Tedesco: i verbi di posizione

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il Tedesco è la lingua più parlata dopo quella inglese. La grammatica tedesca è semplice, piuttosto precisa e si incontrano meno difficoltà rispetto alla lingua inglese, al francese e allo spagnolo. Questa guida ha l'obiettivo di fornire, con una spiegazione semplice e sintetica, delle informazioni su alcuni verbi regolari transitivi: i verbi di posizioni. Questi ultimi sono accompagnati da svariate preposizioni. Generalmente la logica della lingua tedesca è un po' in contrasto con quella della lingua italiana; infatti, anche l'utilizzo dei tempi è leggermente diverso, ma questo non costituisce un reale problema.

25

Memorizzate le nozioni basilari

I verbi di posizione sono abbastanza utilizzati sia nella lingua parlata che nella lingua scritta. Per questo motivo è particolarmente importante memorizzare fin da subito le nozioni basilari, tenendo presente che i casi (Nominativo - Accusativo - Dativo - Genitivo) sono retti dagli stessi verbi e dalle seguenti preposizioni (AN - IN - AUF - NEBEN - UBER - VOR). È fondamentale sapere che i verbi di posizione sono detti anche verbi di "moto" e verbi di "stato". Essi infatti esprimono nel primo caso un movimento oppure un'azione che viene compiuta da una persona; mentre nel secondo caso esprimono la posizione, ovvero lo stato in cui si trova qualcuno o qualcosa.

35

Capite se si tratta di un complemento di "moto a luogo"

I verbi di posizione STEHEN/STELLEN (stare in posizione verticale e mettere in posizione verticale), LIEGEN/LEGEN (stare in posizione orizzontale e mettere sdraiato), SITZEN/SETZEN (stare seduto e mettere seduto), HAENGEN (mettere appeso e stare appeso), STECKEN (mettere infilato e stare infilato) si attengono alla coniugazione debole (Schwache Verben) e reggono sia il caso Accusativo (moto a luogo) che il caso Dativo (stato in luogo). Quando si ha davanti un pronome interrogativo (wohin?) è indispensabile riuscire a capire se si tratta di un complemento di "moto a luogo". I verbi di posizione al participio vanno accompagnati dal verbo ausiliare HABEN; quest'ultimo è un verbo quasi regolare.

Continua la lettura
45

Esercitatevi molto

A questo punto vi saranno forniti alcuni esempi pratici per cercare di spiegare in maniera abbastanza semplice la differenza che intercorre tra l'utilizzo di un verbo di posizione (SITZEN) con il caso Dativo e l'uso dello stesso verbo di posizione quando si utilizza il caso Accusativo: " DAS KIND SITZT AUF DEM BETT " (il bambino è seduto sul letto) . " DIE MUTTER SETZT DAS KIND AUF DEN BETT " (la mamma siede il bambino sul letto). Non vi resta che esercitarvi e con un po' di studio saprete padroneggiare la lingua tedesca.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Tedesco: la coniugazione dei verbi deboli

La coniugazione dei verbi deboli e i tempi verbali in generale sono tuttavia uno degli argomenti più semplici da affrontare quando si decide di studiare la lingua tedesca. Il tedesco non è una lingua semplicissima da studiare. Eppure, studiando bene...
Lingue

I verbi modali in tedesco

La presente guida sulle lingue fornirà alcuni consigli per comprendere esattamente i verbi modali in tedesco. Generalmente questa lingua viene considerata abbastanza difficile e complessa, per colpa delle numerose differenze con l'italiano. Bisogna anche...
Lingue

Tedesco: i verbi irregolari

In questa guida cercheremo di mettere bene a fuoco le caratteristiche principali dei verbi irregolari in tedesco, tenendo presenti alcuni consigli che ci permettano di impararli, individuarli e infine riconoscerli all'interno di un dato testo. Chiaramente...
Lingue

Tedesco: verbi con cambi di vocale

Il tedesco è una lingua difficile da imparare per noi italiani, per via non solo della sua pronuncia o della sua sintassi, così diversa dall'italiano perché mette il verbo principale della frase alla fine; ma anche per alcune eccezioni e difficoltà...
Lingue

Tedesco: verbi con prefisso separabile

Nel tedesco, sono molti i verbi con il prefisso separabile. Una peculiarità di questa lingua, infatti, consiste nel fatto che il prefisso di un verbo cambia totalmente il suo significato originale. Per questo è importante saperli distinguere ed utilizzare...
Lingue

Tedesco: i verbi reggenti preposizione

Nella lingua tedesca, la grammatica si costituisce di quattro casi: nominativo, genitivo, dativo ed accusativo. Ognuno di essi indica la specifica funzione di un vocabolo all'interno della frase. Per la costituzione dei complementi, il tedesco sfrutta...
Lingue

Tedesco: la coniugazione dei verbi al presente

Nel mondo globalizzato conoscere nuove lingue è fondamentale e il tedesco è una di queste. Le differenze grammaticali tra una lingua e l’altra possono rappresentare un ostacolo per chi intraprende questo percorso per cui lo studio approfondito e continuato...
Lingue

Tedesco: i verbi modali

Generalmente, in grammatica, i verbi modali o servili, hanno la funzione di precisare la relazione tra soggetto e verbo che ne consegue. Hanno anche il ruolo di esprimere senso di possibilità, obbligo, necessità, volontà, capacità e non vengono accompagnati...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.