Storia: lo sviluppo del nazismo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Nei passaggi che compongono la guida che segue vi saranno spiegate le dinamiche che hanno condotto la nostra civiltà ad uno dei momenti più cupi e terrificanti della storia umana: lo sviluppo del Nazismo. Nell'anno 1920, il Partito operaio tedesco si trasformò in un piccolo Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori Tedeschi, il cui membro più influente era l'austriaco Adolf Hitler e il suo programma consisteva nella rimozione del marxismo, del liberalismo economico e della democrazia. Secondo l'ideologia di questo movimento politico esistevano delle razze umane superiori aventi il diritto d'espandersi a livello territoriale ed alcune razze inferiori che dovevano dissolversi o rassegnarsi al grado di servi.

26

Occorrente

  • Appunti di storia
36

Il massimo esponente fu Adolf Hitler

La razza ebrea rappresentava la sommatoria di tutti i mali della Germania ed era ritenuta come una lebbra sociale da sradicare. Anche la democrazia veniva considerata un male: per l'ideologia dei nazisti, la gerarchia era un fatto naturale e, quindi, doveva esistere qualcuno che impartisse degli ordini a qualcuno che si limitasse ad obbedire. Da qui è possibile comprendere l'enorme importanza attribuita dai nazionalsocialisti ai valori dell'obbedienza e della fede nel "Fuhrer" (capo supremo) prescritti alle masse, ed alla propaganda ideologica verso quest'ultime.

46

Adolf Hitler specificò i propri ideali nel libro "Mein Kampf"

Gli ideali antisemiti e antidemocratici facevano molta presa in Germania ed erano maggiormente antichi del Nazismo. Nell'anno 1923, quando Adolf Hitler cercò di conquistare il potere politico mediante un colpo di Stato, il Partito Nazionalsocialismo dei Lavoratori Tedeschi era ancora di dimensioni eccessivamente modeste affinché l'impresa ardua potesse riuscire effettivamente. Arrestato ed incarcerato per circa 12 mesi, Adolf Hitler specificò i propri ideali nel libro "Mein Kampf": il carcere e l'esempio di Benito Mussolini, lo persuasero alla rinuncia dei metodi violenti per la scalata al comando, almeno apparentemente.

Continua la lettura
56

I nazisti diventarono il primo partito politico tedesco

Nell'anno 1929 la terrificante crisi economica regalò milioni di voti ai nazionalsocialisti, mentre Adolf Hitler arrivò secondo alle elezioni presidenziali del 1932, che furono vinte da Paul von Hindenburg. Nelle elezioni per il Palazzo del Reichstag del medesimo anno, però, i nazisti diventarono il primo partito politico tedesco. Nel 1933, successivamente alle complicate vicende politiche, Paul von Hindenburg nominò Adolf Hitler come cancelliere federale della Germania. Pertanto, il Nazismo era purtroppo giunto al potere e cominciava così la storia dell'ideologia più traumatizzante che l'essere umano abbia mai vissuto, sotto la protezione di una finta democrazia.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercate di comprendere i meccanismi che portarono il nazismo a salire al potere.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Il Nazismo in pillole

Con i suoi 55 milioni di morti, la Seconda Guerra Mondiale viene definita come il più grande conflitto armato della storia. Le cause che la scatenarono furono molteplici, ma la principale fu senza dubbio l'aggressiva politica espansionistica di Hitler,...
Superiori

Storia: la caduta del Nazismo

La storia del Novecento ha risentito molto degli intrecciati e strategici giochi di potere, che hanno caratterizzato poi, in modo inesorabile, tutto il panorama europeo e mondiale del tempo. Importanti variazioni sullo stato economico, modificazioni sociali...
Superiori

I totalitarismi nel Novecento

Il termine totalitarismo utilizzato in ambito storico o politico sta ad indicare le caratteristiche di molto regimi dittatoriali sorti durante il Novecento. Malgrado ogni nazione abbia avuto il suo tipo particolare di totalitarismo e le sue figure autoritarie,...
Superiori

la seconda guerra mondiale in pillole

In questa breve guida vi illustrerò brevemente la Seconda Guerra Mondiale, dividendo i fatti di primaria importanza in pillole, affrontando le diverse tematiche del conflitto e in particolare le politiche espansionistiche.Partiamo dal presupposto che...
Superiori

Storia: l'età dei totalitarismi

Tra le tante culture che deve avere una persona nella vita o col tempo assumere, è quella riguardante la Storia: L'età dei totalitarismi. Le caratteristiche comuni dei totalitarismi sono il culto del leader, la presenza del partito unico, controllo...
Elementari e Medie

Le principali cause della seconda guerra mondiale

Gli anni che intercorrono tra il 1939 e il 1945 vedono il contesto mondiale macchiarsi delle indelebili tracce del conflitto più grande nella storia dell'uomo.  Nel testo che segue troverete una breve rassegna delle cinque principali cause che hanno...
Superiori

"1984" di George Orwell in pillole

Uno dei romanzi più famosi del celebre scrittore George Orwell è senza dubbio "1984". Si tratta di un un classico della letteratura straniera, e molto spesso è oggetto di studio e approfondimento nelle scuole superiori. Con questa guida vogliamo consegnarvi...
Superiori

Come fare un tema sul diario di Anna Frank

Il tema scolastico viene affidato agli studenti per valutarne le capacità lessicali e riassuntive. Inoltre, contribuisce a sviluppare riflessioni profonde su un argomento storico oppure d'attualità. Per uno svolgimento corretto, devi seguire una scaletta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.