Studio della derivata prima

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Furono principalmente Newton e Leibniz a sviluppare, indipendentemente l'uno dall'altro, i concetti fondamentali del calcolo integrale. I due matematici riuscirono a fondere il calcolo integrale con il secondo grande ramo dell'analisi: il calcolo differenziale.
Il concetto fondamentale del calcolo differenziale è quello di derivata. Come l'integrale, anche il concetto di derivata ha le sue origini in un problema geometrico: trovare la tangente a un punto di una curva. Tuttavia, a differenza dell'integrale, il concetto di derivata fu sviluppato piuttosto tardi.
Fermat, successivamente, nel tentativo di determinare la direzione della tangente a un punto arbitrario della curva, scoprì alcune delle nozioni fondamentale su cui si fonda lo studio della derivata prima.

24

Il metodo dello studio della derivata prima si basa sul principio che se la derivata prima è positiva, la funzione è crescente, mentre, se la derivata prima è negativa, la funzione è decrescente.
Per sapere se ci troviamo di fronte a uno dei due casi, occorre che noi troviamo il segno della nostra derivata.
Una volta posta la derivata maggiore di zero, possiamo avere di fronte tre casi: punto di massimo, punto di minimo o punto di flesso, orizzontale o verticale.

34

Nel concetto di derivata, si parte da una funzione f definita almeno su un intervallo aperto (a, b) sull'asse delle x. Si prende un punto fisso x su questo intervallo e si scrive il rapporto incrementalef (x+h)-f (x)/h
dove il numero h, che può essere positivo o negativo (ma non nullo), è tale che anche x+h si trovi nell'intervallo (a, b).
Ora facciamo tendere h a zero e vediamo come ciò si ripercuote sul rapporto. Se esso tende a un qualche valore limite determinato (il che implica che questo limite sia lo stesso quando h tende a zero sia attraverso valori positivi che attraverso valori negativi), allora tale limite prende il nome di DERIVATA DI F IN X e si indica con il simbolo f'(x) (letto ''f primo di x'').

Continua la lettura
44

Per fare ciò, dobbiamo calcolare la derivata prima della funzione; successivamente, poniamo la derivata uguale a zero e, in questo modo, troviamo la x.
Dopo aver fatto questo, calcolo la funzione di partenza nel punto in cui si trova la x. A questo punto, a meno che non ci siano errori di calcolo, avremo sicuramente un punto con un'ascissa e un'ordinata e valuto se è un massimo, un minimo o un flesso.
Poi, pongo la derivata prima maggiore di zero e calcolo per quale valore di x la derivata è positiva.
Infine, in base ai massimi, ai minimi e ai flessi, avrò un grafico per ogni funzione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare la derivata direzionale

Per gli studenti dei corsi di analisi matematica, materia già di per sé ardua e spesso di difficile comprensione, uno tra gli argomenti più ostici è sicuramente quello del calcolo differenziale o infinitesimale. Esso studia il come si comporta localmente...
Università e Master

Come svolgere uno studio di funzione in 2 variabili

Quanti di noi, all'università, sono incappati in una funzione matematica a più variabili? Magari è proprio lo studio di quest'ultima che vi ha impedito di superare l'esame di Analisi Matematica 2 e siete disperati perché non riuscite in nessun modo...
Università e Master

Come trovare il giusto metodo di studio

All'interno della presente guida, andremo a occuparci di studio. Lo faremo, come abbiamo già indicato chiaramente nel titolo che accompagna la guida stessa, per addentrarci su una tematica che ritengo essere d'importanza fondamentale: il metodo di studio....
Università e Master

Come ottenere una borsa di studio per l'estero

Andare a studiare all'estero rappresenta una delle opportunità più belle che possano capitare ad uno studente. Lo studio all'estero permette infatti di raggiungere ampi livelli di istruzione nonché di dare la possibilità agli studenti di imparare...
Università e Master

Come richiedere una Borsa di Studio per l'Università

All'interno della presente guida, andremo a occuparci di università. Entrando più nello specifico, ci occuperemo di borse di studio. Infatti, come avrete letto nel titolo che accompagna questa guida, ora andremo a spiegarvi Come richiedere una borsa...
Università e Master

Borsa di studio: come richiederla

Una volta effettuata l'iscrizione presso l'Università, ed aver versato le tasse necessarie ad avviare la procedura di inserimento nel percorso di laurea scelto, verrete sicuramente informati circa l'esistenza di Borse di Studio pensate appositamente...
Università e Master

5 trucchi per organizzare lo studio di una materia

Trovare un buon metodo per organizzare lo studio può essere certamente un modo per semplificare di molto una materia. Ognuno ha un proprio metodo, con cui si trova meglio, tuttavia esistono alcuni trucchi più universali che si adattano ad ognuno di...
Università e Master

Come organizzare lo studio in vista degli esami

La fase iniziale di preparazione allo studio di una materia d'esame è quella più delicata e importante. È infatti in questa fase che si gettano le basi delle proprie conoscenze, e quindi della buona riuscita dell'esame. Sapere di avere organizzato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.