Storia: le caratteristiche dell'Homo Habilis

Tramite: O2O 10/03/2019
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nella storia degli ominidi, l'Homo Habilis è l'antenato del genere Homo che ha succeduto l'australopiteco. Vissuto in Africa Orientale e in Sud Africa più di 2 milioni di anni fa, presenta delle interessanti caratteristiche evolutive rispetto al suo predecessore. In questa guida, vi forniremo utili indicazioni a riguardo. Vi diremo come viveva e che cibo preferiva. Soprattutto, vi illustreremo perché ha meritato il nome di Habilis (dal latino "abile") e quali strumenti era in grado di creare ed utilizzare. Allora, che aspettate? Andate avanti con la lettura della guida, per saperne di più!

26

Come viveva

L'Homo Habilis amava vivere in piccoli gruppi di circa 25/30 elementi, che mostravano già una predisposizione all'organizzazione sociale. Il maschio, infatti, era solito dedicarsi alla difesa territoriale. Cacciava le prede e le divideva con il resto dei compagni. Il compito delle femmine, invece, consisteva nel raccogliere i frutti della terra. Inoltre, accudivano e crescevano la prole con dedizione.
Solitamente, l'Homo Habilis viveva in grotte, rifugi naturali o sugli alberi, dedicandosi ai propri doveri. Era anche in grado di costruire dei grossolani ricoveri di fortuna.

36

Cosa mangiava

L'Homo Habilis amava molti generi di cibo. Era onnivoro, come il suo predecessore. Sicuramente si nutriva di carne, dato l'assottigliamento e l'usura rilevati sui ritrovamenti di alcune arcate dentali.
Consumava pesce e uova, tutto rigorosamente crudo, dal momento che non conosceva ancora l'uso del fuoco. Mangiava regolarmente anche piante, bacche e frutti.

Continua la lettura
46

Cosa lo ha reso più evoluto

A differenza dell'Homo australopiteco, l'Homo Habilis era in grado di muoversi in posizione eretta, poggiandosi agilmente sulle due gambe. Inoltre, accurati studi hanno evidenziato un elevato aumento della capacità cerebrale. Aveva un volume cranico pari a circa 750 cm³. Grazie a questa evoluzione della morfologia cranica, l'Homo Habilis era in grado di lavorare la pietra e costruire oggetti. Si trattava di semplici manufatti, i cosiddetti "chopper preistorici", sassi rozzamente scheggiati, che avevano lo scopo di aiutarlo a tagliare ed incidere. Con una pietra che fungeva da percussore, ne incideva un'altra longitudinalmente, così da ottenere un margine tagliente e poterlo usare per uccidere le prede, o tagliare il cibo.
L'Homo Habilis scomparve definitivamente circa un milione e mezzo di anni fa, lasciando il posto all'Homo erectus che, dall'Africa, si spostò gradualmente anche in Asia ed Europa.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per comprendere in maniera dettagliata la storia delle origini del genere Homo, consigliamo di studiarne accuratamente le fasi evolutive
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

5 caratteristiche dell’Homo Erectus

Nell'antropogenesi, ovvero nella storia dell'evoluzione umana, vediamo l'Homo Erectus come l'uomo anatomicamente moderno che circa 2 milioni di anni fa cominciò la sua diffusione in tutto il mondo migrando in tutti i vari continenti in cerca di condizioni...
Elementari e Medie

Storia: l'Homo Erectus

Nella storia dell'evoluzione dell'uomo, dalla scimmia all'attuale Homo Sapiens Sapiens, gli antropologi hanno individuato tutta una serie di stadi intermedi ove pian piano si perdevano delle caratteristiche degli ominidi acquistandone delle nuove. Questa...
Elementari e Medie

5 caratteristiche dell’Homo Sapiens

Ci sono tantissime teorie su come l'Homo Sapiens abbia avuto origine sul nostro pianeta. Una delle più accreditate è quella secondo la quale l'Homo Sapiens si sia evoluto in Africa, circa 125 mila anni fa. Oltre a questa teoria ne troviamo un'altra,...
Elementari e Medie

Storia: i primi ominidi

Il termine "ominidi", nella sua concezione moderna nella storia dell'uomo, indica una famiglia di grandi scimmie che abbraccia, oltre alcune specie di uomini preistorici ormai estinti, anche gli scimpanzé, gli oranghi e i gorilla. Vengono appunto classificati...
Elementari e Medie

Il neolitico: le caratteristiche

Il termine neolitico, che letteralmente vuol dire età della pietra, abbraccia un periodo storico che va dal 12.000 A.C. Al 7.500 A.C. Con notevoli differenze in base alle zone geografiche. Periodo preistorico successivo al paleolitico, assume una notevole...
Elementari e Medie

Le caratteristiche dei liquidi

I liquidi fanno parte di uno degli stati della materia, insieme ai gas e ai solidi. Ognuno di loro possiede delle specifiche caratteristiche, che si riferiscono alla possibilità dei loro atomi di spostarsi, di trasformarsi in altri stati della materia,...
Elementari e Medie

Scuola primaria: le caratteristiche del mito

Nella scuola primaria, racconti quali il mito e la leggenda, vengono spiegati attraverso quelle che sono le loro caratteristiche e differenze. In questo articolo esamineremo da vicino il mito (in greco, mythos), inteso come quella parte fantastica di...
Elementari e Medie

Fasi e caratteristiche della Preistoria

Con il termine Preistoria si indica il periodo che va dalla comparsa della specie umana sulla Terra fino a quando l'uomo inventa la scrittura. Durante la preistoria l'uomo modifica progressivamente il suo aspetto e sviluppa sempre di più le proprie capacità....