Tedesco: i verbi modali

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Generalmente, in grammatica, i verbi modali o servili, hanno la funzione di precisare la relazione tra soggetto e verbo che ne consegue. Hanno anche il ruolo di esprimere senso di possibilità, obbligo, necessità, volontà, capacità e non vengono accompagnati da un altro verbo. In ogni lingua figurano i verbi citati e, in questa guida ci occuperemo dei verbi modali nella lingua tedesca. Con dei piccoli consigli e un po' di esercitazione, si riuscirà a comprendere e ad espremersi in modo corretto in una lingua diversa dalla propria.

27

Occorrente

  • Dizionario tedesco-italiano.
37

Conoscere i verbi

I verbi modali in tedesco sono müssen, können, sollen, wollen, dürfen, mögen e möchten.
Questi sono irregolari, e in quanto tali, hanno delle modifiche per quanto riguarda alcune coniugazioni. "Können" esprime il senso del "poter fare" ma anche del "saper fare", perciò potete trovarlo in frasi come "ich kann fahren" (io so guidare, perché ho la patente). Va detto inoltre che "können" indica una possibilità che dipende da chi parla. "Dürfen" è molto simile nel significato a "können", perché indica anche esso un poter fare, ma in questo caso è qualcosa che viene stabilito dall'esterno di chi parla. A seconda del verbo scelto, cambia il suo significato; infatti esiste una differenza dire che qualcuno deve (muss) oppure può(darf).

47

Scegliere le opzioni

"Müssen" indica qualcosa che dovete fare, ma come per i verbi precedenti potete distinguere tra un dovere che è una vostra necessità o un dovere impostovi dagli altri. In questo secondo caso dovrete usare infatti "sollen". Quando quindi dite "ich muss studieren" state affermando che dovete studiare per un dovere morale, perché magari avete un esame imminente, mentre se dite "ich soll studieren" significa che qualcuno vi sta imponendo di farlo. "Wollen" indica volontà di fare qualcosa, ad esempio "ich will nach berlin gehen" (voglio andare a Berlino). "Mögen" indica qualcosa che si ha piacere di fare, come ad esempio "ich mag fußall spielen" (a me piace giocare a calcio).

Continua la lettura
57

Memorizzare i verbi irregolari

C'è da precisare che nella lingia parlata tedesca, il verbo viene omesso quando esso è sottinteso. L'ultimo verbo da conoscere è "mochten", che sta a significare il desiderio di fare o di avere qualcosa, come ad esempio "ich mochte Tango tanzen"(vorrei ballare il tango). Non è difficile riuscire a scegliere il modale adatto, perché a seconda del contesto della frase la scelta viene quasi automatica, data la grande somiglianza con l'italiano. I verbi modali hanno una coniugazione irregolare, e inoltre prima e terza persona sono uguali tra loro. Si tratta quindi di avere solo di un po' di pazienza per imparare le parti irregolari.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per avere una padronanza della lingua da studiare, potete ascoltare qualche audio in lingua originale.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Tedesco: il Präteritum

La lingua tedesca è sicuramente una della lingue più parlate al mondo, seconda soltanto all'inglese. Come per qialsiasi lingua, anche il tedesco si è evoluto nel corso degli anni. Ed ogni paese o regione ha il suo dialetto, ma ci sono delle regole...
Lingue

Tedesco: il doppio infinito

Il tedesco è la lingua ufficiale della Germania. Nonostante appartenga a questo paese la lingua viene parlata anche in altri Stati europei; inoltre è riconosciuta come lingua ufficiale, insieme all'italiano, anche in una nostra regione: in Trentino...
Lingue

Tedesco: il Plusquamperfekt

Il Plusquamperfekt, cioè più che perfetto, è un tempo verbale tedesco che corrisponde nella lingua italiana sia al trapassato prossimo che al trapassato remoto ed è composto dal preterito degli ausiliari sein e haben in unione al participio passato...
Elementari e Medie

Come usare i verbi modali in inglese

La conoscenza delle lingue straniere, oggi ha un importanza rilevante. Fin dalle scuole elementari, infatti il suo insegnamento è parte integrante dei programmi scolastici. In modo particolare l'inglese gode di un ottimo vantaggio rispetto alle altre...
Lingue

Francese: i verbi modali

Come in ogni lingua che si rispetti anche nel francese troviamo i verbi modali (anche detti servili), ed in questa guida vi saranno presentati i principali. Nel caso non vi ricordiate bene quali siano i verbi modali questo link vi rinfrescherà la memoria....
Lingue

Come usare i verbi modali may e must in inglese

L'inglese, come sappiamo, è la principale lingua parlata al mondo e per conoscerla bene, basta imparare le principali nozioni grammaticali. La grammatica inglese, infatti, è costituita da alcune semplici regole da assimilare per una corretta formulazione...
Lingue

Come usare il verbo modale can in inglese

La lingua inglese è da tempo la più utilizzata al mondo, ma anche difficile da usare. È universalmente riconosciuto come linguaggio globale, della rete, del commercio e dello scambio culturale. Anche l'Italia si è adeguata all'inserimento del suo...
Lingue

Tedesco: la costruzione di zu e l'infinito

Il tedesco è la lingua ufficiale della Germania ed è diffuso in diverse aree dell'Europa centrale. Molti studenti italiani percepiscono il tedesco come lingua ostica, principalmente perché presenta molti fonemi estranei alla lingua italiana. Anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.