Storia: la "Questione meridionale"

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La storia dell'Italia è piena di eventi tragici ed importanti che hanno segnato dei momenti fondamentali nella storia del nostro paese, e hanno contribuito a creare l'identita' dell'Italia attuale.
Tra gli eventi che più importanti possiamo ricordare certamente la Questione meridionale. Nella storia, il termine "Questione meridionale" viene usato alcuni anni dopo l'Unità d'Italia, precisamente nel 1873 dal deputato Antonio Billia. Si riferisce alla situazione economica del sud in confronto al resto d'Italia. In quest'articolo approfondiremo quindi l'argomento della questione meridionale dall'Unità ai giorni nostri. Attraverso pochi e semplici passaggi illustreremo i momenti importanti che hanno segnato in maniera indelebile questo periodo.

24

Annessione del Piamonte

All'atto di annessione al Piemonte delle province che erano state del Regno delle due Sicilie al nuovo Regno dell'Italia Unita, lo Stato portò un sistema Statale avverso al popolo fatto perlopiù di sfruttamento dell'agricoltura. Ne uscivano favoriti non il popolo ma i proprietari di feudi nonché la borghesia e anche la Chiesa. Questo fece precipitare la situazione. Inoltre il popolo era costretto a subire una vera e propria occupazione militare nonché un aumento considerevole delle tasse. Fu cosi che da una parte nacque la prima emigrazione italiana per la maggior parte diretta in Brasile e in Argentina, e da un'altra parte presero vita fenomeni che ancora oggi sono il fardello dell'Italia intera: il brigantaggio prima e la mafia e la camorra poi.

34

Investire nel Sud

Cosi il Sud che da secoli era la culla della cultura con province di alto valore storico come Napoli, era diventato la parte più arretrata dell'Italia, non solo economicamente ma anche sotto un profilo culturale del popolo. Molti studiosi e uomini politici denunciarono il problema. Tra questi P. Villari e S. Sonnino. Essi avevano l'intento di convincere il governo ad investire di più nel sud anche dal punto di vista infrastrutturale. Il sud infatti era non solo arretrato culturalmente a causa della bassa scolarizzazione ma aveva un sistema basata quasi unicamente sull'agricoltura. E ancora, mentre al nord, per quanto riguarda le terre si cercava di favorire la media e piccola proprietà, al sud si faceva il contrario cioè erano sempre gli stessi grandi proprietari terrieti che si ingrandivano sfruttando la manodopera di gente pressapoco analfabeta. La questione meridionale è stata sollevata anche da Antonio Gramsci nell'omonimo libro. Dal punto di vista culturale, per il Sud, però bisogna fare un discorso a parte, infatti mentre nel Nord la borghesia aveva trovato un po' di terreno, diversamente è accaduto nel Sud, dove vigeva ancora una forte disparità tra l'aristocrazia ed il popolo, non solo economica ma anche a livello d'istruzione; quindi pur avendo eccellenti menti, queste non trovavano appoggio poiché la gran parte dei lettori era la piccola elitè di aristocratici; a differenza degli altri paesi dove si aveva un pubblico borghese, che era già ben inserito nel contesto sociale.

Continua la lettura
44

La questione meridionale oggi

Oggi purtroppo la questione meridionale è ancora attuale anche se sono cambiati alcuni connotati. Possiamo ammettere che molte risorse sono state stanziate ma fenomeni criminali come la 'ndrangheta, la camorra o la mafia spesso se ne sono appropriati prima che si ci potesse fare qualcosa. Come non citare i soldi stanziati per la ricostruzione dopo il terremoto in Irpinia nei primi anni '80 che non sono mai arrivati a destinazione costringendo le persone a vivere nei container ancora 30 anni dopo. Possiamo parlare anche dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria che è in uno stato pietoso a causa delle 'ndrine. Il Sud purtroppo presenta ancora dei caratteri un po' più arretrati rispetto al Nord, che è molto più industrializzato, inizialmente questo prima che l'Italia venisse unificata aveva una disponibilità economica di gran lunga maggiore. Oggi come oggi mentre per certi aspetti il Sud ha raggiunto i livelli del Nord, per altri rimane un po' al "antica".
La Questione Meridionale è una fase molto importante per capire i fatti che hanno reso il Sud Italia la parte di paese che è ora. Studiare e capire la storia del nostro paese è importante per poter poi prendere le decisioni migliori ed imparare dagli errori passati. Attraverso questa guida avete avuto qualche accenno su un argomento piuttosto delicato, che potrete decidere di approfondire per conto vostro con qualche ricerca in più su internet o su qualche libro. Vi auguro quindi buono studio.
Alla prossima.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.