Storia: le dieci giornate di Brescia

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le dieci giornate di Brescia furono uno degli avvenimenti chiave degli anni successivi alla guerra d'indipendenza del 1848. Le dieci giornate di Brescia furono appunto sintomo della rivolta della popolazione contro l'oppressione austriaca e, senza dubbio, segnarono la storia del 1849 e della resistenza italiana. La resistenza popolare della popolazione bresciana diede il titolo alla città di Brescia di "Leonessa d'Italia". Seguite attentamente i passi di questa interessante guida dove vi saranno fornite delle utili informazioni di storia sulle dieci giornate di Brescia.

27

I Bresciani insorsero cercando di difendere la città

I Bresciani iniziarono l'insurrezione dopo che il maresciallo Radetzky lasciò le città di Milano e Como, ma andandosene lasciò un piccolo presidio all'interno della città di Brescia. Il 23 marzo 1849 i Bresciani con a capo il coraggioso Tito Speri insorsero e cercarono di difendere la città. La lotta e la resistenza da parte del popolo durò per ben dieci giorni, sino al 1° aprile 1849.

37

Inizialmente i combattimenti si svolsero fuori dalla città

Le dieci giornate di Brescia furono purtroppo un insuccesso per gli italiani, i quali dovettero cedere alla resistenza austriaca. Le dieci giornate ebbero inizio per un presunto debito dei bresciani nei confronti degli austriaci. La città di Brescia insorse e scese in piazza e, proprio da qui iniziarono le rivolte in tutta la città, con il contrattacco e l'assedio da parte degli austriaci durante il secondo giorno. Inizialmente i combattimenti si svolsero fuori dalla città, ma nei giorni seguenti purtroppo gli austriaci arrivarono fino al centro della città, con moltissime perdite sia in campo militare che in campo culturale.

Continua la lettura
47

La rivolta proseguì all'interno del centro storico

Gli austriaci dopo i primi bombardamenti cercarono utili rinforzi in Italia, tra gli alleati, per fermare i rivoltosi bresciani. Si affidarono così alle truppe del generale Nugent, che subito inviò mille uomini a Brescia per cercare di fermare la ribellione. Le truppe mantovane e gli insorti bresciani si scontrano così nuovamente ed i mantovani alleati dell'Austria chiesero alla città di Brescia di placare questa insurrezione. I fatti ebbero un altro epilogo. Infatti la rivolta proseguì all'interno del centro storico e nei giorni successivi vi fu la distruzione di moltissimi monumenti storici tra cui il Duomo e la Loggia, due simboli della città di Brescia.

57

I Bresciani si riunirono per la resa incondizionata

Negli ultimi giorni la situazione per Brescia peggiorò ulteriormente, dopo l'arrivo da Padova di altre truppe austriache. Fu così che nella notte tra il nono ed il decimo giorno, dopo altre perdite e distruzioni, i bresciani si riunirono e si misero d'accordo per la resa incondizionata. Durante il decimo giorno, ciononostante, gli austriaci continuarono barbaramente i saccheggi e le distruzioni all'interno della città, ormai capitolata.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come studiare la storia

Se si incontrano delle difficoltà nello studio della storia perché è difficile ricordare date, nomi di battaglie, generali e politici non bisogna disperare in quanto esiste una soluzione per tutto. La storia è molto importante; essa permette di conoscere...
Elementari e Medie

I principali errori in un tema di storia

Quando si scrive su di un qualunque argomento non è mai così semplice come appare. Infatti capita molte volte di conoscere bene il fatto da descrivere, ma nel momento in cui le idee o i ricordi devono essere espressi con la scrittura, i dubbi e le incertezze...
Elementari e Medie

Come aiutare i bambini a studiare storia

Aiutare i bambini a studiare ed a svolgere i compiti per la scuola non è sempre necessario: alcuni bambini riescono, fin dai primi anni della scuola elementare, a sviluppare un proprio, semplice metodo di studio, con il supporto e le direttive dell'insegnante....
Elementari e Medie

Come inventare una storia fantastica

Quello fantastico è un genere letterario che ci concede una moltitudine di libertà a livello narrativo. Il contenuto di un racconto di questo tipo può prevedere una serie di elementi irreali e paradossali che compongono una storia misteriosa e magica....
Elementari e Medie

Come memorizzare una lezione di storia

Studiare non è di certo un compito semplice, ma nonostante tutto si tratta di un impegno con cui tutti voi avrete dovuto fare i conti almeno una volta nella vita. Come ben saprete non si finisce mai di imparare, e dunque di studiare, al fine di imparare...
Elementari e Medie

I 10 papi più influenti della storia

Nel corso della storia della Chiesa si sono succeduti centinaia di papi (ben 266!) che, nel bene o nel male, hanno influito a volte in profondità nel decorrere degli eventi dell'uomo. Papi che sono stati in grado di creare un rapporto molto forte con...
Elementari e Medie

Come insegnare la storia ai bambini

L'insegnamento può essere qualcosa di gratificante, se poi ciò viene fatto con i propri figli lo diventa ancora di più ed è una di quelle esperienze di vita che di certo non si dimenticano facilmente. La curiosità e l'essere svegli sono tra le qualità...
Elementari e Medie

Storia: i barbari

Il termine barbari ha assunto nel corso della storia, diversi significati. In Grecia, per esempio, era riferito a quelle persone che parlavano la lingua in un modo un po' impacciato, quasi balbettando, senza alcuna connotazione dispregiativa. Nell'impero...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.