Studio della derivata prima

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Furono principalmente Newton e Leibniz a sviluppare, indipendentemente l'uno dall'altro, i concetti fondamentali del calcolo integrale. I due matematici riuscirono a fondere il calcolo integrale con il secondo grande ramo dell'analisi: il calcolo differenziale.
Il concetto fondamentale del calcolo differenziale è quello di derivata. Come l'integrale, anche il concetto di derivata ha le sue origini in un problema geometrico: trovare la tangente a un punto di una curva. Tuttavia, a differenza dell'integrale, il concetto di derivata fu sviluppato piuttosto tardi.
Fermat, successivamente, nel tentativo di determinare la direzione della tangente a un punto arbitrario della curva, scoprì alcune delle nozioni fondamentale su cui si fonda lo studio della derivata prima.

24

Il metodo dello studio della derivata prima si basa sul principio che se la derivata prima è positiva, la funzione è crescente, mentre, se la derivata prima è negativa, la funzione è decrescente.
Per sapere se ci troviamo di fronte a uno dei due casi, occorre che noi troviamo il segno della nostra derivata.
Una volta posta la derivata maggiore di zero, possiamo avere di fronte tre casi: punto di massimo, punto di minimo o punto di flesso, orizzontale o verticale.

34

Nel concetto di derivata, si parte da una funzione f definita almeno su un intervallo aperto (a, b) sull'asse delle x. Si prende un punto fisso x su questo intervallo e si scrive il rapporto incrementalef (x+h)-f (x)/h
dove il numero h, che può essere positivo o negativo (ma non nullo), è tale che anche x+h si trovi nell'intervallo (a, b).
Ora facciamo tendere h a zero e vediamo come ciò si ripercuote sul rapporto. Se esso tende a un qualche valore limite determinato (il che implica che questo limite sia lo stesso quando h tende a zero sia attraverso valori positivi che attraverso valori negativi), allora tale limite prende il nome di DERIVATA DI F IN X e si indica con il simbolo f'(x) (letto ''f primo di x'').

Continua la lettura
44

Per fare ciò, dobbiamo calcolare la derivata prima della funzione; successivamente, poniamo la derivata uguale a zero e, in questo modo, troviamo la x.
Dopo aver fatto questo, calcolo la funzione di partenza nel punto in cui si trova la x. A questo punto, a meno che non ci siano errori di calcolo, avremo sicuramente un punto con un'ascissa e un'ordinata e valuto se è un massimo, un minimo o un flesso.
Poi, pongo la derivata prima maggiore di zero e calcolo per quale valore di x la derivata è positiva.
Infine, in base ai massimi, ai minimi e ai flessi, avrò un grafico per ogni funzione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Dimostrazione della continuità di una funzione derivabile

La funzione è una applicazione matematica formata da x argomento o valore della variabile indipendente detto dominio della funzione e y valore della variabile dipendente, detto condominio della funzione. In esami o compiti in classe, spesso capita agli...
Superiori

Come si studia la crescenza di una funzione

La matematica rappresenta senza dubbio una delle materie più complesse che ci siano. Non tutti infatti riescono ad imparare correttamente tutte le formule e le regole di cui essa è caratterizzata. Nella seguente guida in particolare verrà dunque spiegato...
Superiori

Come trovare i punti di flesso di una funzione

In Analisi Matematica, lo studio di funzione è una delle operazioni fondamentali per studiare il comportamento di qualunque funzione, che sia lineare, esponenziale o trigonometrica. Consta di vari passaggi che vanno eseguiti secondo un certo ordine,...
Superiori

Come calcolare la derivata di una funzione goniometrica

La derivata di una funzione è una parte fondamentale dei programmi di matematica dei licei e un tassello imprescindibile per l'esame di analisi dell'università. Generalmente non si hanno troppi problemi con le funzioni classiche con l'incognita x e...
Superiori

Come risolvere i problemi di massimo e minimo con le derivate

Se dovete risolvere problemi relativi alle derivate, riguardanti il massimo e minimo di una funzione, questo tutorial vi aiuterà nell’intento. Il concetto è abbastanza macchinoso, ma con l’adeguata applicazione e il giusto apprendimento delle nozioni...
Superiori

Appunti matematica: studio della funzione a una variabile

Si avvicina il tempo degli esami e diventa opportuno fare un po' di ripasso dei principali argomenti di matematica. Un argomento che vediamo spesso nelle prove di esame è quello dello studio di funzione, dove, partendo da un'equazione data, lo studente...
Superiori

Come trovare la derivata di una funzione

Un concetto che mette in difficoltà molti studenti che si approcciano allo studio della funzione è sicuramente quello di derivata. La derivata, infatti, è inizialmente difficile da contestualizzare all'interno della funzione, poiché è collegata ad...
Superiori

Come calcolare la derivata di una funzione logaritmica

Sappiamo bene che per fare uno studio di funzione dobbiamo per forza calcolare la sua derivata. Finché si studiano le funzioni classiche con l'incognita x e y, pare che gli studenti non abbiano troppi problemi. Quando invece l'incognita diventa un esponente,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.