Storia: la guerra franco-spagnola

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La guerra franco-spagnola (1635-1659) è stata un conflitto militare provocato dal coinvolgimento della Francia nella Guerra dei Trent'anni: dopo che gli alleati tedeschi della Svezia vennero obbligati a chiedere conto al Sacro Romano Impero, il cardinale parigino Richelieu (primo ministro dell'epoca) dichiarò guerra alla Spagna, poiché il territorio francese era circondato da territori asburgici.
Il conflitto era una continuazione degli obiettivi della guerra di successione di Mantova (1628-1631), dove la Francia invase l'Italia settentrionale per impossessarsi del territorio rivendicato dagli Asburgo di Spagna.
La battaglia terminò nel 1659 con il Trattato dei Pirenei e, nella seguente dettagliata ed esaustiva guida che vi esplicherò successivamente, vi fornirò alcuni appunti di storia sulla guerra franco-spagnola.

26

La guerra franco-spagnola cominciò con una vittoria promettente dei francesi nella città di Les Avins (1635): l'anno successivo, le forze spagnole replicarono con le campagne devastanti nel Nord della Francia, sconvolgendo molto l'economia della Regione.
Gli spagnoli sembravano destinati ad invadere la Capitale Parigi, ma le problematiche di bilancio li obbligarono a sospendere le proprie aggressioni: la tregua negli attacchi della Spagna diede ai francesi l'opportunità di riorganizzarsi e costringere gli avversari a retrocedere verso il confine settentrionale.

36

Nel 1640, le tensioni politiche interne provocate dal peso della Guerra dei Trent'anni hanno condotto alle rivolte simultanee della Catalogna e del Portogallo contro gli Asburgo di Spagna: pertanto, gli spagnoli si ritrovavano a combattere due enormi guerre di secessione, oltre ad un grande conflitto internazionale.
La caduta totale dell'impero spagnolo appariva oramai imminente e il mito della loro invincibilità era arrivato inevitabilmente al termine: i francesi invasero la Catalogna apparentemente per aiutare i ribelli e, nell'anno 1643, sconfissero uno dei migliori eserciti di Spagna a Rocroi, nel Nord della Francia.

Continua la lettura
46

Nella Penisola Italiana, intanto, la guerra proseguiva lungo il confine tra il Piemonte e la tenuta spagnola del Ducato di Milano.
Per due volte, ovvero dal 1647 al 1649 e dal 1655 al 1659, la Francia riuscì ad aprire un altro fronte ed ottenere l'alleanza del duca di Modena Francesco I d'Este: al Sud, invece, la rivolta napoletana crollò e le forze francesi vennero cacciate da quelle spagnole, nel 1648.

56

Il 5 Novembre del 1659 venne firmata il Trattato dei Pirenei, con il quale la Francia ottenne il territorio di Rossiglione ed ulteriori luoghi nel confine con l'Olanda: in cambio, i francesi scelsero di concludere il proprio sostegno al regno separatista del Portogallo, nell'ambito della battaglia di restaurazione portoghese.
Infine, in data 27 Gennaio 1660, il principe di Condé domandò e riuscì ad ottenere il perdono del re Luigi XIV di Borbone.

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Storia: la seconda guerra persiana

La seconda guerra persiana (480-479 a. C.) si verificò durante le guerre greco-persiane, quando il re Serse I di Persia cercò di conquistare totalmente la Grecia. Tuttavia, la maggior parte delle città greche rimasero neutrali e sottoposte a Serse....
Elementari e Medie

Appunti di storia: la prima guerra balcanica

All'interno di questa guida, andremo a trattare un tema molto importante all'interno della Storia del 1900, le guerre balcaniche. Nello specifico, ci dedicheremo alla prima guerra balcanica, cercando di fornire un riassunto che abbia all'interno tutti...
Elementari e Medie

La seconda guerra d'indipendenza nel 1859

Lo Stato Italiano è il risultato di tre Guerre d'Indipendenza.Ma per la definizione degli attuali confini si è dovuto attendere la fine della prima guerra mondiale.Trentino e Venezia Giulia sono entrati a far parte dell'Italia solamente in seguito ai...
Elementari e Medie

La terza guerra d'indipendenza in breve

Conoscere la storia del proprio paese è importante per capire le scelte e le decisioni che hanno detrminato l'accadimento di certi eventi, e che hanno influenzato e delineato il quadro politico e sociale attuale. Purtroppo a scuola la storia non è sempre...
Elementari e Medie

Prima Guerra Mondiale Riassunto

La Prima Guerra Mondiale ha segnato il corso del secolo scorso, cambiando inesorabilmente il mondo e influenzando per diretta conseguenza anche la società attuale. È stata la prima guerra che ha visto l'utilizzo di nuove armi e ad alto sterminio come...
Elementari e Medie

Le cause della prima guerra di Indipendenza

Tutti i moti rivoluzionari durante il corso del 1848 sconvolsero pesantemente tutta la penisola oltre che l'Europa scatenando un frastuono generale che sconvolse causando un moto ampissimo fatto di terre, cultura, religioni e società diverse tra loro...
Elementari e Medie

Appunti di storia: i franchi e il feudalesimo

In questa guida, vogliamo proporvi dei veri e propri appunti di storia e nello specifico vogliamo aiutarvi a capire ed anche a studiare, nella maniera più corretta possibile, i Franchi ed anche il Feudalesimo, in modo da poterlo memorizzare con estrema...
Elementari e Medie

La Seconda Guerra d'Indipendenza in breve

In questa guida verranno date nozioni informative circa la Seconda Guerra d'Indipendenza. In breveessa iniziò tra l'Aprile e il Luglio del 1859, ovvero in pieno Risorgimento. Venne combattuta dalla fazione sarda e francese contro quella austriaca. Fu...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.