Storia: la schiavitù negli USA

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La schiavitù in Usa consisteva nell'approvvigionamento di manodopera acquistata in Africa; infatti, gli schiavi venivano impiegati per lavorare la terra e raccoglierne i frutti come il cotone, nelle piantagioni e nelle colonie, senza essere retribuiti. Venivano completamente isolati da ciò che avveniva al di fuori delle piantagioni, perché affacciarsi al mondo esterno li avrebbe potuti portare al confronto tra di loro e allo scambio di opinioni. Lavoravano circa 15 ore al giorno in estate e 14 in inverno, avevano un solo giorno di riposo, la domenica. Dovevano obbedire solennemente ai padroni e nel Nord Carolina chi non rispettava le leggi veniva frustato o addirittura ucciso. Seguite attentamente questa guida che vi parlerà della storia della schiavitù negli USA.

25

Generalmente la maggior parte degli schiavi erano africani neri e la loro vita apparteneva ai bianchi che li avevano acquistati. Lo schiavismo prese piede soprattutto in zone con terreni fertili dove si praticava la piantagione di tabacco, cotone, zucchero e caffè; in queste piantagioni gli schiavi aravano i campi e si occupavano del raccolto e, il loro lavoro era supervisionato dai sorveglianti che, anche tramite la violenza, si assicuravano che gli schiavi rendessero il più possibile.

35

Tuttavia, lo schiavismo non è sempre stato però di possesso. Inizialmente nelle colonie si usava una sorta di schiavitù debitoria: si prevedeva un contratto di lavoro e i servitori lavoravano fino ad estinguere il debito nei confronti del loro padrone (che poteva consistere nella somma che aveva pagato per acquistarli, o nella somma che era stata necessaria per farli giungere in America dall'Africa). Una volta estinto il debito il servitore era libero. Ma tra il 1680 e il 1700 lo schiavo iniziò a prendere il posto del servo e il bianco iniziò a stabilire la sua predominanza sulla razza nera, stabilendo quindi che la schiavitù era di tipo razziale.

Continua la lettura
45

Tra il 1770 e il 1860, gli schiavi, infatti, iniziavano ad opporsi alla schiavitù attraverso la ribellione e non collaborazione nei lavori; molti cercarono di fuggire negli stati dove la schiavitù era stata ormai abolita per riconquistare la libertà. La questione morale che ormai circondava lo schiavismo portò alla Guerra di secessione americana che con la vittoria degli Stati dell'Unione, contrari, la schiavitù venne abolita in tutti gli Stati Uniti d'America con il tredicesimo emendamento della Costituzione. L'acquisizione della libertà da parte degli schiavi neri, coincide con la Dichiarazione di emancipazione che venne pronunciata dal presidente Lincoln il giorno 1 gennaio 1863. Dopo circa 2 lunghi anni e, precisamente il 18 dicembre 1865, arriva il processo di liberazione degli schiavi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Il sistema nervoso negli animali

La sopravvivenza di ogni organismo dipende dal suo adattamento a vivere in un determinato ambiente, a rispondere agli stimoli che da esso provengono e ad adeguarsi alle variazioni sia esterne e sia interne all'organismo stesso. Con il termine stimolo...
Superiori

Storia: breve guida alla storia della pirateria

La guida che seguirà si concentrerà nel racconto della storia della pirateria, in quanto vi offrirà una breve sintesi su questo argomento interessante. Possiamo dire che i pirati siano dei personaggi che appartengono per lo più a racconti di fantasia,...
Superiori

Storia della radio

Come è nata la radio e qual è la sua storia? La radio è stata uno dei primi mezzi di comunicazione per l'uomo ed ha permesso la trasmissione di contenuti sonori da una parte all'altra del pianeta. Due apparecchi radio, infatti, erano, e lo sono tutt'ora,...
Superiori

Appunti di storia: l'epoca vittoriana

L'epoca vittoriana si riferisce al periodo in cui regnò la regina Vittoria; fu un lungo periodo di pace, di sensibilità raffinata e di nazionale auto-fiducia per la Gran Bretagna. Alcuni studiosi datano l'inizio dell'epoca vittoriana in termini di preoccupazioni...
Superiori

Storia: la Guerra del Vietnam

Agli inizi degli anni '60 per il presidente John Kennedy, la preoccupazione principale era quella di non perdere il Vietnam come era successo con la Cina. Da anni gli Stati Uniti, lottavano contro l'espansione del Comunismo da parte dell'Unione Sovietica....
Superiori

Storia: la repubblica romana

Per storia della Repubblica Romana si intende il periodo storico in cui la forma di governo adottata da Roma fu la Repubblica. Tale periodo storico va dal 509 a. C. fino al 31 a. C., quando Ottaviano diede inizio all'Impero. Prima di quell'evento già...
Superiori

Come Organizzare Un Ripasso Di Storia Durante Il Periodo Estivo

Se durante il periodo estivo è necessario ripassare una materia dove nel corso dell'anno scolastico c'è stata una vistosa lacuna, ed in particolare la storia, bisogna saper organizzare il programma in modo da comprenderlo al meglio, e soprattutto farlo...
Superiori

Storia della Juventus

Tra le più importanti squadre calcistiche italiane un posto speciale spetta senza dubbio alla Juventus. La Juventus è infatti una delle squadre italiane più titolate, con 31 scudetti e 2 Champions League. La squadra è legata al nome della famiglia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.