senso originario di un verbo. Pertanto, in questo frangente...
Lingue

Tedesco: i verbi reggenti preposizione

Nella lingua tedesca, la grammatica si costituisce di quattro casi: nominativo, genitivo, dativo ed accusativo. Ognuno di essi indica la specifica funzione di un vocabolo all'interno della frase. Per la costituzione dei complementi, il tedesco sfrutta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.