Storia: la prima guerra d'indipendenza in Italia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

1848. La storia della prima guerra d'indipendenza in Italia inizia con l'insurrezione dei democratici e repubblicani italiani, a seguito della notizia della caduta di Metternich e dei fatti di Vienna. Venezia si ribellò agli austriaci il 17 marzo, Milano il 18. Il 23 marzo, il re Carlo Alberto Savoia mise in campo, contro l'Austria, il peso della media potenza su cui regnava. La situazione era però meno rosea di quanto sembrasse. A Milano, liberata dopo cinque giornate di combattimenti, il governo provvisorio era di stampo moderato e caldeggiava un intervento sabaudo per evitare estremismi democratici.

27

Occorrente

  • Un buon libro di storia
37

Carlo Cattaneo si espresse a favore di una lotta di indipendenza che prescindesse dai Savoia, nei quali egli vedeva sostanzialmente dei conquistatori. Mazzini si disse pronto ad accantonare gli ideali repubblicani a favore della battaglia unitaria. A Venezia era stata proclamata la Repubblica. Da parte sua, Carlo Alberto non intendeva aiutare i democratici e i repubblicani e aveva atteso di essere formalmente invitato a intervenire dal governo milanese. L'Italia andava mobilitandosi. Mentre affluivano a Venezia e Milano volontari da molte regioni italiane, il re del Regno delle Due Sicilie, il papa e il Granduca di Firenze inviarono le proprie truppe per la causa nazionale. In Italia giunse persino una legioni di polacchi, a testimonianza della solidarietà internazionale tra i popoli che si battevano per la libertà.

47

La prima fase della guerra di indipendenza fu democratica; con l'intervento dei sovrani di Roma, Firenze e Napoli si era entrati nella fase federalista e neoguelfa. La politica di Carlo Alberto fu delle peggiori. Non volendo alimentare gli ideali democratici, scoraggiò l'afflusso dei volontari e rifiutò perfino i servigi del più grande generale italiano, Garibaldi. Il re seppe anche alienarsi la simpatia degli altri sovrani italiani. Da un lato cercò di procedere immediatamente alla fusione della Lombardia e del Veneto al suo regno; dall'altro, spingeva per una diretta alleanza militare con Roma, Napoli e Firenze. I regnanti delle tre città non intendevano combattere una guerra al solo scopo di ingrandire il Regno di Sardegna. Il papa si trovava a combattere contro la cattolicissima Austria. Alla luce di tali prospettive, Carlo Alberto si ritirò dalla lotta, seguito dal Granduca di Toscana.

Continua la lettura
57

A Napoli si segnalavano rivolte contadine e fermenti liberali, mentre ancora una volta la Sicilia era insorta, proclamando la propria secessione dal regno. Anche il re di Napoli uscì dal conflitto, per dedicarsi ai problemi interni. Tutto il peso della guerra gravava sull'esercito piemontese, preparato, ma non abbastanza da contrastare uno dei maggiori imperi del mondo. Il 29 maggio gli studenti toscani si sacrificarono eroicamente nelle battaglie di Curtarone e Montanara, pagando con le loro vite un ritardo inflitto alla marcia austriaca. Ciò permise la brillante vittoria dei Piemontesi a Goito, a cui seguì la presa di Peschiera. Era il culmine dei successi piemontesi, ma era anche la fine.

67

La battaglia di Custoza vide una grave sconfitta dei Piemontesi, che li indussero a stipulare un armistizio. In Toscana e a Roma salirono al governo i democratici, mentre i rispettivi sovrani fuggirono. Carlo Alberto ritenne così di dover rientrare nel conflitto, esponendosi però, dopo un mese, a una catastrofica sconfitta a Novara, che gli costò l'esilio. Seguì l'armistizio di Vignale, ottenuto dal nuovo re Vittorio Emanuele II, a condizioni tutto sommato favorevoli.

77

Eliminato militarmente il Regno di Sardegna, gli Austriaci si dedicarono alla repressione dei rimanenti nuclei di resistenza che si battevano per la causa italiana. Genova venne cannoneggiata dagli stessi Piemontesi. Brescia si guadagnò il soprannome di Leonessa d'Italia, conducendo una violentissima lotta contro gli Austriaci. Infine, fu la volta di Roma e di Venezia. La prima rappresentò la sovranità popolare e concesse l'autonomia delle amministrazioni locali, la libertà religiosa e il suffragio universale. Stretta d'assedio, Venezia proclamò la resistenza ad oltranza il 2 aprile. Il 23 agosto cessò la sua eroica e vana lotta. Si concludeva così la prima guerra di indipendenza italiana e i moti del 1848. La conservazione aveva vinto dovunque e presto sarebbe iniziata la cosiddetta "seconda restaurazione". I democratici avevano dato prova di coraggio e di ideali, ma, privi di un'autentica base di massa, erano stati sconfitti. Le sorti delle aspirazioni nazionali e liberali rimanevano adesso affidate al Piemonte.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

La Prima Guerra d'Indipendenza in breve

Capire meglio ciò che siamo diventati oggi, le scelte dei nostri avi,, questo è il motivo per cui studiamo la storia; dopotutto, proprio tali scelte hanno decretato il destino e il disegno politico e sociale del nostro paese, l'Italia. È una lunga...
Elementari e Medie

Le cause della prima guerra di Indipendenza

Tutti i moti rivoluzionari durante il corso del 1848 sconvolsero pesantemente tutta la penisola oltre che l'Europa scatenando un frastuono generale che sconvolse causando un moto ampissimo fatto di terre, cultura, religioni e società diverse tra loro...
Elementari e Medie

La seconda guerra d'indipendenza nel 1859

Lo Stato Italiano è il risultato di tre Guerre d'Indipendenza.Ma per la definizione degli attuali confini si è dovuto attendere la fine della prima guerra mondiale.Trentino e Venezia Giulia sono entrati a far parte dell'Italia solamente in seguito ai...
Superiori

Il Risorgimento italiano: guida

Il Risorgimento italiano è un periodo storico molto importante per la nostra Nazione. Esso infatti ci ha portato alla formazione dello Stato unitario italiano per mezzo dei maggiori esponenti di quel periodo. Il RIsorgimento si concluse con l'occupazione...
Superiori

Storia: il Risorgimento

Con il termine Risorgimento in storia ci si riferisce a un periodo caratterizzato da una rivoluzione culturale, politica e sociale che, dopo diverse peripezie, portò all'Unità Italiana. Il Risorgimento rese l'Italia un Paese geograficamente unito e...
Elementari e Medie

La terza guerra d'indipendenza in breve

Conoscere la storia del proprio paese è importante per capire le scelte e le decisioni che hanno detrminato l'accadimento di certi eventi, e che hanno influenzato e delineato il quadro politico e sociale attuale. Purtroppo a scuola la storia non è sempre...
Superiori

Appunti di storia: la rivoluzione di Luglio

Dallo scoppio della rivoluzione francese nel 1789 l'Europa si era profondamente trasformata. La Restaurazione quindi non poteva essere un ritorno integrale al passato, in quanto in molti paesi c'erano stati dei mutamenti irreversibili. In Francia, ad...
Superiori

Storia: il Regno Lombardo-Veneto

Il regno Lombardo-Veneto è uno Stato dipendente dall'Impero Austriaco: esso venne fondato nel 1814 a seguito del Congresso di Vienna, uno dei momenti chiave della storia moderna. I lombardi e i veneti, infatti, non sopportavano la politica austriaca,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.