Tedesco: i casi

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il tedesco è sicuramente una lingua complicata da imparare, sia per il costrutto grammaticale che per la pronuncia, che può essere molto diversa dalla nostra lingua italiana. Una delle sue più complicate implicazioni riguarda lo studio dei casi. Vediamo allora insieme come comprendere pienamente il costrutto grammaticale della lingua tedesca e dei suoi casi.

27

Occorrente

  • Pratica
  • Esercizi
37

Quali sono i casi nella lingua tedesca

In tedesco, la funzione dei casi, corrispondono all'analisi logica dell'italiano. I casi nella lingua tedesca sono quattro. Troviamo il caso nominativo, che rappresenta il soggetto, il caso accusativo, che esprime il complemento oggetto; il caso dativo, rappresentativo del complemento di termine ed, infine, il caso genitivo ovvero il complemento di specificazione.

47

Come funzionano gli articoli

La stessa cosa vale per gli articoli indeterminativi che per il genere maschile, femminile e neutro, diventeranno al nominativo ein, eine, ein; all' accusativo eine n, eine, ein; al dativo ein em, einer, einem; al genitivo eine s, einer, eines.

Per capire quale sia il caso adatto, potremmo porci mentalmente una domanda: nel caso dell'accusativo, questa domanda sarà "chi? Che cosa?", per il dativo "a chi? A che cosa?" e nel caso del genitivo corrisponderà a "di chi? Di che cosa?".
Facciamo un piccolo esempio: mettiamo di dover tradurre la frase "la mamma da una palla al bambino". Per iniziare individuiamo il soggetto della frase (la mamma); osservare il verbo dare e porsi quindi la domanda "dare che cosa?", successivamente pensare alla domanda "a chi la mamma da una palla?"
La frase correttamente tradotta sarà quindi Die Mutter gibt das Ball dem Kind.

Continua la lettura
57

Come declinare gli stati

Nella lingua tedesca gli articoli, i sostantivi, gli aggettivi ed i pronomi si declinano secondo il genere maschile, femminile oppure neutro. Naturalmente poi ci sarà il numero singolare o plurale. Anche per i casi possiamo applicare lo stesso concetto: secondo il caso, l'articolo corrispondente alla parola dovrà subire una modifica. Per capire meglio, un breve schema degli articoli in tedesco può essere il seguente: i corrispondenti articoli determinativi per il genere maschile, femminile, neutro e plurale, diventano al nominativo der, die, das e die; all' accusativo den, die, das e die; al dativo dem, der, dem e den; al genitivo des, der, des e der.

Ricordiamo bene infine che, al dativo plurale, tutti i sostantivi, ad esclusione di quelli terminanti in -n o in -s, prenderanno una desinenza finale in -n mentre al genitivo maschile e neutro, prenderanno la stessa in -s. Con un po' di pratica sarà semplice imparare tutte le eccezioni.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Con un po' di pratica riusciremo a fare la differenza tra i vari casi
  • Impariamo bene la pronuncia

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Tedesco: i pronomi personali

Studiare le lingue permette di scoprire diverse culture e approfondire la conoscenza con popolazioni diverse. Approcciarsi ad una nuova lingua richiede il saper alcune nozioni fondamentali per la costruzione delle frasi e per una corretta pronuncia. Il...
Lingue

Tedesco: le preposizioni che reggono l'accusativo

La difficoltà del tedesco risiede in due aspetti: i vocaboli e, soprattutto, i casi. La maggior parte delle persone ritiene che il tedesco sia una lingua difficile, ostica e complessa. Questo non è del tutto vero, realmente. Sotto tali punti di vista...
Lingue

Come scegliere un dizionario di tedesco

Il tedesco è una lingua ormai molto importante poiché la Germania offre allettanti opportunità di lavoro e di studio. Infatti, sono sempre di più le persone che lo studiano, sia seguendo dei corsi che da autodidatta. In entrambi i casi, per imparare...
Lingue

Consigli per imparare il tedesco

La conoscenza delle lingue estere è molto utile. Serve ad aprire i confini; e non soltanto quelli geografici. La mente si espande e le relazioni, di qualsiasi genere, si arricchiscono. Potrebbero essere professionali o prettamente di amicizia e di divertimento....
Lingue

Tedesco: i verbi reggenti preposizione

Nella lingua tedesca, la grammatica si costituisce di quattro casi: nominativo, genitivo, dativo ed accusativo. Ognuno di essi indica la specifica funzione di un vocabolo all'interno della frase. Per la costituzione dei complementi, il tedesco sfrutta...
Lingue

Appunti di tedesco commerciale

Il tedesco è una lingua molto complessa e difficile. La difficoltà sta principalmente nell'apprendere i fondamentali della grammatica ma anche nella pronuncia corretta delle parole. In moltissime scuole viene studiato il tedesco commerciale perché,...
Lingue

Tedesco: dizionario bilingue o monolingue

Acquistare un dizionario potrebbe sembrare la cosa più semplice di questo mondo, ma in realtà non è così. Dalla qualità del dizionario dipende successivamente la conoscenza della lingua straniera che ognuno riesce a farsi. Il dizionario inoltre esiste...
Lingue

Dieci motivi per studiare il tedesco

Una delle lingue più importanti e diffuse in Europa al giorno d'oggi è proprio il tedesco. Forse a un primo impatto sembrerà alle vostre orecchie un po' ostico, poco armonioso e fluente rispetto al bel francese o allo spagnolo eppure anche il tedesco...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.