Storia: la Guerra del Vietnam

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Agli inizi degli anni '60 per il presidente John Kennedy, la preoccupazione principale era quella di non perdere il Vietnam come era successo con la Cina. Da anni gli Stati Uniti, lottavano contro l'espansione del Comunismo da parte dell'Unione Sovietica. Per capire l'argomento, dobbiamo analizzare la storia dall'inizio. La Guerra del Vietnam ha proseguito per circa 10 anni. Risalgono a prima del 1964 i primi dissapori tra i due regimi. Dopo la Conferenza di Ginevra, sono nate: Cambogia, Laos e Vietnam, dove una volta era soltanto Indocina.

26

Il territorio: la sua composizione

A sua volta il territorio vietnamita, era composto dalla zona nord e da quella a sud. Negli anni il paese, sarebbe dovuto essere riunificato. Per varie cause questo non è avvenuto. Il motivo principale è l'ideologia differente dei due partiti. A sud c'era Dinh Diem appoggiato dagli americani. A nord regnava Ho Chi Min, di idee poco conservatrici.

36

La crisi

La crisi del posto risale al 1945. I ribelli occuparono la parte settentrionale, sotto la guida del loro capo. Con la forza si sono impossessati della colonia francese dell'Indocina. Gli americani iniziano a dare aiuti alla Francia e la questione sembra appunto conclusa, nel 1954 con la Conferenza di Ginevra. Si decide di dividere la terra interessata in due regioni. Ma si capisce subito che gli accordi non li rispetta nessuno, sono solo una formalità. I due leader hanno due pensieri opposti. Questo provoca instabilità non solo a livello politico. Quando nel 1964 muore Kennedy, Johnson decide di aumentare le truppe statunitensi impegnate sul luogo.

Continua la lettura
46

Gli USA

Tutto questo accresce la presa di opposizione del Fronte di Liberazione Nazionale filo-comunista nato nel 1960. Intanto qualche anno dopo viene eletto il presidente Nixon e la situazione che perdurava da anni si aggrava. Sopraggiunge lo Scandalo Watergate che ostacola la presidenza e nel 1973 gli Stati Uniti d'America decidono il ritiro delle truppe. Ma i combattimenti si susseguirono, infatti la guerra termina solo due anni più tardi. Il conflitto ha un importanza storica, in quanto dopo la seconda guerra mondiale, costituisce la peggior perdita per il nuovo continente. Poco servì sospendere gli aiuti a Saigon, in cambio di un governo democratico e una divisione temporanea del territorio vietnamita. È solamente la caduta di Saigon che sancisce la fine. Nonostante l'impiego di navi, aerei e altre forze armate, l'America ne viene fuori con quasi 57.000 vittime e 150.000 feriti. Oltre tutto stimare le cifre è tutt'ora impossibile. Non è facile risalire alle registrazioni e ai documenti ufficiali.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Filosofia: il confucianesimo

Il confucianesimo è forse la religione più intrisa di filosofia e di regole di vita. Studiarla significa cercare di entrare a fondo dentro una cultura diversissima della nostra e, forse anche per questo, molto affascinante. Si tratta di una religione...
Superiori

Storia: la decolonizzazione

La storia della decolonizzazione ha inizio nel secondo dopoguerra. È un processo attraverso il quale una nazione, prima sottomessa ad una potenza coloniale, ottiene la propria indipendenza. Il periodo di colonizzazione più forte si ebbe negli anni che...
Lingue

Dieci motivi per studiare il francese

Quando si ha l'occasione e la fortuna di poter studiare una lingua straniera, la prima domanda che solitamente ci si pone è: mi sarà utile? Ecco, a questa domanda la risposta è facile: sì, senz'altro! Ma non solo la lingua francese: l'apprendimento...
Superiori

La questione palestinese in breve

Un tema che ormai è all'ordine del giorno in tutti i telegiornali e mezzi di comunicazione in generale è la così detta questione Palestinese. Pur essendo un tema attuale, le radici e le motivazioni che lo hanno caratterizzato sono antiche. Fare un...
Superiori

Conseguenze della prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale scoppiò nel 1914 e vide coinvolti l'Impero Tedesco, l'Impero Austro-ungarico e l'Impero Ottomano contro Impero Russo, il Regno di Serbia, l'Impero britannico, l'Impero Giapponese, il Regno d'Italia, gli Stati Uniti e altri stati...
Superiori

Storia della guerra in Siria

Confinante con Iraq e Turchia, e con capitale Damasco la Siria è uno stato arabo che si affaccia sul mar Mediterraneo. Dal punto di vista costituzionale è una repubblica di tipo presidenziale, ma da sei anni è dilaniata da un conflitto civile che...
Superiori

Storia: la Breccia di Porta Pia

Nel 1860, l'attuale Capitale d'Italia non apparteneva alla Penisola Italiana. A quei tempi Roma faceva parte del regno pontificio. Il territorio romano diventò una città italiana il 20 Settembre 1870, grazie ad un gruppo ben fornito di Bersaglieri e...
Superiori

Storia: le origini della guerra fredda

Nel periodo seguente alla fine del secondo conflitto mondiale, per quasi 50 anni, la situazione politica generale venne fortemente compressa dallo scontro tra i paesi a regime comunista, guidati dall'Unione Sovietica e l'Occidente, capeggiato invece dagli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.